Dunaewsky 69 – Xquisite.Xcerpt. (Kvitnu, 2007)

Che la nuova scena elettronica Ukraina e Russa stia sfoderando un buona serie di musicisti con i controcazzi non è un mistero per molti e se non credete a me provate a farvi una piccola ricerca in rete inserendo nomi come Andrey Kiritchenko, Kotra, Zovoloka. Questi  sono giusto alcuni dei più famosi, anzi, se avessimo millemila collaboratori vi prometterei un articolo approfondito ma non li abbiamo e al più posso promettervi di essere un bravo scout…parola di lupetto!!. Visto che pur bazzicando la materia elettronica gli autori sopra elencati fanno cose molto diverse sia individualmente che fra di loro, direi che questo Dunaewsky 69 vada inserito nell’elettronica ritmica e più “classica”. Inserite fin da ora il suo nome nel novero dei nomi migliori venuti dal freddo perché Alexandr Gladun se la cava molto bene, tanto da riconciliare il suono dell’idm e quello della techno e per dio…ben venga. A parte qualche suono più ostico Gladum gioca nel classico: beat più o meno dritti che si colorano di tappeti di synth, melodie acide e fredde, giusto per chi non c’è abituato, Warp “glory days oriented”, anzi direi che se l’etichetta inglese non vi diceva nulla all’epoca sia un disco da lasciar perdere. C’è un’estetica Ukraina in un disco del genere? E in molti dei lavori degli artisti fin qui menzionati? Forse… quanto meno per certe cose di Zovoloka (qui coinvolta in veste di grafica) e per Kotra che non a caso collaboreranno nel secondo capitolo di quest’etichetta, c’è un taglio freddo ovviamente, molto simile a quello di molta elettronica finlandese anche se a differenza di altre aree geografiche dell’ex-Urss non è che si trovi proprio dietro l’angolo. Xquisite.Xcerpt va di ritmica e suona tagliente senza per questo sfociare nell’elettronica più ruvida o nella break-core e , nonostante le melodie non siano per nulla solari, il fatto di essere molto fine e parecchio arrangiato lo rende agibile anche per un orecchio non troppo abituato. Riguardo al fatto che non sia un disco da cocktail sulla spiaggia credo che ci siano pochi dubbi, si tratta di musica da dancefloor e da ore piccole come nel caso di Dancing Glare Is Visual Surrounding. Un disco bello acido e molto ben inserito nel genere proprio a partire della minuzia con cui sono inseriti gli interventi melodici di synth fra le impalcature ritmiche che non a caso riesco a rendere già molta melodia anche da sole. È possibile con questo confronto “spiaggia vs dancefloor” abbia ammantato questo disco di un’aura glaciale che in fin dei conti non ha sicuramente in toto, ribadisco che è comunque un disco che su Skam non avrebbe sfigurato, anzi gli Autechre dall’alto del loro banco cablato con l’inferno avrebbero annuito contenti di vedere che il genere gode ancora di buona salute.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Picastro - Become Secret (Block Recording Club/Monotreme, 2010)

La voce di Liz Hysen non si dimentica facilmente e anche se non ho seguito più i Picastro dal loro…

04 Mar 2010 Reviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 20 (05/03/15)

Per la puntata numero venti della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano Stefano Giust, che porta…

09 Mar 2015 Podcasts

Read more

The Dillinger Escape Plan - One Of Us Is The…

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per…

19 Dec 2013 Reviews

Read more

The Star Pillow – Invisible Summer (Midira, 2017)

Mi chiedo come Paolo Monti trovi il tempo per combinare le mille uscite discografiche (proprie e in compagnia, ultima Daimon…

05 May 2017 Reviews

Read more

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Mi piacciono i gruppi che (almeno apparentemente) non fanno niente per essere facilmente ricordati per il loro nome: questi Low…

23 Dec 2007 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

The Chinese Stars - Listen To Your Left Brain (Three.One.G,…

Mi sa che questa volta, il cervello se lo sono bevuto del tutto, i nostri beneamati Chinese Stars. Consigliano, dunque,…

03 Feb 2008 Reviews

Read more

Koji Asano - Travel Coupons (Solstice, 2012)

Il compositore Koji Asano pubblica Travel Coupons, il suo primo disco dell'anno 2012, come sempre rigorosamente autoprodotto sulla sua etichetta…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

She Said What?! - S/T (Marsiglia, 2009)

La genovese Marsiglia del "nostro" Matteo Casari continua nella missione di portare alla luce nuove band locali: una volta pubblicato…

30 Aug 2009 Reviews

Read more

Bugo + Il Genio - 25/10/08 Mojotic @ MEP (Sestri…

Per la prima volta mi muovo verso i lidi rivieraschi alla ricerca del MEP, che mi dicono essere un capannone,…

26 Oct 2008 Live

Read more

Uncode Duello - Tre (Wallace, 2009)

Xabier Iriondo e Paolo Cantù sempre più coinvolti in un ritorno alle origini, o meglio, diciamo che il "bat duo"…

19 Dec 2009 Reviews

Read more

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

Francisco Lopez/Luca Sigurtà - Erm (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Decisamente un disco che lascia spazio ai vuoti questo Erm, un brano a testa diviso tra Francisco Lopez e Luca…

02 Dec 2013 Reviews

Read more

Testing Vault – Threnody For The Suicidals (Anedonia) (Ho.Gravi.Malattie,…

Dei vari progetti musicali di Daniele Santagiuliana avevamo finora trascurato Testing Vault, fra tutti quello maggiormente longevo e prolifico, nonché,…

14 Mar 2019 Reviews

Read more

Oscenità Sulla Luna – 21/07/12 Spazio 4 (Piacenza)

Incubo di una notte di mezza estate. L'ultima cosa che ci saremmo aspettati di vedere e sentire è una carrellata…

27 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top