since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: morkobot

Zolle – Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso del “non potremmo fare diversamente”, come, dicono, una mucca che fa la cacca. Esiziali come la forza di gravità che fa cadere tutto al suolo. Sono belle immagini che rendono perfettamente, secondo me, l’idea di un disco che suona ogni singola traccia tirata, diretta appunto, senza darsi e dare un attimo di tregua sonora. Tutto è teso, cresce e non ha pause – Porkimede, Porkata -. …

Read more

Garaliya – Reforged (Morte, 2014)

Garaliya è un duo in cui uniscono le forze Lin dei Morkobot e il misterioso (e impronunciabile) Mzky. Generalmente dediti a un’elettronica che combina pesantezza industriale e impossibile danzabilità, in questo album mettono le mani su (ma sarebbe più corretto dire “in”) sette brani di altrettante gruppi italiani della galassia post (aggiungete a discrezione il suffisso –core –rock –jazz, ecc.) riforgiandoli, appunto, nello spirito di certo metal di confine anni ’90, ma con tecniche e sonorità assolutamente attuali. …

Read more

Muviments Festival – 28-29/12/11 Itri (LT)

C’era bisogno, per chiudere decentemente un 2011 non propriamente esaltante sul fronte dei concerti, di un festival come si deve e quello organizzato dalla Brigadisco e dall’associazione Ca.Ga., per qualità e varietà della proposta, prometteva decisamente di esserlo. Così, sprezzanti della distanza e aiutati da un inverno particolarmente mite, facciamo vela verso la ridente cittadina di Itri, il suo castello e le sue specialità gastronomiche. …

Read more

Morkobot – Morbo (Supernaturalcat, 2011)

Come tutte le rock band senza chitarra anche i nostrani Morkobot non esulano da alcuni pregi ed alcuni difetti caratteristici di queste orchestrazioni. Infatti, nonostante la non novità di questa scelta stilistica, riconosciamo ancora un certo coraggio ad esporsi in formazioni esclusivamente ritmiche o con, almeno sulla carta, strumenti deputati esclusivamente alla ritmica. Perlomeno in ambito rock. Ben vengano quindi i mastodontici groove impressi sotto l'influenza di distorsori e le svisate psichedeliche capaci di generare campi elettrici ad alto voltaggio. …

Read more
Back to top