Lazarus – The Trickster (St. Ives, 2009)

Trevor Montgomery, fuoriuscito dai Tarentel alcuni anni fa, ha imboccato il sentiero già battuto da altri (Steve Von Till e Alexander Tucker, per esempio) che dalla psichedelia più dura porta a una sorta di folk ancestrale; lo ha fatto col solitario progetto Lazarus, giunto al suo quarto capitolo. The Trickster è edito in 300 copie in vinile color ambra dalla St. Ives, succursale della Secretly Canadian e, almeno la mia copia, è contenuta nella copertina dell’LP Submarine dei Dead Science, in buona parte coperta da strisce di densa vernice nera. Sono pochi gli elementi di cui Lazarus si serve per comporre le proprie canzoni: la voce baritonale e la chitarra, sempre; poi, quasi mai compresenti, un glockenspiel, un’altra chitarra in loop, un basso, un’armonica. Se a questo aggiungiamo che le due facciate sono contraddistinte semplicemente dai nomi di due animali tradizionalmente reietti, il corvo e il coyote, potete intuire cosa vi riserverà l’ascolto. Un disco spoglio come l’inverno, dove la tradizione folk americana si sposa con eterei droni che sembrano evocare il lento ciclo delle stagioni. Ripetitivo è anche lo schema delle canzoni: chitarra pizzicata e voce, affiancate nel ritornello da uno degli strumenti di sopra. Ognuna, però, ha qualcosa che la caratterizza: gli intermezzi sempre diversi che ravvivano Lord I Know Because I Told You To Go Away, la malinconica melodia che guida il ritornello di Let Blood Wash Away With Steam, la sofferta vocalità di Oh che ci accompagna fino alla distorsione e ai feedback che la chiudono, gli echi e i riverberi che mesmerizzano Ra Ya Nee. Un album di commovente bellezza, compagno ideale per attraversare l’inverno astrale.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Graveyard - Lights Out (Nuclear Blast/Stranded, 2012)

Al culmine della ripresa delle sonorità tipiche degli anni settanta, la Svezia come sempre detta legge e i Graveyard hanno…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Karin - I've Tried With Sport But It's Not My…

Un amico un pò di tempo fa sosteneva di non riuscire ad ascoltare la musica di gente che sul piano…

27 Jan 2007 Reviews

Read more

DuChamp – Nar (Boring Machines, 2013)

Di questi tempi, diciamocelo chiaro e tondo, è difficile trovare un album di drone che non rompa le palle, un…

15 May 2013 Reviews

Read more

Bob Corn - Songs From The Spiders House (Fooltribe, 2006)

Tiziano Sgarbi (Tizio per chi gli è amico, l'uomo dietro la label Fooltribe) è un nome che da anni…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Pretty Flowers - EP (Bananaseat, 2005)

Che poi a me queste cose piacciono pure... indierock che tende al punkrock con singalong a manetta e con armonie…

09 Sep 2006 Reviews

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Maurizio Abate – A Way To Nowhere (Boring Machines/Black Sweat,…

Membro del collettivo Eternal Zio e collaboratore dei più svariati musicisti (Jooklo Duo, Kawabata Makoto degli Acid Mothers Temple, BeMyDelay…)…

05 Jun 2014 Reviews

Read more

Words And Actions – Life Of Farewell (Autoprodotto, 2011)

Se si escludono le produzioni di Larva o di Corpo Parassita era da tempo immemore che non recensivo un gruppo…

03 Nov 2011 Reviews

Read more

Pre - Epic Fits (Skin Graft, 2007)

Quello che mi chiedo ora è se ci sia una qualche connessione tra ritardo mentale, animali dall'espressione poco sveglia,…

29 Jan 2008 Reviews

Read more

L'Ultimo Disco Dei Mohicani, intervista a Maurizio Blatto

Una varia umanità che spazza via qualsiasi noiosa "pippa" da appassionati di musica. La negazione assoluta di qualsiasi nozionismo musicale fatto apposta…

22 Feb 2011 Interviews

Read more

Dispositivoperilanciobliquodiunasferetta – Rembrandt Era Eccezionale (UHR/Lemming/Respira, 2009)

Dobbiamo prendere atto che oramai i giovani musicisti crescono a pane e Battles come una volta si cresceva con i…

04 Nov 2009 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi: dagli albori industriali alla musica contemporanea

Per quanto introdurre uno come Simon Balestrazzi risulti superfluo, vi basti sapere che oltre ad essere una delle colonne portanti…

07 Apr 2012 Interviews

Read more

Titor - S/T (Smartz, 2009)

Nostalgici della "sei corde senza fronzoli", i Titor inalberano un progetto pseudo concettuale che partendo dall'hardcore californiano dei primi…

01 Apr 2010 Reviews

Read more

HAVNES.JÄRMYR.SERRIES - Distant Curving Horizon. The Primal Broken Passage. Beneath…

HAVNES.JÄRMYR.SERRIES è un trio formato dal norvegese Tomas Järmyr alla batteria (Zu, Motorpsycho), dal belga Dirk Serries alla chitarra (Fear…

18 Apr 2018 Reviews

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l'attuale Supernatural Cat e i palchi calcati…

28 Oct 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top