Micah Gaugh Trio – The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape, 2012)

 Jazz, free, songwriting… non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco, ma forse è il caso quantomeno di presentarvi questo lavoro di un trio costituito da personaggi ben noti nel campo della musica di avanguardia, ricerca, free-jazz di New York e affini. Micah Gaugh alla voce, al piano e al sassofono, Kevin Shea alla batteria e Daniel Bodwell al contrabbasso. È tutta farina del sacco di Micah, che scrive i testi e la musica, e le parti improvvisate ruotano sempre in modo stretto alla struttura dei pezzi.

Micah incontra Daniel durante gli studi al Carnegie Mellon Music conservatorio. Julien Fernandez, capoccia della Africantape incontra nell’ottobre 2011 il suo amico Kevin Shea che gli racconta di avere tra le mani quattrodici ore di registrazione di questo trio. Ne estrae così i dodici brani proposti in questo disco. Il primo nome della band era 40 Stories (basato su un libro di brevi racconti di Donald P. Bartheleme) e includeva il chitarrista Oliver Kollar. Il trio inizia a suonare a Pittsburgh fino a quando Micah lascia la città per affiancare Cecil Taylor a New York nel 1994 e Daniel vola in Irlanda per suonare con Sinead O’Connor. Nel frattempo Kevin Shea entra negli Storm & Stress (band fondata da Ian Williams, già membro dei Don Caballero). Il tutto fino alla realizzazione di queste nuove dodici tracce. E’ forse l’anima che è veicolata dalla voce di Micah il punto di forza di tutto questo lavoro in bilico tra songwriting, jazz improvvisato e blues. Canzoni che rimangono in testa subito al secondo ascolto, costruite su melodie semplici, ma ben congegnate. Echi di Billie Holiday, ma con meno strazio, e più ironia. Si parla d’amore, di donne e delle avventure di Micah in giro per il mondo, ma con divertimento e riflessione (non a caso nel CD sono presenti anche i testi) . Spontaneità, cuore, anima… è forse quello che cercavo da tempo e che ho ritrovato in questo disco di diciassette anni fa, visto che le registrazioni risalgono al ’96/’97. Brani alle volte sotto forma anche di brevi frammenti (due/tre minuti la media dei brani) di lunghe improvvisazioni e tagliate con un fade out, ma che messe assieme regalano una piccola perla in un mare di inutili uscite. Due sessioni di registrazione recuperate saggiamente da Julien Fernandez e della sua interessantissima Africantape, che annovera nel suo catalogo anche gli italici Aucan e Three Second Kiss.

 

 

 

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

JesterN/Paolo Pascolo - H Bar (Dobialabel, 2012)

Il fisico Alberto Novello (JesterN) concepisce questo disco dal titolo pari alla costante di Planck: il tema del paradosso è…

02 May 2013 Reviews

Read more

Love In Elevator - Re Pulsion (Jestrai, 2008)

Sempre ragazze terribili. Ne rimasi favorevolmente impressionato quando aprirono l'ultima calata italica degli Shellac ed evidentemente il palcoscenico è…

01 May 2008 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Ongaku2 - Kado, Live @ Area Sismica (Improvvisatore Involontario, 2011)

Ongaku2 è il duo formato da Elia Casu e Paolo Sanna, coppia già nota ai lettori di Sodapop: anche in…

25 Jul 2013 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Maisie - Maledette Rockstar (Snowdonia/La Zona, 2018)

Tornano i Maisie per un'altro viaggio nel loro mondo, questa volta a base di pop Zappaiolo: i due sono accompagnati…

08 Jan 2018 Reviews

Read more

Bob Corn - Songs From The Spiders House (Fooltribe, 2006)

Tiziano Sgarbi (Tizio per chi gli è amico, l'uomo dietro la label Fooltribe) è un nome che da anni…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Talibam!/Jealousy Party - Phonometak Series #5 (Phonometak/Wallace, 2008)

Continua inesorabile la serie di vinili marcati Soundmetak/Wallace; la collana solitamente mette insieme nomi conosciuti esteri e nostrani, vecchie glorie…

18 Nov 2008 Reviews

Read more

Daimon – S/T (Metzger Therapie, 2016)

Daimon è il nome che prende l’incontro fra la chitarra elettrica di Paolo Monti (The Star Pillow), le macchine elettroniche…

13 Feb 2017 Reviews

Read more

Gaerea - S/T (Everlasting Spew, 2017)

Con qualche mese di ritardo sull'uscita segnaliamo questo interessante esordio dalle tinte decisamente fosche. Presentandosi come una via di mezzo…

30 Dec 2017 Reviews

Read more

Dejligt - Feed The Dog (Matteite, 2007)

Non credo alle combinazioni, però ho appena comperato Tower/Microphone (bello e interessante, tralaltro) di Teho Teardo e contemporaneamente ho scoperto…

11 Feb 2007 Reviews

Read more

Germanotta Youth – The Harvesting Of Souls (Wallace, 2011)

Si contano ormai sulle dita di cento mani i progetti a cui Massimo Pupillo degli Zu collabora in maniera più…

02 Feb 2011 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Hexn - YY (Zen Hex, 2018)

Onestamente le primo uscite di Hexn, al secolo Alberto Brunello, non avevano destato in me particolare interesse: si accodavano al…

08 May 2018 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben…

20 May 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top