KK Null – Cryptozoon Stereo Condensed Mix (Aagoo, 2014)

Il prolifico samurai KK Null, già con gli Zeni Geva ma ultimamente sempre più frequentemente in solitaria, ha trovato nell’Aagoo un’etichetta ben disposta a dare supporto alle sue idee. Dopo il vinile Terra Incognita, in cooperazione coi messicani Israel Martinez e Lumen Lab, è la volta di questo ambizioso progetto, concepito in origine per il festival parigino Présence Életronique.
Cryptozoon nasce, fra il 2008 e il 2011, come composizione suddivisa in cinque parti dalla non trascurabile durata totale di 2 ore, 53 minuti e 11 secondi, disponibile nel solo formato digitale sul sito della Nux Organization, etichetta dello stesso Null. Nel 2013 la INA-GRM ne commissiona, per il suddetto festival, una versione quadrifonica di 52 minuti e 41 secondi, che ora la Aagoo pubblica in DVD, abbinandola a una traccia in versione stereo di poco più lunga. Quella che abbiamo fra le mani è tuttavia un’ulteriore versione, sempre stereo, ma ancor più condensata, della durata di 19’ e 45”. Nella presentazione si parla di un lavoro concepito per “richiamare la memoria sonora della terra, della storia nascosta dello spazio e del tempo, ascoltare il suono sepolto nelle profondità del suolo e fluttuante nell’aria”, ma mi chiedo cosa rimanga di tutto questo in una versione ridotta a meno della metà della durata originale. Quello che ci regala Cryptozoon Stereo Condensed Mix sono una decina di sketch – separati da cesure piuttosto brutali – dove field recording raccolti nei quattro angoli del mondo si sposano con suoni sintetici (non di rado dal sapore vintage) ritmi robotici, fragori industrial, synth spaziali, accenni di danzabilità EBM, melodie orientaleggianti… Chi più ne ha, più ne metta, insomma. Se siete ben disposti potreste considerare questa versione di Cryptozoon come una possibile, affascinante colonna sonora di un documentario herzogiano in time laps, ma onestamente la rapida successione delle sequenze, anche se in sé ben congegnate, lascia trasparire troppo l’operazione di mero riduzionismo – senza il coraggio di smontare completamente il lavoro restituendolo in una forma più adatta alla durata – e l’ascolto ne risente. L’impressione è insomma più quella di un utile campionario che di un’opera pienamente compiuta; per gli interessati è consigliabile procurarsi la versione completa.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Stop The Wheel - Morning (Madcap, 2006)

Amo passare il mio tempo, qualcuno direbbe sprecare, il mio tempo nei negozi dell'usato. E non parlo di dischi. I…

14 Jul 2006 Reviews

Read more

De Curtis – Baciami Alfredo (Tannen, 2010)

Uno dei rari casi in cui la stupida frase di Frank Zappa "parlare di musica è come ballare di architettura"…

25 Jul 2010 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Cruel Experience - Lives Of Ugly Demons (Brigante/Hopetone/Edison Box e…

Rock a 360° di chiaro stampo americano per questo quartetto di Lucca che riesce a coinvolgere con un freschissimo mélange…

31 Mar 2017 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Hibagon - Polyposmic (Taxi Driver, 2019)

Matematica impossibile, cosmica e con derive metalliche neanche troppo mascherate. Album totalmente strumentale per questo duo bergamasco interamente dedito ai…

04 Feb 2020 Reviews

Read more

Chapter - Two (The Biographer) (Saiko, 2007)

Copertina extralusso stile piccolo libro "di una volta" con tanto di booklet strafigo per questo duo svizzero, in fin dei…

17 Oct 2007 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

Spread - Anche I Cinghiali Hanno La Testa (Il Verso…

Intitolare ai cinghiali il proprio CD mi appare come il segnale di un atteggiamento genuino, un approccio spontaneo e senza…

14 Oct 2009 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Mingle &The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia, 2016)

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

AA.VV. - Treatment Effects (Chew-Z, 2007)

Treatment Effects, che arriva ad un anno esatto dalla nascita della net label torinese Chew-Z, è la seconda compilation nel…

10 Jun 2008 Reviews

Read more

The Tall Ships - Paint Lines On Your Glasses Look…

Mi ha incuriosito il fatto che l'esordio dal titolo chilometrico di questo terzetto di S. Diego sia uscito per un'etichetta…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Claudio Lugo/Esther Lamneck - GenoaSoundCard (Amirani, 2007)

Buffo, ma parlando del bel disco degli EAQuartett avevo fatto menzione delle note interne redatte da Claudio Lugo e del…

09 Oct 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top