Endless Inertia – Oktiabr’/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e non dico nel periodo Mystic) al Forte Guercio di mercoledì sera non facevano più di cento persone, fa capire che i tempi cambiano. Grazie a Darby Crash, nonostante l'età sia la stessa dei “Green Day/Blink 182 de noantri", gli Endless Inertia sono su ben altri lidi. Il riferimento più prossimo che molti mi avevano passato erano i La Quiete ed effettivamente le coordinate sono quelle, magari se non loro direttamente, forse sono le stesse dei loro connazionali, perchè parlandoci chiaro questo è il suono scr-Emo che negli anni '90 rese celebre l'Ebullition. Un background che parte da Still Life per arrivare agli Orchid (gli ultimi) che va dai Portrait Of Past ai Julia magari l'avranno anche e se non di questi gruppi di qualcuno dei loro epigoni. Grafica graziosa e verde speranza per un disco in cui di speranza dal punto di vista musicale ce n'è poca, rimpianti e drammi post adolescenziali senza fare troppi complimenti. Ma l'hard-core non è sempre stato un triangolo delle Bermuda che calamitava tutti i maniaco-depressivi e/o i truzzi nelle vicinanze?. Registrazione che lucida dove deve, arpeggi quando servono (le parti melodiche sono fra i punti di forza), urla che: "ok… no future, ma anche il passato non è che sia stato una figata" e impennate di velocità e nevrosi epilettica che forse è un po' una delle caratteristiche peculiari di molto hard core di questi giorni. Ben suonato e ben congeniato, a quanto pare ormai il livello tecnico va alzandosi continuamente, forse come ogni debutto si può criticare il fato che gli Endless Inertia si arrocchino un po' troppo sui loro modelli di riferimento, ma tempo al tempo "il ragazzo si farà" (lo diceva De Gregori… ma anche Burroughs). I With Love per staccarsi definitivamente dalla placenta materna ci hanno impiegato almeno due "dischi lunghi" (per qualcuno i loro dischi migliori, per me no)… loro? Magari al prossimo? Magari mai? Gambe e fiato ci sono, ora serve prendere il ritmo.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Shiver - They Will Feed On Us (Diazepam, 2011)

La seconda uscita a nome Shiver per Mauro Sciaccaluga (Ur, Wailing Of The Winds, Deprivation) sulla sua Diazepam si nota…

15 May 2012 Reviews

Read more

Karin - I've Tried With Sport But It's Not My…

Un amico un pò di tempo fa sosteneva di non riuscire ad ascoltare la musica di gente che sul piano…

27 Jan 2007 Reviews

Read more

Dmonstrations - Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l'ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con…

06 Dec 2006 Reviews

Read more

Swedish Mobilia/Luca Aquino – Did You Hear Something? (Leo, 2013)

Tornano i tre Swedish Mobilia per la seconda uscita sulla mitica etichetta di Leo Fegin, e il combo nostrano non…

29 Nov 2013 Reviews

Read more

Aucan – Dna EP (Africantape/Ruminace, 2010)

È un laboratorio, questo EP, dove gli Aucan manipolano il proprio codice genetico partendo dal presupposto che "il domani è…

08 Feb 2010 Reviews

Read more

Steinebach - Derotation (Sincope, 2013)

Per quello che si capisce da una veloce ricerca in rete Martin Steinebach nella vita di tutti i giorni è…

27 Feb 2014 Reviews

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

AA.VV. - No Abiding Place (Afe, 2006)

Sebbene non si possa parlare di un who’s who della dark ambient, No Abiding Place comprende alcuni dei nomi più…

26 Sep 2006 Reviews

Read more

Carlo Pastore - Se Fai Un Bel Respiro (Mondadori, 2009)

Basta, per giustificare la recensione di Se Fai Un Bel Respiro su queste pagine, i gruppi citati (dagli At The…

12 May 2009 Reviews

Read more

Transition (Nils Gerold/Nicola Guazzaloca/Stefano Giust) - Arútam (Setola Di Maiale,…

Non è la prima volta che vediamo un "ingaggio" fra Nicola Guazzaloca e Stefano Giust, ma questa volta a rendere…

16 Oct 2012 Reviews

Read more

Ranter's Groove - 俳句 (Kaczynski, 2019)

Nulla rivela un'attitudine autenticamente volta alla ricerca come la volontà di mettersi costantemente in gioco: dopo Songs From The Eternal…

29 Jul 2019 Reviews

Read more

Nora Prentiss - They Made Mistakes Too (Lizard, 2017)

Magmatico esordio per questi fiorentini ammaliati tanto dai King Crimson quanto dall'evoluzione della specie. I Nora Prentiss hanno talmente tante cose da…

12 Apr 2017 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more

Roberto Fega – Daily Visions (Creative Sources, 2012)

Ottimo manipolatore di suoni, Roberto Fega intaglia il suono con sapienza artigianale attingendo dalle fonti più disparate, da una parte…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

Nautilus Duo - Tales Of The Flying Whale (Setola Di…

Il duo in questione è composto da Mirko Busatto alla chitarra elettrica e Paolo Calzavara alle elettroniche: la cosa più…

04 Feb 2013 Reviews

Read more

31Knots - Worried Well (Polyvinyl, 2008)

In questi anni sulle pagine di Sodapop abbiamo sempre seguito i 31Knots, all'inizio con i primi due dischi di math…

05 Oct 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top