Belorukov vs Marziano/Fulkanelli – Aggarbatoo! Vol.1 (Lemming/Hysm?, 2012)

Ancora l’attivissima Lemmings Records (era un po’ che non ne parlavamo, ma non per inattività loro, bensì per ritardi nostri) ci presenta questo split tape ultralimitato fra due dui (l’eterno dilemma su quale sia il plurale di “duo”) esordienti ma composti da gente non di primo pelo. Leggete e ne scoprirete di più.
Belorukov vs Marziano, non é difficile intuirlo, è l’incontro-scontro fra il sassofonista russo Ilia Belorukov, attivissimo nell’ambito dell’improvvisazione europea e Ndriu Marziano, degli Hiroshima Rocks Around, gran maestro della chitarra preparata, difficile spiegare come (cercate in rete qualche foto). Quella che ascoltiamo sul loro lato, dall’eloquente titolo di Fragments Of Improvisations, è musica informe e in catalogabile, una specie di jazz post-industiale dove dal magma di drone e elettronica sfrigolante emerge di tanto in tanto qualche suono intellegibile, in genere melodie di sax. Non sempre di cieca furia si tratta, ogni tanto c’è qualche momento d’atmosfera (atmosfera inquietante ovviamente) che, se non proprio ad alleggerire la pietanza, contribuisce comunque a rendere più vario l’ascolto. Difficile da assimilare di primo acchito, è un brano che avrà però vita lunga, rivelando ad ogni ascolto nuovi aspetti. L’altro duo, i Fulkanelli, nascono dall’incontro fra il batterista Paolo Mongardi (che picchia le pelli nei Ronin, nei Fuzz Orchestra, negli Zeus e chissà ancora dove) e l’impro-chitarrista Cristian Naldi. Il loro lato ha nome MerKurio, metallo pesante e liquido che ben si presta a paragoni con la lunga, ipnotica cavalcata che rivisita gli Ash Ra Temple del primo album in chiave noise (mi hanno ricordato i Walking Timebombs di Scott Hayers). Si procede fin da subito ad andatura piuttosto alta, con una ripetitività ritmica capace di indurre stati alterati di coscienza, oltre a gravi forme di torcicollo dato dall’inevitabile headnbanging, mentre la chitarra macina giri che crescono fino al parossismo, per poi spegnersi lentamente. Non vi tragga in inganno il supporto povero e “fuori moda”, questo primo capitolo della serie Aggarbatoo! non è un’uscita minore.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bear Claw - Slow Speed: Deep Owls (Sickroom, 2007)

Ascoltando I Bear Claw come sempre ero ignaro di chi fossero e da dove venissero, perché se leggo i comunicati…

20 Oct 2007 Reviews

Read more

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Dalila Kayros – 02/03/13 Il Revisionario (Brescia)

Fossimo dediti alle classifiche di fine anno, Nuhk di Dalila Kayros finirebbe certamente in testa alla mia lista; grande era…

15 Nov 2013 Live

Read more

La Decima Vittima - Storie Strane Al Buio (Zona, 2011)

 Ognuno ha lo chansonnier che si merita. Evidentemente, e i fatti mi danno ragione, oggi Bobby Soul è quanto di…

07 Jun 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 22 (19/03/15)

Puntata numero ventidue della terza stagione di The Sodapop Fizz: Simon Balestrazzi è ospite di Emiliano: c'è tempo per parlare della…

23 Mar 2015 Podcasts

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

Langhorne Slim - S/T (Kemado, 2008)

A tre anni dal precedente When The Sun's Gone Down, a sua volta seguito dell'autoprodotto Slim Pickens, uscito ben nove…

18 Sep 2008 Reviews

Read more

K11 - Another Temple To The Great Beast 666 (Utech,…

Pietro Riparbelli riprende la sigla K11 e torna sul luogo del delitto, quell'Abbazia di Thelema a Cefalù che già era…

04 Nov 2013 Reviews

Read more

The Great Saunites – Brown (Neon Paralleli/Hypershape e altre, 2018)

The Great Saunites chiude la trilogia dei colori aggiungendo al nero e al verde il marrone e l’effetto è assolutamente…

26 Apr 2018 Reviews

Read more

MU (Gian Luigi Diana, Jimmy Johnsen) – S/T (Setola Di…

UIl terremoto, lo tsunami e il conseguente incidente nucleare di Fukushima devono aver colpito l'immaginazione di molti musicisti, se, dopo…

28 Nov 2012 Reviews

Read more

Cortez - Phoebus (Get a Life, 2013)

Una cascata lavica di feedback dalla pacifica svizzera. Pubblicano questo Phoebus, secondo disco sulla lunga distanza gli elvetici Cortez, già…

28 Mar 2013 Reviews

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Pussyhead (Autoprodotto, 2013)

L'indefessa poetica dei rifiuti continua la propria sciancata strada attraverso i pezzi dei ritrovati Hazardous Waste che da un certo…

17 Jan 2014 Reviews

Read more

[mumble]³ - Blank (Brlog, 2011)

Tornano i torinesi Mumble Mumble Mumble, stabilizzatisi come terzetto dopo la prova in parziale duo dello scorso anno. Se allora…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Aucan - S/T (Africantape/Ruminance, 2008)

Giù la maschera: ero partito molto prevenuto nei confronti degli Aucan, temevo che sulla scia dei Three Second Kiss fossero…

16 Jun 2008 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top