Wussy – Buckeye (Damnably, 2012)

Wussy è un progetto nato nel 2001 a Cincinnati. E’ stato scritto di loro che, dal 2005, anno in cui è uscito Funeral Dress, loro primo album, sono la migliore band statunitense. Ora, è pur vero che stiamo attraversando tempi duri e che anche musicalmente non si scherza affatto sulla quantità di robaccia che esce eccetera. E’ anche vero che io non sono il Signor Christgau, eminente giornalista e critico musicale che ha sparato la positivamente lapidaria definizione di cui sopra. Però, davvero, non mi sembra che Buckeye sia quanto di meglio gli States abbiano prodotto negli ultimi anni. Trattasi di indie rock un pò atipico (o meglio, indie rock nel senso letterale della definizione) che conta alla sezione vocal-chitarristica, oltre a Lisa Walker, Chuck Cleaver (già negli Ass Ponys che erano – nei primi anni ’90 – un qualcosa di similissimo all’anima più pop dei Pavement). Si dia il caso che anche questa formazione non si distacchi poi tanto dalla prima esperienza di Clever che ricalca lo stile precedentemente seguito – Airborne – o pare rifarsi a qualche gloriosa ballata degli XTCDeath By Misadventure o Pulverized). I cinque dell’Ohio si danno un gran da fare a proporre tracce che sembrano ben congeniate, ma è l’insieme degli arrangiamenti e della linea del basso sempre simile a se stessa a non farmi urlare di gioia e strapparmi i capelli dall’emozione. Lungi da me scrivere frasi del tipo ‘Siamo fuori tempo massimo, l’hanno capito perfino gli R.E.M.’o cose così, dal momento che mi sono recentemente presa due cd degli Emerson, Lake & Palmer per non consumare troppo i vinili e quindi sarei davvero parecchio ipocrita, però, ecco, il senso è quello. La presenza costante di un intro di chitarra molto lineare e ripetitiva che caratterizza quasi tutte le 17 tracce (Crooked è voce fuori coro – con un ritmo vagamente country style dal sapore springsteeniano grazie all’armonica – insieme a Soak It Up che è invece qualcosa che dedicherei ai seguaci del southern rock). Diciamo che, non voglio essere feroce, credo che Wussy (che Wordreference traduce come ‘pappamolla’) sia un nome che non calza malissimo alla band. Ma dato che hanno Rolling Stone ed eminenze grigie a tesserne le lodi è molto probabile che a diversi di voi piacciano tantissimo. De Gustibus…

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Menace Ruine - Cult Of The Ruins (Alien8, 2008)

Il rock non è ancora deceduto. Forse non gode di ottima salute, forse è destinato a diventare lingua morta,…

26 Dec 2008 Reviews

Read more

Satanismo Calibro 9 – 20/01/2017 Circolo Colony (Brescia)

È giusto precisare subito una cosa: la serata a cui ho assistito e che ha visto la partecipazione dei Satanismo…

25 Jan 2017 Live

Read more

Father Murphy – Croce (Fenser, 2015)

Secondo René Guénon la croce simboleggia, nella maggior parte delle dottrine tradizionali, la realizzazione dell’Uomo Universale: l’asse orizzontale rappresenta un…

14 May 2015 Reviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 37 (09/07/15)

Puntata numero trentasette della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo bissano la puntata sui chitarristi con una…

12 Jul 2015 Podcasts

Read more

VV.AA. – Pulsioni Oblique (Kaczynski, 2018)

La nascita di una nuova etichetta è sempre una buona notizia, specie se, come in questo caso, si appresta ad…

28 Mar 2018 Reviews

Read more

Loren Connors & Sergio Sorrentino - Shadow (CD Suoni Possibili,…

Ogni oggetto produce un'ombra se colpito dalla luce. Anche una coppia di Stratocaster può proiettare sagome che si incontrino. Questo è…

25 May 2022 Reviews

Read more

Text Of Light - Un Pranzo Favoloso / A Fabulous…

Facendo Un Pranzo Favoloso a base di improvvisazione avant-free-jazz la cosa più difficile é digerirlo... Anche se trovare il momento…

24 Dec 2007 Reviews

Read more

Ask The White - Sum And Subtraction (Ammiratore Omonimo /…

I componenti del duo Ask The White hanno già un notevole percorso artistico alle spalle. Isobel Blank, cantautrice e artista…

12 Oct 2018 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network - Tutti I Colori Del Silenzio (Wallace/Palustre,…

Trattasi di un live molto ben registrato e per di più corredato di grafica piuttosto carina, se ciò non bastasse…

26 Feb 2009 Reviews

Read more

Sdang! - La Malinconia Delle Fate (La Fornace/DreaminGorilla/Taxi Driver, 2016)

No, questa volta ogogliosamente possiamo urlarlo ai quattro venti: "non è meglio il demo! E' meglio il disco!" Per chi…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

Low - The Invisible Way (Sub Pop, 2013)

Decimo disco in venti anni di attività per i Low: ed è quindi inevitabilmente il tempo per tirare le somme…

10 May 2013 Reviews

Read more

Atlantic/Pacific - Meet Your New Love (Arctic Rodeo, 2010)

No amici, non si tratta di uno split, ma del nome per il progetto scelto da Garrett Klahn già in…

07 Sep 2010 Reviews

Read more

Shiver - They Will Feed On Us (Diazepam, 2011)

La seconda uscita a nome Shiver per Mauro Sciaccaluga (Ur, Wailing Of The Winds, Deprivation) sulla sua Diazepam si nota…

15 May 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top