Dunaewsky 69 – Xquisite.Xcerpt. (Kvitnu, 2007)

Che la nuova scena elettronica Ukraina e Russa stia sfoderando un buona serie di musicisti con i controcazzi non è un mistero per molti e se non credete a me provate a farvi una piccola ricerca in rete inserendo nomi come Andrey Kiritchenko, Kotra, Zovoloka. Questi  sono giusto alcuni dei più famosi, anzi, se avessimo millemila collaboratori vi prometterei un articolo approfondito ma non li abbiamo e al più posso promettervi di essere un bravo scout…parola di lupetto!!. Visto che pur bazzicando la materia elettronica gli autori sopra elencati fanno cose molto diverse sia individualmente che fra di loro, direi che questo Dunaewsky 69 vada inserito nell’elettronica ritmica e più “classica”. Inserite fin da ora il suo nome nel novero dei nomi migliori venuti dal freddo perché Alexandr Gladun se la cava molto bene, tanto da riconciliare il suono dell’idm e quello della techno e per dio…ben venga. A parte qualche suono più ostico Gladum gioca nel classico: beat più o meno dritti che si colorano di tappeti di synth, melodie acide e fredde, giusto per chi non c’è abituato, Warp “glory days oriented”, anzi direi che se l’etichetta inglese non vi diceva nulla all’epoca sia un disco da lasciar perdere. C’è un’estetica Ukraina in un disco del genere? E in molti dei lavori degli artisti fin qui menzionati? Forse… quanto meno per certe cose di Zovoloka (qui coinvolta in veste di grafica) e per Kotra che non a caso collaboreranno nel secondo capitolo di quest’etichetta, c’è un taglio freddo ovviamente, molto simile a quello di molta elettronica finlandese anche se a differenza di altre aree geografiche dell’ex-Urss non è che si trovi proprio dietro l’angolo. Xquisite.Xcerpt va di ritmica e suona tagliente senza per questo sfociare nell’elettronica più ruvida o nella break-core e , nonostante le melodie non siano per nulla solari, il fatto di essere molto fine e parecchio arrangiato lo rende agibile anche per un orecchio non troppo abituato. Riguardo al fatto che non sia un disco da cocktail sulla spiaggia credo che ci siano pochi dubbi, si tratta di musica da dancefloor e da ore piccole come nel caso di Dancing Glare Is Visual Surrounding. Un disco bello acido e molto ben inserito nel genere proprio a partire della minuzia con cui sono inseriti gli interventi melodici di synth fra le impalcature ritmiche che non a caso riesco a rendere già molta melodia anche da sole. È possibile con questo confronto “spiaggia vs dancefloor” abbia ammantato questo disco di un’aura glaciale che in fin dei conti non ha sicuramente in toto, ribadisco che è comunque un disco che su Skam non avrebbe sfigurato, anzi gli Autechre dall’alto del loro banco cablato con l’inferno avrebbero annuito contenti di vedere che il genere gode ancora di buona salute.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more

Midas Fall - Fluorescent Lights (Monotreme, 2013)

Sono solo in tre i Midas Fall, alt-post-progressive band inglese, ma rendono come un'orchestra in questo breve ep che precede…

10 Apr 2014 Reviews

Read more

On Fillmore/Pupillo, Kazuhisa, Yasuhiro - Phonometak Series #7 (Phonometak/Wallace, 2010)

Era un da un po' di tempo che mi chiedevo che fine avessero fatto questi due geni, perché al di…

26 Mar 2010 Reviews

Read more

Il Buio - L'Oceano Quieto (Autunno Dischi/To Lose La Track,…

Dopo un esordio fulminante con il 12" del 2012 e il notevole 7" dell'anno scorso a conferma ulteriore dei numeri…

27 Mar 2013 Reviews

Read more

Pazma - Piedi Di Pongo (Tubogas, 2013)

Torna Marco Bucci (Progetto M.B.) da Ostia con la seconda uscita per la sua Tubogas, questa volta assieme a Paola…

25 Mar 2014 Reviews

Read more

Five Rooms - No Room For Doubt (Amirani, 2010)

Five Rooms non è un gruppo nuovo scoperto dalla Amirani ma una vera e propria all star band che vede…

01 Mar 2010 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Fragil Vida - ...E Così Noi (Live Recording, 2006)

Bisognerebbe girare un film per metterci come colonna sonora questo album. Quel contrabbasso in E così noi è fatto per…

20 Oct 2006 Reviews

Read more

A Windy Season - Tidal (Amirani, 2012)

Se credessi nel senso e nell'utilità di fare una playlist di fine anno Tidal sarebbe senza dubbio nella top ten…

27 Dec 2012 Reviews

Read more

Massimo Volume + Bancale - 26/07/09 Musical Zoo Festival (Brescia)

Onore al merito delle nove realtà bresciane (tutte rigorosamente ignorate nel fumetto/report sulla scena locale pubblicato su…

02 Sep 2009 Live

Read more

Horchata Vs. Sil Muir - S/T (Taâlem, 2008)

Con colpevole ritardo recensisco questo cd 3", che da tanto tempo staziona tra le pile di dischi in "heavy rotation",…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

Miss Fraulein - The Secret Bond (Indipendead, 2010)

Combo cosentino al secondo lavoro, insapore e incolore quanto una pappa per neonati. Un cucchiaino di Alice In Chain,…

05 Jun 2010 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

Gastr Del Sol - Twenty Songs Less 7" (Minority, 2006)

Ebbene sì. Finalmente Jim O'Rourke ha capito che per lui non c'era davvero niente da fare di utile all'interno dei…

22 Jan 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top