STROMBOLI – Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi Buzz Aldrin e poi con il suo progetto personale, Stromboli. Quarta uscita con questo monicker per l’etichetta inglese Depths Records e, inutile girarci intorno, quarto centro. Nulla di epocale ma eleganza, cognizione, stile, personalità. Quasi una certezza sottotraccia, a testimoniare in questo caso dei rimandi ad un esilio che pare essere un’orbita solitaria e personale sulla luna, con un’assenza di luce ed un pulsare di fredda grigia materia. Il sound è granulare, caldo e vibrante, quasi come se fossimo dei piccoli insetti alle prese con degli enormi rumori che rilasciano onde che ci scuotono a terra. I ronzii, i feedback, le pulsazioni, i bassi. Tutto appare estremamente semplice e nitido, nucleare nella sua compattezza. Da Odd Scenario ad Unseen il suono ci avvolge, mentre è Sub Stasis a batterci, con sferzate cosmiche e sciabordii sintetici. La materia è pulsante ed impegnativa, ma mai ostica, calibrata in un equilibrio tra melodia e rumore praticamente perfetto. Ecco, forse non troviamo in Exiles una rivoluzione ma a chi importa? Agli altri? Alla società? L’esilio, sia esso scelto od imposto è una condizione che implica sempre e comunque una definizione di se stessi, del proprio ruolo e del proprio percorso. Questo è Stromboli, lo sono Alterations ed Escapology, vie di fuga attraverso materie di un’altra densità rispetto alla nostra. A volte si affonda, a volte si plana, seppur a medio regime mai ci si placa ma si sinsiste, scavando. Dentro Nico ribolle materiale lavico, che si indurisce a seconda dell’ambiente che ritrova. Siatene ricoperti, godetene, Non vi deluderà, ineluttabile. Potrei lanciarmi in iperboli come di un Paul Jebanasam folk o di una Eliane Radigue statica. Non lo farò, aspettatevi soltanto Nico Pasquini più solido che mai.

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.6

No, non è il caldo ad averci dato alla testa. L'ultima puntata della stagione è un mix di poesia aulica,…

08 Jun 2010 Podcasts

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Geoff Farina - The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex…

05 Apr 2012 Reviews

Read more

Haulin'Ass - Towards Which Future (Vacation House, 2009)

Mutando appena-appena il campione (La Dolce Vita, direi) che chiude il disco, verrebbe da dire agli Haulin'Ass che “dovrebbero riuscire…

01 Jun 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more

Lonius - S/T (Setola Di Maiale, 2008)

Un sax tratteggia una melodia jazz, note si rincorrono, si perdono, si ritrovano, sembrano abbozzare una melodia. Sotto, in un…

30 Sep 2008 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Aedi - Ha Ta Ka Pa (Gusstaff, 2013)

Secondo lavoro fresco di stampa per i connazionali Aedi (forse plurale di Aedo? sapete...i cantanti-compositori greci...). Maceratesi di origine, con…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

St.Ride - Conquistare Il Mondo (Niente, 2013)

Due lembi di bandiere strappate attaccate ad un palo piantato nell'acqua, con il panorama del mare davanti a noi: ecco…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

Killed By 9V Batteries – The Crux (Siluh, 2011)

Parlavo proprio del Flex di Vienna nella precedente recensione degli Squaramouche ed ecco che leggo sul flyer che mi è…

12 Jan 2012 Reviews

Read more

The Star Pillow/Larkian – Split Tape (Dead Vox, 2016)

Due uomini armati di chitarra si dividono i lati di questo nastro della svizzera Dead Vox e danno un saggio…

27 Feb 2017 Reviews

Read more

Valerio Cosi – Plays Popol Vuh (Dreamsheep, 2014)

Non si può dire che Valerio Cosi non ami il rischio: a misurarsi in maniera così scoperta con dei mostri…

02 Dec 2014 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top