Garaliya – Reforged (Morte, 2014)

Garaliya è un duo in cui uniscono le forze Lin dei Morkobot e il misterioso (e impronunciabile) Mzky. Generalmente dediti a un’elettronica che combina pesantezza industriale e impossibile danzabilità, in questo album mettono le mani su (ma sarebbe più corretto dire “in”) sette brani di altrettante gruppi italiani della galassia post (aggiungete a discrezione il suffisso –core –rock –jazz, ecc.) riforgiandoli, appunto, nello spirito di certo metal di confine anni ’90, ma con tecniche e sonorità assolutamente attuali.
I remix sono tutti ben fatti e ampiamenti al di sopra della sufficienza, la differenza la fanno i brani che riescono ad aprire nuovi scenari rispetto ad altri che si limitano a ribadire ciò che già sapevamo delle band manipolate. È il caso degli Ovo, da tempo avvezzi ai rimiscelamenti e con già una buona percentuale di elettronica innestata nel proprio DNA col recente Abisso, o degli Inferno, resuscitati per essere sottoposti a una cura di breakbeat alternati a momenti di stasi che aggiunge poco alla schizofrenia che li ha sempre caratterizzati. Più interessanti i Lento rarefatti di Glorification Of The Chosen One, mentre per i Mombu il trattamento non è troppo invasivo -sonorità ambient e voci che si insinuano fra il sax in loop e la batteria- ma convince nel riuscire a sfumare ed arricchire il suono monolitico e troppo spesso monotono del duo. I Morkobot si dimostrano a proprio agio nel farsi digitalizzare, uscendone con un brano che non ne tradisce lo spirito ma ne ampia la gamma sonora in maniera interessante e meritevole di approfondimento, mentre Human Genome Project degli Obake diventa uno spaventoso incubo di ambient-dub-metal alla maniera dei sottovalutati Human Quena Orchestra, ma ancora più radicale e inclassificabile. Questo è fuor di dubbio il pezzo migliore della raccolta, ma la riforgiatura in assoluto più sorprendente è quella che tocca al gruppo che di tutto il lotto mi sembrava il meno adatto a subire un trattamento di questo tipo, vale a dire gli Ufomammut; la loro Stigma viene trasformata in un allucinante doom scorniano: lenta, dilatata, sporca, pesante; non me ne voglia il terzetto alessandrino, ma a mio modestissimo parere, il miglior pezzo mai inciso da loro lo trovate in questo disco.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Eat The Rabbit - S/T (Marsiglia/QueSuerte, 2008)

Amedeo Scofone è uno dei pochissimi artisti che canta come parla e quindi parla come mangia. Nel senso che…

22 Dec 2008 Reviews

Read more

3eem – Third Segment (Chew-Z, 2009)

I 3eem...fanno tre. Ad oltre due anni da Matilda tornano con un album che apre scenari inediti e quanto mai…

22 Feb 2010 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more

I/O - Polytone (Fratto9 Under The Sky/Ebria, 2007)

Puzza di piccolo gioiello questo disco nuovo degli I/O, ma detto fuori dai denti, non credo che ci volesse molto…

30 Mar 2007 Reviews

Read more

Things we lost in the fire-starter aka memorabilia di un…

Prima dello scoccare del nuovo anno, l'impavido Gusmerini offrì un'ardita lista che pose a riflessione de lo miglior materiale che…

14 Jan 2011 Articles

Read more

Zu - Terminalia Amazonia (House Of Mythology/Archaeological, 2019)

Ricordo, in una delle primissime versioni del sito zuism.com, forse ai tempi di Igneo, una sezione con link riguardanti lo…

14 Jan 2020 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more

Bertoni/Boccardi/Mongardi – Litio (Boring Machines, 2016)

È interessante leggere il percorso di Alberto Boccardi dagli esordi in solitaria fino ai più collaborativi progetti odierni, soprattutto perché…

04 Nov 2016 Reviews

Read more

Tanake - 3ree (Fratto9 Under The Sky/Ebria/Nipa, 2007)

Mi sono avvicinato al disco dei Tanake in modo molto curioso ma allo stesso tempo circospetto, la ragione stava nel…

28 Dec 2007 Reviews

Read more

Controlled Bleeding & Sparkle In Grey - Perversions Of The…

Metti una band storica che ha esplorato con risultati eccellenti davvero tanti generi musicali e una band che sta diventando…

03 Jul 2015 Reviews

Read more

Luca Venitucci – Interstizio (Brigadisco, 2012)

Ammetto di non essere troppo informato sullo stato dell'arte della fisarmonica, sulle tendenze recenti e sui futuri, possibili sviluppi. Di…

16 May 2012 Reviews

Read more

Stefano De Ponti: ascoltare è vedere

Stefano De Ponti, milanese, classe 1980, lo abbiamo conosciuto grazie al bellissimo album Like Lamps On By Day, uscito lo…

19 Dec 2014 Interviews

Read more

Minnie's - Il Pane E Le Rose (No Reason/Antstreet, 2006)

Un altro ritardo cronico nelle recensioni? Sì e no stavolta: è da parecchio che aspetto il nuovo disco dei Minnie's…

11 Nov 2007 Reviews

Read more

?Alos/Xabier Iriondo – S/T 7" (Tarzan/Bar La Muerte, 2011)

Avevamo colpevolmente lasciato indietro questo dischetto che associa la voce di Stefania Pedretti/?Alos alla musica di Xabier Iriondo, due personaggi…

05 Sep 2012 Reviews

Read more

X-Mary - Crudité (Wallace, 2014)

Tornano i nostri freak preferiti con il caratteristico twist di filastrocche un po' weird e un po' geniali. A dispetto…

11 Mar 2015 Reviews

Read more

Fungi From Yuggoth – S/T (Diazepam/Lightbulb, 2012)

È lungi dall'esaurirsi il fascino che gli scritti di H.P. Lovecraft esercitano sui musicisti di aera estrema: in questo caso…

14 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top