Eagle Twin/Pombagira – Split LP (Mordgrimm, 2010)

Pubblicato in occasione del tour che ha visto i due gruppi attraversare l’Europa, toccando anche l’Italia (se ve la siete persa trovate la recensione qui), questo disco in nero vinile biancoschizzato è un buon compendio di brani lunghi e lenti, degno compagno di fredde notti invernali o di camminate in boschi nebbiosi e spogli durante pomeriggi solitari.
Dopo aver sentito gli Eagle Twin dal vivo l’ascoltare un loro disco non dovrebbe essere un’esperienza più di tanto appagante: troppo esplosivo e coinvolgente il live per essere eguagliato. Tuttavia il duo capitanato dal chitarrista Gentry Densley (ex Iceburn e ora Ascend) ha l’intelligenza di non cercare identiche modalità espressive, ma di sviluppare un discorso più prossimo alla forma canzone, anche se sui generis. Più scarne rispetto a quelle dell’esordio su Southern Lord, queste due tracce presentano una forma più compatta e lasciano maggior spazio alla cavernosa voce di Densley, che si cimenta con testi più strutturati rispetto al passato. È doom folk elettrificato che racconta storie di antenati e spettri di popoli passati, ambientate fra fiumi, foreste e monti ancora selvaggi, un immaginario non distante da quello dello Steve Von Till solista. Due i pezzi, dicevamo: I Came From A Long Line Of Dead Men, con la chitarra e la voce che si dividono equamente la durata e Blackfoot Messiah / River Girl Song dove lo strumento ha più libertà, svariando fra cadenze lente e melodie free: musica che pare intagliata in un vecchio tronco al centro di una foresta. Duo chitarra-batteria sono anche i Pombagira, metà inglesi e metà americani, che occupano l’intero loro lato con un pezzo monumentale dal suono Neurosis-siano ridotto all’osso e calato in atmosfere senventies. In un andamento circolare di giri di chitarra e volumi che salgono e scendono, si evoca il sorgere da ovest di un sole nero che porta con sé suggestioni che vanno dai Cathedral agli Om, fino all’Ozzy dei tempi belli. Un pezzo che non sfigura al cospetto di quelli dei quotati compagni d’avventura.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Prospekt - Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso…

04 May 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more

Lento - Earthen (Supernaturalcat, 2007)

Giusto pochi giorni fa, notavo su una rivista specializzata che finalmente qualcuno si è deciso a raccogliere in un unico…

19 Oct 2007 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Shadow Line - I Giorni Dell'Idrogeno (Modern Life, 2011)

Rock Italiano a tutto tondo per questo quartetto ormai consumato da una pluriennale esperienza sul campo. In questa edizione la…

14 Mar 2012 Reviews

Read more

Lorenzo Abattoir's Noise Diary - West Coast 'N'More Tour 2014

Lorenzo Abattoir lo abbiamo conosciuto un paio di anni fa in un festival a Piacenza, nei panni di Nascitari (in…

12 Nov 2014 Articles

Read more

Simon Balestrazzi & Nicola Quiriconi – Licheni (Azoth, 2019)

Simon Balestrazzi e Nicola Quiriconi hanno già avuto modo di lavorare assieme in diverse occasioni, sia dal vivo che nel…

03 Sep 2019 Reviews

Read more

Alchemist - Tripsis (Relapse, 2007)

Giunto ormai al ventennio di attività il quartetto australiano può decisamente considerarsi soddisfatto del proprio percorso e soprattutto del…

06 Jan 2008 Reviews

Read more

I Love UFO - Wish (Record Makers, 2006)

Francesi. Potenti. Assolutamente obliqui ed imprevedibili. Colmi di quel sound che Monster Magnet ed affini anticiparono (!) nei primi…

27 Apr 2007 Reviews

Read more

Airportman - Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo Olla - Life In A Sonic Free Form Research…

Percussioni, suggestioni e striscianti fruscii introducono il raffinatissmo lavoro di Massimo Olla che, a onor del vero, sembra non abbia…

04 Oct 2020 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Noise Trade Company - Crash Test One (N-Label, 2008)

Gianluca Becuzzi non è esattamente l'ultimo arrivato (rileggersi a questo proposito l'intervista pubblicata su Sodapop ormai più di un anno…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top