(r) – Titan Arum ( Cheap Satanism/Delete Recordings, 2021)

Non è semplice calarsi dentro Titan Arum. I primi due minuti e trenta di Botox sono infatti in qualche modo respingenti tanto quanto ruvidi. Poi parte l’anestetico ed i suoi effetti collaterali, le due voci dei Father Murphy si uniscono in controcanti mentre la musica sempra perdere giri, rimanendo sciancata su se stessa. The men in pink Fabrizio Modonese Palumbo porta seco una famiglia allargata, spruzzi di colore in una formazione agile, che balla in una discoteca nella quale i Klaus Johan Grobe, gomiti al bancone, si troverebbero da dio. Pezzi brevi e pop si alternano a disgressioni ritmiche e gittate oscure e wave. Parasomnia è al tempo stesso distraente ed attraente, un flamenco dettato da creature in stato di trasformazione, forse proprio come il fallo gigante, mentre Oblivion chiude Depeche Mode e Xiu Xiu in una gabbia in cantina, lasciandoli a creare con giocattoli e sedativi. Il culmine è ovviamente il pezzo col cammello, For Those Like Me, che si avvale dei rumori del mammifero creando beats rullanti e tappeti dinoccolanti. Scavallato si prende del buon luccichio ’80, sguardi annebbisati e voci lontani per una Vacant Stares che si fa in fretta ottundente ed immediata. The Lama and the Rabbit è l’incontro di due coniugi, Fabrizio e Paul Beauchamp, di due luoghi, Torino e Svalbard (rappresentati dai field recordings recuperati su entrambi i campi, se l’avete perso recuperatevi quanto fatto in loco dai Blind Cave Salamander) e di un ukulele sommerso ed affogato nelle acque artiche. Tra elettricità statica e spire malefiche si contorce la seguente The Sssophisssticated Sssofa Sssnakesss fino a vedere una sorta di luminosità aggressiva che non ri riesce comunque a raggiungere, rincorsi da un beat dentro al quale vola fioca la lap-steel di Teho Teardo. Quando il tutto si cheta entriamo nell’ultima parte dell’album, con una Pira-Pira che stride e che brucia, quasi che l’infiorescenza sia ormai putrida ed inacidita, per pacificarsi sotto le parole di Klaus Miser. Con Red Coat e Lullaby (del per sempre grande Leonard Cohen) si entra nel finale: il primo brano sembra essere un cuore pulsante, caldo, abbandonato fra la neve. Le sventagliate di Fabrizio e Daniele Pagliero sono fredde e sferzano il viso, con il calore si attenua sempre di più e la luce che va a scomparire, fino a diventare un piccolo punto caldo in profondità, ormai irraggiungibile. Si chiude con una ninna nanna quindi, infernale come solo il nostro poteva offrirci, dolente e stridente, per un lavoro che forse mai come questa volta lo ha visto al timone di una banda dolente, cerimoniere di una congrega che ormai ha perso la rotta e vaga, trasformando ogni apporto nel teatro più spietato che esista, quello della vita. Se a questa vita in fiore aggiungiamo poi il vestito della festa, creato ad hoc dalla mano santa di Marco Schiavo che altro ci resta? Fatelo vostro, in ogni formato, e donatelo a chi vorreste vicino.

 

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mother – S/T (Commando Vanessa, 2019)

C’è in giro una nuova etichetta, nata dall’inesauribile substrato della città di Torino: Commando Vanessa è ambigua fin dal titolo,…

15 Oct 2019 Reviews

Read more

Wora Wora Washington - Mirror (Shyrec, 2016)

Mi ricordo della prima volta che ho visto i Wora Wora Washington. Sono capitata a una data del tour di Radical…

03 Mar 2017 Reviews

Read more

Father Murphy/HMWWAWCIAWCCW - 7" split (Aagoo/Avant!/Boring Machines/Brigadisco et al., 2011)

Sotto la benedizione di ben sei etichette e con echi di tuono in lontananza, entriamo nella prima facciata a 45…

09 Nov 2011 Reviews

Read more

Improvvirusoundexperience - Supercoclea For New Apes (Setola Di Maiale, 2008)

Grazie ad internet avevo già sentito qualcosa di questo mammut di tredici elementi a fiati, batterie, chitarra, basso elettrico e…

28 Apr 2008 Reviews

Read more

Eine Stunde Merzbauten - 7305 (Autoprodotto, 2014)

Gli Eine Stunde Merzbauten sono la nuova mutazione dei Napalmed, da sempre creatura di RadeK.K., ultimamente ancora di più dopo…

03 Dec 2014 Reviews

Read more

Kyle Bruckmann's Wrack - Cracked Refraction (Porter, 2012)

Welcome back Kyle! Sono parecchio legato a Kyle Bruckmann dopo un bellissimo lavoro per la Barely Auditable di Scott Rosemberg…

29 Oct 2012 Reviews

Read more

Luminance Ratio - Honey Ant Dreaming (Alt.Vinyl, 2016)

Esce per Alt.Vinyl il terzo disco dei Luminance Ratio e va a fare compagnia al nutrito catalogo dell'etichetta inglese: d'altronde…

19 Sep 2016 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti -Volume Quattro (Escape From Today, 2019)

Ormai le suite di Paolo sono classic rock nel senso più alto del termine: Spaccamonti è uguale solo a sé…

21 Jan 2020 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Past The Mark - Hakhel Tribulation (Nu-Jazz, 2011)

Il progetto Past The Mark coinvolge all'interno dello stesso disco due amici di lunga data, Vincenzo Pastano e quel Marc…

16 Apr 2012 Reviews

Read more

Nole Plastique - Escaperhead (Nexsound, 2008)

Altra uscita per l'etichetta "pop" di Andrei Kiritchenko, la terza per essere precisi e la prima ad essere davvero interessante…

17 Jun 2008 Reviews

Read more

Compest - Zeugen (Der Leere) (Luce Sia, 2018)

Sublime progetto solista di Martin Steinebach, nuovamente su Luce Sia, che riassume in una minuscola cassetta tutto ciò che il…

06 Nov 2018 Reviews

Read more

Il compleanno del Megawolf 2 – 05/02/11 Ekdina (Carpi -…

Strano animale il Megawolf che da un anno all'altro cambia la data del compleanno. Trattandosi comunque di una tremenda e…

26 Feb 2011 Live

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 32 (04/06/15)

Puntata numero trentadue della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta al fulmicotone tra rock…

07 Jun 2015 Podcasts

Read more

Aucan - S/T (Africantape/Ruminance, 2008)

Giù la maschera: ero partito molto prevenuto nei confronti degli Aucan, temevo che sulla scia dei Three Second Kiss fossero…

16 Jun 2008 Reviews

Read more

Capillary Action - Fragments (Pangaea, 2004)

Intitolare un disco frammenti, per poi non stupirsi che la gente si stupisca del suo essere frammentario. Ogni pezzo un…

16 Aug 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top