Grand Drifter – Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger.
Una risposta.
Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo rilanciato.

Piccoli scampoli di una conoscenza acerba, ma tanto mi basta per voler bene ad Andrea Calvo, titolare della sigla Grand Drifter. Parole grosse direte, eppure…fatevi un giro sul suo sito bandcamp, guardate l’attenzione e la linea grafica che contraddistingue ogni sua uscita, ogni suo singolo brano. Due mondi distinti ed eleganti per due dischi, Circus Days del 2018 e questo nuovo Only Child in uscita a novembre 2021. Musica frizzante, autunnale ed elegante, che mi riporta ad una freschezza mai sopita. Il comunicato stampa parla di Go Betweens, Sarah Records e Beatles, nomi enormi che fanno capire l’universalità e l’anima popolare di questa musica. Giochi di chitarre e di voci, quelle di Andrea e di Alice Cavalieri, che disegnano immagini come proiezioni d’amore cinematografiche. Storie che veicolano immagini immediate, in cui correre in collina o guardarsi di sottecchi in un parco.
Melenso? Banale? Scontato?
Siete fuori strada, che il Pop, quello con la P maiuscola, va cesellato con pazienza e con passione, io ci sento delle Marine Girls più mascoline (As a light farewell), dei Pernice Brothers che corrono a perdifiato (Diary of Sorts), dei bellissimi riferimenti per una personalità molto ben salda e sviluppata, per un lavoro certosino.
Per associazioni libere su lavoro e musicista mi chino sulle immagini che corredano quanto speditomi da Andrea, firmate da Daniela Tornato ed il giallo delle foglie che contornano Andrea mi riportano a quanto letto riguardo al colore dell’anno 2021. Giallo su grigio, così come la luce dei brani del grande girovago squarciano nubi e monotonia portandoci sorrisi ed ondeggiamenti repentini di capo e spalle. Prendiamola cosi, come il destino, magari con l’acida To The Evening Stars e la chitarra di Cristian Soldi, godendoci un tramonto con una temperatura accettabile, la giacchetta sopra la spalla mano nella mano con l’amore ed i Grand Drifter lì, in un angolo, a suonarcela beati. Beati, già, che come leggo a volte il progetto si allarga ed oltre ai collaboratori citati diventa una vera e propria big band, comprendenti Paolo Enrico Archetti Maestri (dagli Yo-Yo Mundi, che producono anche il disco con Sciopero), i Cavalieri Andrea e la già citata Alice, Eugenio Merico e Dario Mecca Aleina.
Che aggiungere ancora? Gran gusto, gran bei pezzi, gran bel giro di musicisti (fra gli altri spuntano anche gli Smile Hamilton Santià e Michele Sarda, autori di The Name of this Band Is Smile, altro disco molto bello uscito questa primavera, se ve lo siete perso recuperatelo!), uscita in CD e LP, di sicuro un regalo di natale che sarà graditissimo a chi ancora si balocca con queste sette note che non danno tregua ai turbamenti dei nostri struggenti amori.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Tindersticks - Across Six Leap Years (City Slang, 2013)

Sono da sempre un grande fan della band di Nottingham, capace, a mio avviso, di regalare dischi di assoluto prestigio…

06 Feb 2014 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Sleeping People - Growing (Temporary Residence, 2007)

Ricordate la Temporary Residence? L’etichettina americana post-rock melodico che fra le altre cose aveva stampato alcuni capolavori come Tarentel, Cerberus…

17 Oct 2007 Reviews

Read more

Hong Chulki & Will Guthrie - Mosquitoes and Crabs (Erstwhile,…

Il rischio che corre un lavoro costruito su concetti frammentari e irrisolti come questo Mosquitoes and Crabs è quello di…

12 Jun 2018 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Fabio Battistetti - Into The Wood (Creative Sources, 2014)

Risultato di un lavoro iniziato già anni fa come una performance dal vivo e poi raffinato via via, questo Into…

24 Dec 2014 Reviews

Read more

Pow-Wow - House Sounds (Luce Sia, 2018)

Ancora una volta l'etichetta svizzera riesce a stupirci ripescando dai meandri del tempo un  demo del 1988 dei Pow-Wow, oscura…

20 Oct 2018 Reviews

Read more

Andrea Marutti/Fausto Balbo – Detrimental Dialogue (Afe/Boring Machines/Fratto9 Under The…

Detrimental Dialogue è il tipico caso di disco difficile da recensire, sia per l'oggettiva difficoltà di rendere con le parole…

15 Sep 2010 Reviews

Read more

Junkfood – Transience (Parade/Trovarobato, 2011)

Parade è la costola della Trovarobato che si occupa di dare visibilità a musiche che presso l'etichetta madre difficilmente troverebbero…

27 Jul 2011 Reviews

Read more

Modotti - Come Ti Senti (Upupa/Fooltribe, 2016)

I Modotti sono un trio bolognese. Si chiamano così in onore di quella gran donna che è stata Tina Modotti.…

24 Feb 2016 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more

Johnny Grieco: dai Dirty Actions a tronista mancato

Johnny Grieco detto "il bello" incarna perfettamente l'eroe tragicomico impersonato da Mickey Rourke nello stupendo The Wrestler, con l'attenuante che,…

18 Jun 2010 Interviews

Read more

Mother – S/T (Commando Vanessa, 2019)

C’è in giro una nuova etichetta, nata dall’inesauribile substrato della città di Torino: Commando Vanessa è ambigua fin dal titolo,…

15 Oct 2019 Reviews

Read more

DsorDNE - Grafio Ricerca 010 (Asbestos Digit, 2018)

Torna un monicker storico della scena industriale italiana, DisorDNE, dietro al quale prendono forma le visioni sperimentali di Marco Milanesio.…

24 Jul 2018 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto: ombre spalmate sui bordi dei pensieri

Difficile definire con poche parole la musica di Daniele Brusaschetto: il suo lungo percorso già dagli inizi mostrava un taglio…

15 Mar 2015 Interviews

Read more

Psycho-Path - The Ass-Soul Of Psycho-Path (Moonlee, 2008)

Con una copertina del genere ti esponi talmente che, o sei un genio alla Miles Davis, o fai parte…

09 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top