Bad Pritt – EP1 (Shyrec/Ricco, 2021)

Ascoltare ad alto volume. Per quanto possa sembrare strano riferito ad un EP che ha nel piano lo strumento principale e di umore decisamente cameristico, questa è l’indicazione che dovrebbe campeggiare sulla copertina di questo nuovo lavoro di Bad Pritt. È infatti il volume che ci permette di cogliere ogni fruscio, ogni rumore, ogni minima increspatura del suono, tutte parti fondamentali di un lavoro che sulla valorizzazione di questi pochi ingredienti si basa. Distante delle atmosfere del disco d’esordio, alleggerito di buona parte dell’elettronica e della voce (ma non delle parole, che ritroviamo nel libretto allegato alla bella confezione curata da Marco Pandin), EP1 è un lavoro volutamente spoglio ma non povero: semmai minimale – nell’intessere piano, archi e silenzi – e sintetico, perché su certe cose è inutile, forse deleterio, dilungarsi. Esperire l’assenza – intesa in ogni sua forma – ed elaborarla: questo l’idea che ha ispirato il lavoro. Argomento non facile – il rimosso per eccellenza della cultura occidentale contemporanea – che qui prende la forma di sette brevi meditazioni, melodie pianistiche che, negli attimi di stasi, lasciano emergere fruscii, vibrazioni e rumori che si muovono all’unisono con le note, talvolta anticipando leggermente gli accordi, come se fossero state microfonate le meccaniche del pianoforte o il corpo stesso del musicista: tutti elementi che contribuiscono a dare spessore e tangibilità al suono e che ci parlano non meno della musica, una musica che rifugge le facili malinconie che il tema solitamente evoca, assumendo invece una compostezza quasi zen. Che si tratti della ripetitiva e vibrante Day 3, dell’incerta Day 4 o della più luminosa Day 6, ritroviamo sempre la concretezza di un’opera che non coinvolge solo l’anima, ma anche il corpo; e proprio sulla consapevolezza che la cura dell’una non può prescindere da quella dell’altro, si gioca l’elaborazione del lutto che EP1 mette in scena: non mera attività intellettuale ma atto, azione, relazione. Tutto dura poco più di venti minuti, un tempo breve ma sufficiente a toccarci e scuoterci nell’intimo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

The Lovely Savalas - Pornocracy (Above Ground, 2011)

Ho sempre pensato che già dalla cover si possa intuire molto del contenuto di un disco. Cristiano Carotti, l'artista umbro…

16 May 2011 Reviews

Read more

The Dust Dive - Asleep Or Awake Walk (Own, 2005)

Alle volte, ti trovi in situazioni in cui ti sembra di percepire il famoso cespuglio di sterpi che rotola come…

07 Jan 2007 Reviews

Read more

Elks - S/T (The Great Outdoors, 2008)

Dopo un mini tour di cinque date in terra d'Albione e uno split, i modenesi Three in One Gentleman…

06 Jan 2009 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Pink Mountaintops – 19/09/2104 Interzona (Verona)

Dopo una prima metà dell’anno in sordina, senza nomi di grande richiamo, l’Interzona riapre la stagione con piglio affatto diverso.…

24 Sep 2014 Live

Read more

Setting Sun - Be Here When You Get There (Young…

Setting Sun è un progetto che nasce dalla mente di Gary Levitt, con una lineup che ruota a seconda…

29 Apr 2014 Reviews

Read more

Lightning Bolt + Zu + Ovo - 18/11/08 Interzona (Verona)

Mi era stato riferito, da fonti attendibili, che sarebbe stato il loro ultimo tour. Mi avevano detto che, almeno una…

25 Nov 2008 Live

Read more

Gräfenberg - The Grind Album (Solitude Beast, 2010)

Dopo i Crampi Punk, i Void, i Kermit e la cronaca nera condita a botte di amianto ecco qualcosa di…

05 Jan 2011 Reviews

Read more

The Bowerbirds - Hymns For A Dark Horse (Dead Oceans,…

Che, da qualche parte, la quadratura del cerchio dovesse arrivare, era ovvio. Pacifico era che, per qualche folkster impazzito che…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

Jesu – Christmas (Avalanche, 2010)

Non credo che su queste pagine si sia mai trattato del nome dietro cui, da oltre un lustro, si nasconde…

12 Jan 2011 Reviews

Read more

Julia Kent - Character (Leaf, 2013)

Terzo disco solista per Julia Kent, che si accasa questa volta su Leaf, in un continuo crescendo di notorietà: Character…

21 Mar 2013 Reviews

Read more

St.Ride - Antologia Del Medio Mongoholi Nasi (Setola Di Maiale,…

"Genova's best kept secret", ma sarà davvero un segreto? Alla fine io li ho scoperti con quel piccolo capolavoro (e…

10 Jan 2008 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Amen Ra - Mass V (Neurot, 2012)

La paura è quella di accendere una luce, di veder filtrare un raggio di sole, di imbattersi in un'incandescenza che…

18 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top