Alberto Boccardi/Lawrence English – split 12” (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Del bellissimo spettacolo organizzato all’oratorio di San Lupo a Bergamo un anno fa parlammo a suo tempo nella sezione live. Proprio dal quell’esperienza – sebbene le registrazioni siano precedenti all’evento – nasce questo disco: una session che Alberto Boccardi (che di Sanlupo fu uno dei promotori) registra insieme al Coro Antonio Lamotta diretta dal maestro Davide Mainetti, per poi inviare il risultato a Lawrence English, dall’altra parte del mondo. Partendo dallo stesso materiale i due musicisti sono poi arrivati a conclusioni affatto diverse.
Sul suo lato, l’italiano fa sfoggio di quella sensibilità melodica che lo caratterizza e dà vita a una composizione divisa in tre movimenti e improntata a una certa immediatezza. A un’introduzione di synth brumosi, addizionati strada facendo da strati di rumore, segue un pezzo animato da una pulsazione quasi cardiaca, dove il crescendo spettrale del coro trasporta l’ascoltatore verso altezze siderali fino all’inevitabile, improvvisa caduta. A consolarlo e concludere la sequenza, un brano animato da una tenue vibrazione, uno specchio d’acqua leggermente increspato in cui è piacevole e pacificante naufragare. Con l’aiuto di contrabbasso, corno francese, sax e violoncello, Boccardi fa rivivere le atmosfere della serata bergamasca, ma Drops, Salt e Ask Me Next Life (questi i titoli dei tre movimenti) sono un ascolto consigliato anche – e forse soprattutto – a chi non fosse stato presente.
Meno lineare, per certi versi diametralmente, è il lavoro di English. Qui il coro, posto in apertura, appare appannato, privo di spessore, incapace di elevarsi sopra quella coltre nebbiosa di rumore che finisce per inghiottirlo. Ne ritroveremo l’eco successivamente, quasi un canto di sirene, mentre staremo navigando fra paesaggi indefiniti, dove le forme sonore non sono mai perfettamente delineate e ci si sente un po’ persi, senza appigli che permettano di abbandonarsi al flusso sonoro. Ugualmente sperso appare il musicista, incapace di imprimere una direzione chiara alle composizioni, sebbene il titolo apocalittico del suo lato (The Rock That Tear The Ocean) possa far pensare a una volontaria incomunicabilità. Molto meglio dunque il lato di Boccardi.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Unidentified Sound Object - Unsorted Tales (Synesthesia, 2012)

Il duo composto da Matteo Milani e Federico Placidi pubblica questo Unsorted Tales, in cui fa sfoggio di grandi doti…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

Neurosis - Honor Found In Decay (Neurot, 2012)

Pur portando sempre un compito rispetto verso la band, avevo ormai smesso di seguire i Neurosis da un po' di…

22 Nov 2012 Reviews

Read more

Dilatazione - The Importance Of Maracas In The Modern Age…

Dopo un demotape in piena era "postrock" e un ottimo esordio di qualche anno fa, ritornano i toscani Dilatazione e…

29 Jun 2010 Reviews

Read more

Melvins - Pinkus Abortion Technician (Ipecac, 2018)

Arrivati attorno alla quarantina di dischi i Melvins provano una formazione mai usata prima, infatti oltre naturalmente agli immancambili King…

24 Apr 2018 Reviews

Read more

Talibam! – 19/10/12 Carmen Town (Brescia)

"Cagata pazzesca" o "merda d'artista", questi i due poli fra cui mi immaginavo potesse oscillare la versione 2.0 dei Talibam!…

02 Nov 2012 Live

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – Doppelganger (Looney-Tick, 2015)

Sono diverse le cose che Daniele Santagiuliana produce sotto mentite spoglie e tutte meritevoli: The Anguish, Anatomy (con Cristiano Deison),…

31 Dec 2015 Reviews

Read more

AA.VV. – Metallo Liquido, L’Heavy Metal Come Forgia (L’Arca E…

Sarà un segno dei tempi che stiamo attraversando, ma sempre più spesso mi trovo  a pronunciare il termine “metal”, un…

11 Dec 2015 Reviews

Read more

Gablé - Cut Horse Cut (Loaf, 2011)

Un fantastico gruppo elettro-rock che non è certo semplice definire, non perché abbiano sovvertito le regole della musica, solo e…

26 May 2011 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Inutili - Unforgettable Lost And Unreleased (Aagoo, 2014)

Con non scusabile ritardo torno ad occuparmi degli Inutili dopo il 12" Music To Watch The Clouds On a Sunny…

30 Sep 2015 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

Uochi Toki + B-Unit - 07/03/09 RDA May Day (La…

Annata particolarmente gustosa questa del May Day di Spezia. Gli organizzatori hanno pensato bene di affiancare alcuni nomi piuttosto importanti…

12 Apr 2009 Live

Read more

VV.AA. – Pulsioni Oblique (Kaczynski, 2018)

La nascita di una nuova etichetta è sempre una buona notizia, specie se, come in questo caso, si appresta ad…

28 Mar 2018 Reviews

Read more

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top