The Great Saunites – The Ivy (Neon Paralleli/HYSM?/Verso Del Cinghiale/Villa Inferno/Terra Cava/Lemming, 2013)

Torna a farsi sentire, con un vinile in tiratura limitata, il duo lodigiano, di cui avemmo modo di parlare un paio di anni fa. La formula a due non cambia, ma stavolta si registra la presenza di un ospite (Luca Ciffo della Fuzz Orchestra, in un pezzo e nelle vesti di produttore) e una maggior varietà di strumenti rispetto al classico basso/batteria, cosa che influenza evidentemente la direzione musicale: anche se restiamo nell’ambito di un solido rock strumentale, il gruppo non si preoccupa di seguire alcuna tendenza e se ne esce con un disco dove la bassa lombarda e il Texas della Trance Syndicate si sovrappongono in un’immagine sfocata.
La partenza di Cassandra, velocità sostenuta su strade polverose, ci fa pensare che nulla sia cambiato dal precedente Delay Jesus ’68 e ci inganna, perché questa volta i The Great Saunites decidono di battere percorsi meno lineari e già Medjugorje, pur sfoggiando un suono solidamente noise, coi suoi synth che si stendono eterei sullo sfondo, dà un senso di spazialità alla Hawkwind (magari quelli rivisti in chiave più moderna nella tribute compilation su Neurot di tre anni fa) davvero inatteso. Da qui in poi è tutto uno mutare di scenari, fra chitarre gilmouriane che si stendono morbide su tappeti di filed recordings, voci e battiti irregolari (Bottles & Ornaments) e le delicatezze di Ocean Raves (invero il momento meno memorabile del disco). L’apice lo si raggiunge sul lato B, occupato da un unico brano diviso in vari movimenti, che consta di cavalcate epiche adornate da arpeggi riverberati e melodie incompiute, schianti nel caos dopo accelerazioni forsennate e addirittura un pezzo cantato (recitato, per essere più precisi) che mescola insieme dark/ folk alla Swans/Angels Of Light e svisate di chitarra e sintetizzatore in odore di jazz. Pur continuando a rifuggire la forma-canzone in The Ivy c’è meno aria di jam session: il gruppo mostra di voler provare a sperimentare nuovi linguaggi, anche a scapito della coesione delle varie parti. Ne esce un disco che sa volgere la disomogeneità  a proprio favore, mettendo in mostra diversi spunti interessanti, molti già ben a fuoco, altri che potrebbero venire sviluppati in futuro: c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Doggs - Red Sessions (Autoprodotto, 2012)

Ancora frastornati dal debutto di pochi mesi fa ecco ritornare questo giovane ed arrogante terzetto milanese per prenderci (di nuovo)…

16 May 2012 Reviews

Read more

X-Mary - Tutto Bano (Coproduzione, 2009)

Nuovo album per i milanesi (dell'enclave di San Colombano al Lambro) X-Mary, stavolta il lussuosa edizione LP + CD allegato,…

04 Oct 2009 Reviews

Read more

Polinski – Labyrinths (Monotreme, 2011)

Colpito dalla visione di Drive, mi sono chiesto quanto a volte un buon film possa diventare quasi un capolavoro se…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Collezionando Vuoti A Perdere – S/T (Under My Bed, 2014)

Chi si nasconda dietro questo nome curioso nelle note ci copertina non c’è scritto. Nemmeno sappiamo se si tratti di…

23 Apr 2014 Reviews

Read more

Arg - AnimaLI (Creative Sources, 2008)

Arg è uno degli innumerevoli lavori del nuovo corso della Creative Sources e sono parecchi gli italiani che ne hanno…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

The Brain Washing Machine - S/T (Autoprodotto, 2007)

Roccioso hard rock di matrice americana quello di The Brain Washing Machine, che ben si inserisce nella ormai tradizionale e…

04 Jan 2008 Reviews

Read more

Werner Kitzmüller - Evasion (Valeot, 2011)

La Valeot mi aveva abituato ad un altro tipo di uscite più indie-troniche e in catalogo annovera anche i nostrani…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Sebi Tramontana - Unfolding To be You (LP/CD We Insist!…

Il trombone è uno strumento dannatamente materico. Sbuffi, grugniti, strilli, roba selvatica e di pancia, di sudore e di forza.…

06 Jun 2022 Reviews

Read more

Yonatan Gat - Universalists (Glitterbeat/Tak:Til, 2018)

Al suo secondo disco solista Yonatan Gat si distanzia sempre più dal garage rock che lo ha fatto conoscere con…

30 Apr 2018 Reviews

Read more

Inutili - Music To Watch The Clouds On A…

Sebbene il titolo sia fuorviante, non si tratta dell'ennesima produzione primavera/estate Morr Music, bensì di un 12" Ep che racchiude…

16 Sep 2014 Reviews

Read more

The Postal Service - Give Up - Deluxe 10th Anniversary…

Quando metto su Give Up e parte The District Sleeps Alone Tonight non mi rassicura per niente pensare che questo…

14 May 2013 Reviews

Read more

Steven Blush - American Punk Hardcore (Shake, 2007)

In attesa di vedere finalmente il film, ecco American Hardcore traduzione di un libro di Steven Blush che rischia di…

24 Apr 2007 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - In The Thermi Table (Canalese Noise,…

La provincia di Cuneo riserva sempre qualche bella sorpresa alle mie orecchie. Gli Io Monade Stanca propongono un rock storto…

13 Apr 2009 Reviews

Read more

Istituzioni Ambiente Naturalismo - Luminamenti (Monstres Par Exces, 2008)

CD-r ma in copertina extralusso digipack, nel cui interno fa bella mostra una foto di un gatto spappolato sulla strada:…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Terrapin - Killing HF Harlow (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Devo ammettere che all'inizio avevo sottovalutato questo disco, infatti si tratta di un lavoro molto calibrato e subito mi ero perso…

21 Nov 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top