The Lay Llamas – GOUD (Black Sweat, 2022)

Non credo che le droghe siano sorprendenti. Raggiunto il livello di stabile assuefazione od abitudine, intendo. Dopo anni di abitudine immagino infatti che le esperienze possano divergere ma all’interno di una sfera più o meno conosciuta. Una certezza, inebriante ma non sorprendente in qualche modo, anche se rifugiarcisi o ricercare il medesimo abbraccio può essere salvifico o, molto più semplicemente, quello che cerchiamo.
Questo lungo preambolo solo per dire che l’inizio del nuovo disco di Lay Llamas (alias dietro il quale si nascondono da anni Nicola Giunta e Gioele Valenti) mi riporta esattamente lì, nella foresta di smeraldo, a ripercorrerla planando sotto le sembianze di un falco. Ma poi basta un attimo, con Acid Mother, Holy Temple (tributo a Makoto Kawabata e compari?) ed i latrati dei cani vengono trasportati nell’Albione più psichedelica e folk, con dei sentori ’60 che mi riportano in area Donovan.
Dopo un breve esercizio speziato e percussivo come Circular Time rientriamo in pieno tra spruzzi e beat d’antan, in un villaggio di gnomi di brughiera talmente inquietante da temere abbiamo panificato con la segale sbagliata per troppo tempo.
Con Back to Gobekli Tepe si abbassa il ritmo, si prendono tamburelli e le vibrazioni del giorno, per entrare in una trance polverosa e terrea. Poi altri luoghi, altre cartoline, come quelle di Valley of Vision con Gioele nel ruolo dello sciamano disturbato, che immaginiamo roteare le braccia danzando quando gli stacchi strumentali si fanno prominenti. I Lay Llamas conservano la peculiarità di inserirsi in ogni angolo del globo e di assumere le sostanze più adatte per portare i partecipanti al loro rito nella miglior situazione possibile, attraverso gli occhi del loro animale guida, lasciandoli liberi di esplorare i mille lati della loro coscienza in mille salse.
Viene quindi spontaneo chiederci se questi ovattati brani siano specchietti per le allodle oppure rappresentazioni fedeli del viaggio. Su questo non ho dubbi, non c’è furbizia alcuna qui, le barriere sono cadute e si aprono a diverse contaminazioni, come il dub di Echoes And Dust From A Future Word grazie alla chitarrina che urla Jamaica e ci bea grazie ai ripetuti stop e ripartenza
Extra Solar Africa Orchestra è un carillon sghembo e tremolante che fa muovere la testa su e giù ed arriviamo quindi già al termine del disco. Si trova una vena in qualche modo melanconica nel commiato…At The End Of The Night, con la voce di Gioele che viene accompagnata ed amplificata da un coro femminile chiude il disco e ci lascia così, piantati per terra ma con testa ed orecchie che ancora lambiscono i ricchi territori che ci hanno fatto incrociare.
Che dire quindi di questo disco dorato? Opera capace di scintillare a qualsiasi latitudine, dimostra quanto alto sia il grado di maestria sia ormai quello raggiunto da Nicola e Gioele, che lavorano di cesello con strumentazioni analogiche lasciandoci un lavoro grondante umori e tracce, tasselli di qui la nostra vita è composta.
Sudoris Umor Magna Siciliae.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Offlaga Disco Pax + Apash 2012 - 18/01/13 Circolone (Legnano…

E quindi si inaugura l'anno nuovo con un live dal sapore un pò - almeno per me - antico. Offlaga…

08 Feb 2013 Live

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Quai Du Noise - Echo Sounder (Edison Box, 2015)

Il lavoro del duo bolognese di recentissima formazione - nella più che succinta biografia si dicono nati nel 2014 -…

14 Oct 2015 Reviews

Read more

Toilet Door n.1 - Avanti Savoia!

In questo clima di libertaria apertura mentale anche Andrea Ferraris, Marco Giorcelli e Emiliano Grigis indagano per capire se…

29 Mar 2010 Podcasts

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

The Letter Yellow - Walking Down The Streets (Autoprodotto, 2013)

E' una bella cover dove campeggiano cerchi concentrici colorati come lo spettro della luce ad introdurmi nel mondo dei Letter…

30 Oct 2013 Reviews

Read more

AA. VV. – Safe In Their Alabaster Chambers (Under My…

La serie Murmured Poetry è un interessante progetto della Under My Bed che affida a tre gruppi una poesia, chiedendo…

04 Feb 2014 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

Genghis Tron + Behold... The Arctopus - 14/11/08 Vicolo Stretto…

Il programma per il venerdì sera, fino a metà settimana, era quella di andare a Brescia a curiosare il concerto…

25 Nov 2008 Live

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Jodis – Secret House (Hydrahead, 2009)

Diamo il bentornato a James Plotkin; era dai tempi dell'abisso lovecraftiano di Chaos Is My Name dei Khlyst che non…

31 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top