Trigger Cut – Buster (Token Records, 2019)

Trigger Cut è la ragione sociale di un nuovo trio “noise rock in your face” tedesco, classicamente chitarra e voce, basso e batteria, i cui membri provengono da esperienze precedenti di tutto rispetto, come Frana e Buzz Rodeo, persone che ne sanno del suono dei ’90, di quello che, per intenderci, fa riferimento alla scuola Touch And Go e derivati. Come dice lo stesso Ralph, chitarrista e cantante della band, senza Mule, Jesus Lizard, Shellac, Polvo e compagnia cantante non ci sarebbero i Trigger Cut. La cosa è evidente e si percepisce chiaramente dai primi secondi di questo omonimo debutto discografico. Un suono in parte storicizzato e che per gli appassionati è un piacere per le orecchie, certo, ma c’è un guizzo in più che non stanca e rende ancora il tutto molto credibile: un piglio punk e un approccio diy che appassionano e danno una spinta ulteriore alle canzoni, come anche una timbrica postcore che ne ampia ulteriormente la visione. Bisogna infatti notare che oltre alla perizia filologica i tre vivono il genere come sincera forma espressiva, un linguaggio corporeo ed estroverso, compatto e granitico nella sua fede, fatto di potenza, quadrature angolari e rock and roll rumoroso. Un insieme di ingredienti che rendono l’impatto urticante, sostenuto da una performance competente e sentita e da una misuratezza dei mezzi intelligentemente ragionata. Un approccio che utilizza la cerebralità delle soluzioni con naturalezza e un tiro schietto, per questo convincente.
A partire dal pugno in faccia di Hellcat Bob, passando per le quadrature di Blind, fino alle aperture melodiche di Transfer e ai rallentamenti di Pony Pony, è tutto un bel sentire e piuttosto divertente. Un disco sincero e viscerale che farà contenti gli ascoltatori in modo trasversale: sia gli attempati appassionati del genere che avranno pane per i loro denti, sia le nuove generazioni che vogliono godersi un suono che, diciamolo, in casi come questo riesce ancora a farti stare bene.
Se non bastasse bisogna segnalare che il disco è dedicato a Jim Kimball (Laughing Hyenas, Jesus Lizard, Ghost Forest, Denison Kimball Trio) e sull’etichetta di un lato del vinile ci trovate una splendida foto del suo cane, Buster appunto.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

True Widow – S/T (End Sounds, 2009)

Con un po' di ritardo recuperiamo questo disco d'esordio dei True Widow, la nuova band capitanata da Dan Phillips, ex…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

We Need You - S/T (Eh?, 2008)

Da free a free di recente ho ascoltato Talibam!/Jelousy Party che quando vanno liberamente lo fanno portandosi dietro un bel…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Elks - S/T (The Great Outdoors, 2008)

Dopo un mini tour di cinque date in terra d'Albione e uno split, i modenesi Three in One Gentleman…

06 Jan 2009 Reviews

Read more

Las Kellies - Kellies (Fire, 2011)

GHERLS PAUAH! Un disco che sa di estate e che ascolto con un tempismo pazzesco ma del tutto casuale, visto…

28 Jul 2011 Reviews

Read more

Monaci Del Surf - S/T (Inri, 2012)

Frizzantissimo terzetto perfetto per l'estate che non vuol decollare. In un mondo civile questi tre wrestler messicani (o di Mirafiori?!)…

06 Jun 2012 Reviews

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

Futeisha – Dannato (Old Bicycle/ Brigadisco, 2014)

Sempre alla ricerca di nuove strade e con l’evidente esigenza di non farsi incasellare in un suono o in un…

25 Jul 2014 Reviews

Read more

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more

St.Ride - Tutto Va Bene (Niente, 2011)

Con Tutto Va Bene a nome St.Ride si chiude il trittico di dischi Niente del 2011, sempre ad opera del…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Green Beret - Part 1 & Part 2 (Sabbatical, 2008)

I tre berretti verdi sono stati assoldati per l'undicesima uscita Sabbatical probabilmente perché hanno le carte in regola per fare…

09 Nov 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top