Grand Drifter – Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger.
Una risposta.
Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo rilanciato.

Piccoli scampoli di una conoscenza acerba, ma tanto mi basta per voler bene ad Andrea Calvo, titolare della sigla Grand Drifter. Parole grosse direte, eppure…fatevi un giro sul suo sito bandcamp, guardate l’attenzione e la linea grafica che contraddistingue ogni sua uscita, ogni suo singolo brano. Due mondi distinti ed eleganti per due dischi, Circus Days del 2018 e questo nuovo Only Child in uscita a novembre 2021. Musica frizzante, autunnale ed elegante, che mi riporta ad una freschezza mai sopita. Il comunicato stampa parla di Go Betweens, Sarah Records e Beatles, nomi enormi che fanno capire l’universalità e l’anima popolare di questa musica. Giochi di chitarre e di voci, quelle di Andrea e di Alice Cavalieri, che disegnano immagini come proiezioni d’amore cinematografiche. Storie che veicolano immagini immediate, in cui correre in collina o guardarsi di sottecchi in un parco.
Melenso? Banale? Scontato?
Siete fuori strada, che il Pop, quello con la P maiuscola, va cesellato con pazienza e con passione, io ci sento delle Marine Girls più mascoline (As a light farewell), dei Pernice Brothers che corrono a perdifiato (Diary of Sorts), dei bellissimi riferimenti per una personalità molto ben salda e sviluppata, per un lavoro certosino.
Per associazioni libere su lavoro e musicista mi chino sulle immagini che corredano quanto speditomi da Andrea, firmate da Daniela Tornato ed il giallo delle foglie che contornano Andrea mi riportano a quanto letto riguardo al colore dell’anno 2021. Giallo su grigio, così come la luce dei brani del grande girovago squarciano nubi e monotonia portandoci sorrisi ed ondeggiamenti repentini di capo e spalle. Prendiamola cosi, come il destino, magari con l’acida To The Evening Stars e la chitarra di Cristian Soldi, godendoci un tramonto con una temperatura accettabile, la giacchetta sopra la spalla mano nella mano con l’amore ed i Grand Drifter lì, in un angolo, a suonarcela beati. Beati, già, che come leggo a volte il progetto si allarga ed oltre ai collaboratori citati diventa una vera e propria big band, comprendenti Paolo Enrico Archetti Maestri (dagli Yo-Yo Mundi, che producono anche il disco con Sciopero), i Cavalieri Andrea e la già citata Alice, Eugenio Merico e Dario Mecca Aleina.
Che aggiungere ancora? Gran gusto, gran bei pezzi, gran bel giro di musicisti (fra gli altri spuntano anche gli Smile Hamilton Santià e Michele Sarda, autori di The Name of this Band Is Smile, altro disco molto bello uscito questa primavera, se ve lo siete perso recuperatelo!), uscita in CD e LP, di sicuro un regalo di natale che sarà graditissimo a chi ancora si balocca con queste sette note che non danno tregua ai turbamenti dei nostri struggenti amori.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Benjamin Finger, James Plotkin & Mia Zabelka - Pleasure-Voltage (Karlrecords,…

La prima cosa che colpisce di Pleasure-Voltage è una certa austerità della produzione che inaspettatamente si sposa alla perfezione con…

28 Mar 2019 Reviews

Read more

Pepper And Bones - _one (Nonine, 2009)

Per la serie meglio tardi che mai, eccomi qui a recensire altro materiale su Nonine e non posso che suggerirvi…

02 Oct 2009 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

Nicker Hill Orchestra – All The Different Deaths… And Rebirths…

Il post rock come il progressive italiano alla fine degli anni ’70? Quanto manca prima che, numericamente parlando, gli attuali…

22 Oct 2009 Reviews

Read more

DD Owen - S/T (12XU, 2016)

Nella sezione "miglior rumenta del 2016" ecco che mi sento di caldeggiare Il 19enne Drew Owen, trasferitosi a New Orleans…

02 Aug 2017 Reviews

Read more

Cégiu - Glowing Goodbyes (LP/CD limited editions, autoprodotto, 2022)

A volte la radio rapisce. Come questa sera, nel dopocena, mentre una radio nazionale manda un programma di approfodimento sulla…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Shoplifting - Ep (Kill Rock Stars, 2004)

Secondo quanto ho imparato dai film, il comunismo, in America, è perseguito per legge. Ai socialisti fanno bere l'olio di…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - Brucia Imperia Brucia (Good Vibes, 2007)

Certamente per una buona causa. Chi vive all'estrema periferia dell'impero, emblematicamente gli abitanti di Imperia, non vuole esser dimenticato…

15 Jun 2008 Reviews

Read more

Enkil/La Furnasetta – Industrial Archeology (Luce Sia, 2019)

Chi si appresta all’ascolto di Industrial Archeology, cassetta split pubblicata da Luce Sia, non può farsi illusioni: il titolo e…

27 Aug 2019 Reviews

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè,…

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul…

03 Dec 2012 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Songs About Music (Wallace/North Pole, 2010)

Mr. De Leon qualcuno di voi se lo ricorderà per i Rollerball, come molti di voi sapranno questo è il…

16 Mar 2010 Reviews

Read more

Antonello Cresti - Lucifer Over London (Aereostella, 2010)

Sarebbe ahimè troppo sostenere che questo libro, dall'eloquente sottotitolo di "Industrial, folk apocalittico e controculture radicali in Inghilterra", vada a…

15 Oct 2010 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Eine Stunde Merzbauten - 7305 (Autoprodotto, 2014)

Gli Eine Stunde Merzbauten sono la nuova mutazione dei Napalmed, da sempre creatura di RadeK.K., ultimamente ancora di più dopo…

03 Dec 2014 Reviews

Read more

King Dude – Tonight’s Special Death (Avant!, 2011)

Ci arriva dal profondo nord-ovest degli Stati Uniti, passando per Bologna dove la Avant! gli ha ripubblicato in vinile (con…

06 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top