Garaliya – Reforged (Morte, 2014)

Garaliya è un duo in cui uniscono le forze Lin dei Morkobot e il misterioso (e impronunciabile) Mzky. Generalmente dediti a un’elettronica che combina pesantezza industriale e impossibile danzabilità, in questo album mettono le mani su (ma sarebbe più corretto dire “in”) sette brani di altrettante gruppi italiani della galassia post (aggiungete a discrezione il suffisso –core –rock –jazz, ecc.) riforgiandoli, appunto, nello spirito di certo metal di confine anni ’90, ma con tecniche e sonorità assolutamente attuali.
I remix sono tutti ben fatti e ampiamenti al di sopra della sufficienza, la differenza la fanno i brani che riescono ad aprire nuovi scenari rispetto ad altri che si limitano a ribadire ciò che già sapevamo delle band manipolate. È il caso degli Ovo, da tempo avvezzi ai rimiscelamenti e con già una buona percentuale di elettronica innestata nel proprio DNA col recente Abisso, o degli Inferno, resuscitati per essere sottoposti a una cura di breakbeat alternati a momenti di stasi che aggiunge poco alla schizofrenia che li ha sempre caratterizzati. Più interessanti i Lento rarefatti di Glorification Of The Chosen One, mentre per i Mombu il trattamento non è troppo invasivo -sonorità ambient e voci che si insinuano fra il sax in loop e la batteria- ma convince nel riuscire a sfumare ed arricchire il suono monolitico e troppo spesso monotono del duo. I Morkobot si dimostrano a proprio agio nel farsi digitalizzare, uscendone con un brano che non ne tradisce lo spirito ma ne ampia la gamma sonora in maniera interessante e meritevole di approfondimento, mentre Human Genome Project degli Obake diventa uno spaventoso incubo di ambient-dub-metal alla maniera dei sottovalutati Human Quena Orchestra, ma ancora più radicale e inclassificabile. Questo è fuor di dubbio il pezzo migliore della raccolta, ma la riforgiatura in assoluto più sorprendente è quella che tocca al gruppo che di tutto il lotto mi sembrava il meno adatto a subire un trattamento di questo tipo, vale a dire gli Ufomammut; la loro Stigma viene trasformata in un allucinante doom scorniano: lenta, dilatata, sporca, pesante; non me ne voglia il terzetto alessandrino, ma a mio modestissimo parere, il miglior pezzo mai inciso da loro lo trovate in questo disco.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

A Place To Bury Strangers + Bambara - 26/10/13 Interzona…

Si annuncia un'altra serata di gran livello questa dell'Interzona, in linea con una programmazione che privilegia la messa in scena…

08 Nov 2013 Live

Read more

Wolf Eyes + Ghédalia Tazartès/Nico Vascellari – 23/05/12 Triennale (Milano)

Per la serata dedicata all'etichetta VON all'interno della rassegna Open, questa sera alla triennale ci sono i Wolf Eyes, reduci…

15 Jun 2012 Live

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

Gazebo Penguins - Legna (To Lose La Track, 2011)

Due anni fa al Tago Mago Fest ho avuto la fortuna di imbattermi in un live di un power trio…

21 May 2011 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - S/T (Shove/MacinaDischi, 2012)

Ero curiosissimo di ascoltare questo nuovo A Flower Kollapsed, essendo rimasto molto favorevolmente colpito dal materiale vecchio (in particolare da…

07 Jun 2012 Reviews

Read more

Belorukov vs Marziano/Fulkanelli – Aggarbatoo! Vol.1 (Lemming/Hysm?, 2012)

Ancora l'attivissima Lemmings Records (era un po' che non ne parlavamo, ma non per inattività loro, bensì per ritardi nostri)…

27 Jun 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 38 (16/07/15)

Puntata numero trentotto della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta estiva ma non del…

19 Jul 2015 Podcasts

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Claudio Lugo/Esther Lamneck - GenoaSoundCard (Amirani, 2007)

Buffo, ma parlando del bel disco degli EAQuartett avevo fatto menzione delle note interne redatte da Claudio Lugo e del…

09 Oct 2007 Reviews

Read more

Arrington De Dyoniso + Sabot – 20/03/10 C.S. Bruno (Trento)

Bella scoperta il Bruno, centro sociale anormalmente pulito e dagli orari di inizio e fine concerti insolitamente umani, sito in…

20 Mar 2010 Live

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top