Bad Pritt – EP1 (Shyrec/Ricco, 2021)

Ascoltare ad alto volume. Per quanto possa sembrare strano riferito ad un EP che ha nel piano lo strumento principale e di umore decisamente cameristico, questa è l’indicazione che dovrebbe campeggiare sulla copertina di questo nuovo lavoro di Bad Pritt. È infatti il volume che ci permette di cogliere ogni fruscio, ogni rumore, ogni minima increspatura del suono, tutte parti fondamentali di un lavoro che sulla valorizzazione di questi pochi ingredienti si basa. Distante delle atmosfere del disco d’esordio, alleggerito di buona parte dell’elettronica e della voce (ma non delle parole, che ritroviamo nel libretto allegato alla bella confezione curata da Marco Pandin), EP1 è un lavoro volutamente spoglio ma non povero: semmai minimale – nell’intessere piano, archi e silenzi – e sintetico, perché su certe cose è inutile, forse deleterio, dilungarsi. Esperire l’assenza – intesa in ogni sua forma – ed elaborarla: questo l’idea che ha ispirato il lavoro. Argomento non facile – il rimosso per eccellenza della cultura occidentale contemporanea – che qui prende la forma di sette brevi meditazioni, melodie pianistiche che, negli attimi di stasi, lasciano emergere fruscii, vibrazioni e rumori che si muovono all’unisono con le note, talvolta anticipando leggermente gli accordi, come se fossero state microfonate le meccaniche del pianoforte o il corpo stesso del musicista: tutti elementi che contribuiscono a dare spessore e tangibilità al suono e che ci parlano non meno della musica, una musica che rifugge le facili malinconie che il tema solitamente evoca, assumendo invece una compostezza quasi zen. Che si tratti della ripetitiva e vibrante Day 3, dell’incerta Day 4 o della più luminosa Day 6, ritroviamo sempre la concretezza di un’opera che non coinvolge solo l’anima, ma anche il corpo; e proprio sulla consapevolezza che la cura dell’una non può prescindere da quella dell’altro, si gioca l’elaborazione del lutto che EP1 mette in scena: non mera attività intellettuale ma atto, azione, relazione. Tutto dura poco più di venti minuti, un tempo breve ma sufficiente a toccarci e scuoterci nell’intimo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Movie Star Junkies - Son Of The Dust (Outside Inside,…

Mi piacerebbe parlare di questo nuovo recentissimo album dei Movie Star Junkies, fuori per Outside Inside Records esclusivamente in formato…

18 Apr 2012 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

The Lovely Savalas - Pornocracy (Above Ground, 2011)

Ho sempre pensato che già dalla cover si possa intuire molto del contenuto di un disco. Cristiano Carotti, l'artista umbro…

16 May 2011 Reviews

Read more

Sebadoh - Secret EP (Autoprodotto, 2012)

Anche se sono stati tra le mie band favorite in assoluto, consideravo i Sebadoh dopo 13 anni di ibernazione un…

04 Sep 2012 Reviews

Read more

Airchamber 3 - Peripheral (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Tornano gli alessandrini Airchamber 3, dopo l'esordio su Amirani di ormai qualche anno fa: il loro suono si è nel…

16 Dec 2013 Reviews

Read more

Hong Chulki & Will Guthrie - Mosquitoes and Crabs (Erstwhile,…

Il rischio che corre un lavoro costruito su concetti frammentari e irrisolti come questo Mosquitoes and Crabs è quello di…

12 Jun 2018 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

GRAMS - Live at San Pietro in Vincoli MMXIX (…

Il 26 maggio 2019 al Jazz is Dead di Torino 5 loschi figuri calcano un palco. Anzi no, non siamo su…

04 May 2022 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Eternally Now (Lisca, 2011)

Esce su Lisca questo nuovo episodio della discografia di Gianluca Becuzzi, davvero molto prolifico di questi tempi: Eternally Now fa…

24 Jan 2012 Reviews

Read more

Pest Sound - 76 Kilos Laughing (Stuntkite, 2006)

Mi scoccia ripetermi (bugiardo) eppure è strano come a volte un disco formalmente perfetto non arrivi dove dovrebbe. Pest Sound…

28 Mar 2007 Reviews

Read more

Slayer - Christ Illusion (Warner Bros / Wea, 2006)

Loro. Sono tornati e ancora una volta, fin dalla copertina, è evidente il tentativo di tornare ai torridi fasti di…

02 Aug 2006 Reviews

Read more

Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler - 24/10/10…

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul…

22 Sep 2010 Live

Read more

Kern/Batia Hasan – The Commercial Tape (Kaczynski, 2020)

Il secondo volume della serie Tape Session della Kaczynski conferma la felice idea di associare artisti in qualche modo complementari…

09 Jun 2020 Reviews

Read more

Karma To Burn - Slight Reprise (Maybe, 2012)

Ho visto i Karma To Burn una volta sola, nel 1998, al Continental di New York e ricordo ancora il…

14 Nov 2012 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Asymmetrical Warefare (Azoth, 2015)

Ultimamente più in forma che mai, Simon Balestrazzi decide anche di creare una propria etichetta per diffondere i suoi lavori…

10 Feb 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top