Cigno – Morte E Pianto Rituale ( Autoprodotto, 2022)

L’attacco da subito il tono all’ambiente. Diego Cignitti suona veemente un pianoforte là, in fondo alla sala, annebbiato da quella che sembra essere vodka casalinga. OSSESSIONE grida, accompagnandosi ad una marcetta feroce ed ubriaca. Siamo in Colobraro, sullo sfondo un circo dei peggiori, corpi sudati e sculacciate, c’è un che di grave e malsano nell’aria.
Si avanza poi, nel torbido. I fumi diventano meno colorati, più tetri, saette di elettricità statica, cavi scoperti ed un dottore pazzo che biascica a ritmo. L’immaginario è quanto di più diretto possa avere un artista, colpendo di primo acchito l’ascoltatore. La musica di Cigno è cupa, ritmica, ossessiva e vera. Nessuna velleità, nessuna gioia, cassa dritta e chitarra come fosse un sordo decespugliatore. La circolarità dei brani ci trasporta in un triste dancefloor, una catena di montaggio del groove. Dietro a tutto la sofferenza di una società intera, a brancolare nelle retrovie, come fossero rumori di fondo, elementi di un tetro paesaggio. È un nero diverso da quello di Toni Bruna e del suo fuoco, qui sulle braci il potere ci piscia, con un ghigno sardonico. Mare Nero riecheggia a folate come le sue onde, i tamburi sono scudisciate sulla spiaggia e sulle schiene, stelle marine come vesciche. Il ritmo è onnipresente, meccanico e caldo, come un ingranaggio appena ingrassato, i declami teatrali e sloganistici in una triste meccanicità ripetitiva. È una rilettura antropologica sporca e greve, come un secchio di pece nel quale siano stati buttati gli strumenti di lavoro. Vi si può leggere più disperazione che tecnica, e tant’è. Ho scoperto Cigno ospite ad un programma di Gianluca Polverari, che non smetterò di ringraziare (non essendo la prima volte che mi regala queste chicche), lo saluto mentre intona a Kabul un’aria che non può che riportarci a Giovanni Lindo Ferretti. Che dire? Sogno un’industria totalitaria illuminata, dove orde di operai mesmerizzati dalle arie di Cigno si alzino a comando spezzando le redini al capitale ed intonando arie grevi, musica per paesaggi industriali devastati.

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Speedy Peones – Karel Thole (Shyrec, 2010)

Finalmente un dischetto estivo come si deve, di quelli capaci di ricordarti che, aldilà di afa e lavoro, ci sono…

17 Jun 2010 Reviews

Read more

7 Training Days – Finale/Forward EP (Autoprodotto, 2012)

Merita almeno una segnalazione questo breve EP dei frusinati 7 Training Days, di cui già avevamo avuto modo di parlare…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo De Mattia - Mikiri+3 (Setola Di Maiale, 2011)

Si tratta di un disco decisamente anomalo per il catalogo della Setola Di Maiale, non tanto per la grande fruibilità…

23 Sep 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Edible Woman - The Scum Album (Ame/Psychotica, 2007)

Come già detto per altri dischi anche per gli Edible Woman capacità degli strumentisti ed una buona produzione annullano completamente…

26 Apr 2007 Reviews

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top