Dunaewsky 69 – Xquisite.Xcerpt. (Kvitnu, 2007)

Che la nuova scena elettronica Ukraina e Russa stia sfoderando un buona serie di musicisti con i controcazzi non è un mistero per molti e se non credete a me provate a farvi una piccola ricerca in rete inserendo nomi come Andrey Kiritchenko, Kotra, Zovoloka. Questi  sono giusto alcuni dei più famosi, anzi, se avessimo millemila collaboratori vi prometterei un articolo approfondito ma non li abbiamo e al più posso promettervi di essere un bravo scout…parola di lupetto!!. Visto che pur bazzicando la materia elettronica gli autori sopra elencati fanno cose molto diverse sia individualmente che fra di loro, direi che questo Dunaewsky 69 vada inserito nell’elettronica ritmica e più “classica”. Inserite fin da ora il suo nome nel novero dei nomi migliori venuti dal freddo perché Alexandr Gladun se la cava molto bene, tanto da riconciliare il suono dell’idm e quello della techno e per dio…ben venga. A parte qualche suono più ostico Gladum gioca nel classico: beat più o meno dritti che si colorano di tappeti di synth, melodie acide e fredde, giusto per chi non c’è abituato, Warp “glory days oriented”, anzi direi che se l’etichetta inglese non vi diceva nulla all’epoca sia un disco da lasciar perdere. C’è un’estetica Ukraina in un disco del genere? E in molti dei lavori degli artisti fin qui menzionati? Forse… quanto meno per certe cose di Zovoloka (qui coinvolta in veste di grafica) e per Kotra che non a caso collaboreranno nel secondo capitolo di quest’etichetta, c’è un taglio freddo ovviamente, molto simile a quello di molta elettronica finlandese anche se a differenza di altre aree geografiche dell’ex-Urss non è che si trovi proprio dietro l’angolo. Xquisite.Xcerpt va di ritmica e suona tagliente senza per questo sfociare nell’elettronica più ruvida o nella break-core e , nonostante le melodie non siano per nulla solari, il fatto di essere molto fine e parecchio arrangiato lo rende agibile anche per un orecchio non troppo abituato. Riguardo al fatto che non sia un disco da cocktail sulla spiaggia credo che ci siano pochi dubbi, si tratta di musica da dancefloor e da ore piccole come nel caso di Dancing Glare Is Visual Surrounding. Un disco bello acido e molto ben inserito nel genere proprio a partire della minuzia con cui sono inseriti gli interventi melodici di synth fra le impalcature ritmiche che non a caso riesco a rendere già molta melodia anche da sole. È possibile con questo confronto “spiaggia vs dancefloor” abbia ammantato questo disco di un’aura glaciale che in fin dei conti non ha sicuramente in toto, ribadisco che è comunque un disco che su Skam non avrebbe sfigurato, anzi gli Autechre dall’alto del loro banco cablato con l’inferno avrebbero annuito contenti di vedere che il genere gode ancora di buona salute.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vulturum - Vivi Di Luce Riflessa/Voraussage 12" (Sangue Dischi/Trips Und…

Il tempo vola e sono già passati due anni dall'apprezzato Vineta. Dopo una serie ben congegnata di concerti, tornano i…

06 Feb 2011 Reviews

Read more

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more

Catherine Graindorge ft. Iggy Pop - The Dictator EP (Glittebeat,…

Iggy Pop si sta sempre più svelando come Dj capace e curioso (recente il suo passaggio degli Skiantos nella sua…

20 Sep 2022 Reviews

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Snew - Snew You (Autoprodotto, 2008)

Non credo proprio che il nuovo Chinese Democracy riuscirà a riportare in auge lo street rock n'roll quanto lo…

30 Nov 2008 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita…

22 Feb 2019 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

Stefano Giaccone - Città Nuova (Fondo Giaccone, 2022)

Buttarsi a capofitto in un disco, senza provare a leggerne contenuti ed autori. Iniziando una mattina di settembre, cane a fianco.…

22 Sep 2022 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

The Pattern Theory - S/T (Valeot, 2011)

Chissà se Ulf Grenander, lo statistico svedese che formulò la Teoria dei Modelli (pattern), avrebbe mai pensato di ispirare così…

03 May 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Damn! Freistil Samplerin #3 (Chmafu, 2013)

Arriva al terzo capitolo la compilation in collaborazione fra la Chmafu Records e il giornale Freistil che raccoglie i contributi…

26 May 2014 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Thee Oh Sees - Putrifiers II (In The Red, 2012)

Non sapendo da dove cominciare, con i californiani Thee Oh Sees, (da O.C.?), credo non sia male, se ancora non…

25 Oct 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top