Henrik Munkeby Nørstebø / Daniel Lercher / Julie Rokseth – Off The Coast (Sofa, 2019)

Elettroacustica pregevole e non scontata quella di Off The Coast, nuova uscita del duo formato dal trombonista norvegese Henrik Munkeby Nørstebø e dal sound artist austriaco Daniel Lercher che per questo nuovo lavoro coinvolgono l’arpista norvegese Julie Rokseth.
Durante una residenza nel 2017 i tre hanno l’occasione di trascorrere una settimana nella piccola isola di Sula fuori da Trondheim, al largo della costa del mare norvegese, e il luogo, come a volte accade, diventa fondamentale per l’ispirazione. Una strumentazione studiata e utilizzata per sondare micro tonalità nel coacervo di un contesto piuttosto suggestivo, ottenendo un sorprendente equilibrio tra acustica ed elettronica: Nørstebø costruisce sibili, toni bassi, pulsazioni di ritorno e microregolazioni fisiche e Lecher programma e processa in tempo reale producendo sonorità che si accordano con molta attenzione alle fonti lasciando inalterate le frequenze del trombone amplificato, in modo da ottenere un impasto raffinato che esalta la componente dialettica. Al tutto si aggiungono le registrazioni ambientali dell’isola e il suono della wind arp della Rokseth, uno strumento di diciannove corde che quando viene tenuto ad angolo nella giusta quantità di vento inizia a diffondere tonalità spettrali.
Quattro tracce dove le micro tonalità e i sottili fraseggi sonori costruiscono un substrato isolazionista e aperto sul quale si snodano panorami elettroacustici intensi che duettano cupamente con la rarefazione e l’ambiente naturale circostante. Un timbrica ibrida che scorre tra i sottili balbetti ingrossandosi negli incastri e dialoghi unisoni penetranti. Mirabile come la composizione meditata sappia avvolgere senza compiacere, marcando una distanza naturalistica e vitale per il suono: una poesia naturale che parla di territori desolati che attraggono con magnetismo poetico. Suggestione che si apprezza ancora meglio in una traccia come Inside Elements, che coinvolge anche Aksel Johansen, un ottantenne abitante dell’isola, che intona una tradizionale canzone sula accompagnato dalla ritmicità metaforica dell’infrangersi delle onde, sviluppandosi poi in una partitura per elettronica rarefatta, corde abuliche, field recording e profondi tratteggiamenti bassi. Il tutto gestito con una naturalezza discorsiva encomiabile.
Un discorso che, come racconta la leggenda del nome dell’isola, “sorge dall’oceano” e affascina lentamente.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more

Miriam In Siberia - S/T EP (Autoprodotto, 2006)

Ho una sana allergia per l'indierock cantato in italiano: voci che richiamano sempre troppo qualche altro cantante che al momento…

30 Jan 2007 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more

Colleen Green - Sock It To Me (Hardly Art, 2013)

In heavy rotation in macchina da settimane, il disco di Colleen Green verrà testè premiato con una recensione incensante. Drum…

18 Sep 2013 Reviews

Read more

AA. VV. - 391 Vol.5 Liguria (Spittle, 2017)

Dopo oltre trent'anni riprende il progetto 391 iniziato agli albori degli anni ottanta per mano di Pierpaolo De Iulis e…

13 Dec 2017 Reviews

Read more

Talibam! + Mangia Margot - 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca -…

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo…

30 May 2009 Live

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Prettiest Eyes - Looks (Aagoo, 2015)

Con un sound dalle basi blues ma bersagliato senza sosta da attacchi di psichedelia e noise, i californiani (originari di…

31 Aug 2016 Reviews

Read more

Enrico Conglio & Matteo Uggeri - Open To The Sea…

Prima collaborazione fra Enrico Coniglio e Matteo Uggeri in questo disco che si avvale dei suoni di molti musicisti, del…

26 Sep 2017 Reviews

Read more

Sergio Sorrentino – Dream: American Music For Electric Guitar (Mode,…

Sergio Sorrentino, la sua chitarra elettrica, un pugno di autori fondamentali per la musica americana meno ortodossa: sono questi gli…

22 May 2018 Reviews

Read more

The Haarp Machine - Disclosure (Sumerian, 2012)

Una doverosa premessa: non sono assolutamente un esperto di technical death metal, o di progressive metal, quindi non ho masticato…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

Indigents - Bottomless Sinking (Sincope, 2012)

Indigents è un duo formato dal catalano Héctor O. aka Mindload e dal francese Stephane Kerandel aka Terrortank, attivo con…

30 Jul 2012 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - Concentric (A Silent Place, 2010)

Ritorna uno dei gruppi italiani che è riuscito ad imporsi all'attenzione dell'etichetta che divenne famosa per il grunge, la Sub…

11 May 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top