Yann Novak – Blue.Hour (Farmacia901, 2012)

Yann Novak vive e lavora nella città di Los Angeles dove donnine prosperose e omaccioni muscolosi corrono al rallentatore sulla spiaggia, e nel mentre Yann manipola suoni in totale solitudine in un buio scantinato nella periferia della città… o forse no, anzi, direi proprio il contrario, visto il lungo curriculum di luoghi dove ha presentato le sue installazioni e i festival prestigiosi dove ha suonato. Quindi probabilmente non sono solo le lande desolate, che si tratti di neve o di deserti ad inspirare musica dronica, ma anche i tramonti o le albe della città più fittizia d’America. Blue Hour è un flusso, un drone, ma non un drone il cui peso sonoro piega la schiena e le orecchie all’indietro, ma che solleva l’ascoltatore, o meglio lo eleva in uno stato di grazia trascendentale/ambientale. Non a caso l’ispirazione viene proprio da “l’ora blu” che identifica una particolare condizione della naturale luce solare che si verifica, al tramonto o all’alba, in situazione di crepuscolo, quando il sole è sotto l’orizzonte. L’orario, la durata e l’intensità del fenomeno cambiano a seconda delle stagioni, delle latitudini e delle condizioni meteo. É un situazione ambientale spesso ricercata nella fotografia, proprio perchè permette di ottenere effetti di contrasto che non si riuscirebbero ad ottenere in altro modo. Ed è proprio “fotografando” con l’audio questo evento climatico che Novak in 21 minuti esatti coglie le sfumature del blu, le penombre e i colori più freddi in contrasto con il blu intenso. Ad un buon volume ci si lascia avvolgere piacevolmente da questo suono che penetra nello spirito, lasciando una sensazione di positività e di pacificazione con il mondo. Ma poi, quando riapro gli occhi richiamato dall’ennesimo “papi” di mio figlio, la pace dei sensi raggiunta fino a quel momento, si vaporizza come una nuvoletta di fumo nell’aria e si ritorna alla vita concreta. Farmacia901, o meglio Fabio Perletta, è come sempre molto attenta all’estetica e naturalmente in tema con la materia musicale in questione, inserisce il CD in una custodia trasparente su un supporto a sua volta trasparente e giocando con dei cerchi concentrici di colore grigio-azzurro crea un oggetto di design. Da ascoltare e da avere.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Umanzuki - Sonic Birds (Brigadisco/Fromscratch/Eclectic Polpo/Ambient Noise Session/Hysm?/Toten Schwan/Charity Press/ZAMZAM,…

Sarò prevenuto io (non che me ne dispiaccia troppo), ma in questo particolare periodo storico il solo sentir parlare di…

15 Mar 2013 Reviews

Read more

Noise Of Trouble – Distopia (Brigadisco, 2012)

La recensione dell'ultimo album dei Mombu sul fondamentale blog Il Teatrino Degli Errori, recitava "Fra le tante, citiamo tre piaghe…

31 Jan 2013 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Matt And Kim - Grand (Fader Label, 2009)

Uno due uno due... con Matt e Kim, duo punk/dance- synth pop da Brooklyn, a molti verrebbe voglia di uscire…

14 Feb 2009 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Dope In The Pig Bags - The Guide For The…

Il nuovo parto di Andrea Prevignano con il monicker di Dope In The Pig Bags guarda agli orrori politici e…

07 Feb 2020 Reviews

Read more

Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare…

28 Dec 2015 Reviews

Read more

Hue - Live At Lab 12 Part 2: Hue Playing…

Se avete dato un'occhiata all'intervista che gli abbiamo fatto qualche tempo fa avrete capito che Matteo Uggeri in arte Hue…

05 Jun 2007 Reviews

Read more

Anatrofobia - Brevi Momenti Di Presenza (Wallace, 2007)

"Eppur si muove" diceva quello e a quanto pare gli Anatrofobia di questa frase hanno fatto una ragione di vita,…

14 Aug 2007 Reviews

Read more

Aucan - S/T (Africantape/Ruminance, 2008)

Giù la maschera: ero partito molto prevenuto nei confronti degli Aucan, temevo che sulla scia dei Three Second Kiss fossero…

16 Jun 2008 Reviews

Read more

Amp - All Of Yesterday Tomorrow (RROOPP, 2007)

Alla domanda su cosa cosa c'è stato a Bristol negli anni '90 la risposta standard è il trip-hop, ma dando…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Fifteen Strange Seconds – S/T (Autoprodotto, 2020)

Magari non sono proprio una strana coppia Andrea Gastaldello, in arte Mingle, e Marco Machera (Echo Test), ma certo nemmeno…

19 Feb 2021 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

VacuaMœnia: suonare lo spirito dei luoghi

Nel fiorire di iniziative dedicate al file recording, molte delle quali prendono la forma di consorzi di artisti o di…

14 Feb 2015 Interviews

Read more

Ambasce - Isola Santa (Dissipatio, 2022)

Cos’è un’isola se non un lembo circoscritto di terra protetto dall’acqua? Per sommi capi potrebbe essere un ritiro, un isolamento…

12 Aug 2022 Reviews

Read more

Marcilo Agro e il Duo Maravilha - Tra L'Altro (Room…

Momenti di amarcord. Sono cresciuto ascoltando musica prevalentemente cantata in inglese e, tuttora, fatico a relazionarmi all'italiano. Negli anni ci…

16 Jul 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top