since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: lawrence english

Andrew Tuttle – S/T (Someone Good/Room40, 2018)

Andrew Tuttle arriva al terzo disco mescolando chitarra acustica e banjo con synth e laptop: il suo essenziale armamentario gli consente comunque di tirare fuori un disco notevole, giocato su atmosfere molto ispirate e quasi bucoliche, se non fossero permeate da un buon tasso di malinconia. Nei suoi quindici anni di carriera Tuttle ha affinato…

Read more

Alberto Boccardi/Lawrence English – split 12” (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Del bellissimo spettacolo organizzato all’oratorio di San Lupo a Bergamo un anno fa parlammo a suo tempo nella sezione live. Proprio dal quell’esperienza – sebbene le registrazioni siano precedenti all’evento – nasce questo disco: una session che Alberto Boccardi (che di Sanlupo fu uno dei promotori) registra insieme al Coro Antonio Lamotta diretta dal maestro Davide Mainetti, per poi inviare il risultato a Lawrence English, dall’altra parte del mondo. Partendo dallo stesso materiale i due musicisti sono poi arrivati a conclusioni affatto diverse. …

Read more

Fabio Perletta – Field: Atom(s) Entropy (Farmacia901, 2013)

Fabio Perletta ha imparato dai grandi nomi come Taylor Dupree, Lawrence English e Steve Roden ad essere leggero come una piuma, ma ricco come un gioielliere. Apparentemente sembrerebbe un drone che si sviluppa con un leggero crescendo, ma al suo interno, o forse sarebbe meglio dire al suo esterno, un piccolo mondo di suoni frizzanti e acuti, e rotolanti frequenze basse arricchiscono, avvolgono e accompagnano l’ascoltatore in questo viaggio all’interno dell’entropia.

Read more

Ubik – Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E’ sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto da qualcuno che non sia uno dei soliti nomi del circuito. Ma di quale circuito stiamo parlando? Di un certo tipo di musica sperimentale italiana che qui da noi si conosce ma che tutto sommato non ha spazio e che solitamente incide all’estero dove forse c’è più attenzione ad un certo tipo di sensibilità. …

Read more
Back to top