Manuel Mota & David Grubbs – na margem sul (Room40 2022)

Lacrau, la prima collaborazione fra Manuel Mota e David Grubbs, pubblicata nel 2018, era stata la prima produzione statunitense per il chitarrista lusitano e raccontava di una distesa session all’interno delle mura dello Zé de Bois, storico locale avant di Lisbona. Questo lavoro è invece la registrazione di un concerto tenutosi nell’auditorium della Biblioteca Comunale di Barreiro, per entrambi la prima occasione di suonare live all’interno di uno spazio nel periodo pandemico (luglio 2021).
È curioso che a vergare le note stampa di questo lavoro, uscito per la Room40 di Lawrence English, sia David stesso, e leggere di quanto l’incontro e l’interesse sia stato mosso dall’imprevedibilità dei movimenti di Manuel, e della possibilità di suonare insieme senza nessun tipo di analisi, prepara nel migliore dei modi all’ascolto di questa piccola gemma.
Raccontarla non avrebbe senso, posso dire che si sente il legno, caldo, la risacca del mare (il titolo na margem sul si riferisce al versante dell’estuario sul quale poggia Lisbona) la comunicazione spontanea e facilitata fra artisti che parlano la medesima lingua. Il punto di incontro è un suono aereo, concreto e leggero, lontano da entrambi gli artisti ma unico nel loro incontro. A tratti è quasi difficile riconoscerne i tratti, mentre talvolta escono le personalità, curiose ed uniche che li contraddistinguono ormai da anni. Il set è scorrevole senza essere scontato, intrigante ed appagante.
Non c’è molto altro da aggiungere, se non che la facilità di ascolto ed il velluto di na margem sul potrebbe permettere a diversi ascoltatori di addentrarsi nell’opera di due dei migliori chitarristi contemporanei. Sono attivi rispettivamente dal 1985 e dal 1995. So per esperienza che il margine di errore nel pescare a casaccio nella loro discografia è praticamente nullo, il consiglio è quello magari di iniziare da qui, per poi andare a ritroso per stupirci sempre più.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

Ask The White - Sum And Subtraction (Ammiratore Omonimo /…

I componenti del duo Ask The White hanno già un notevole percorso artistico alle spalle. Isobel Blank, cantautrice e artista…

12 Oct 2018 Reviews

Read more

Lilium - Black Dear (Taxi Driver, 2013)

Prosegue con perseveranza il lavoro della Taxi Driver per portare alla giusta ribalta le identità genovesi dedite a sonorità estreme…

07 Jun 2013 Reviews

Read more

Braconidae – Gaslighting (Luce Sia, 2018)

Viene da lontano la storia di Gaslighting, vinile dove Emiliana Voltarel, in arte Braconidae,  concretizza anni di vita e di…

12 Sep 2018 Reviews

Read more

3eem – Third Segment (Chew-Z, 2009)

I 3eem...fanno tre. Ad oltre due anni da Matilda tornano con un album che apre scenari inediti e quanto mai…

22 Feb 2010 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è…

20 Dec 2013 Reviews

Read more

Osaka Flu - The Revolution (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo garage 'n' roll dall'aretino. Tre pezzi stringati ed asciutti come un caffè cortissimo bevuto nel regno unito: non…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Sampler (Velak, 2010)

Questa compilation della Velak records mette assieme una serie di tracce elettroacustiche di musicisti che non avevo mai sentito prima,…

01 Aug 2011 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Tiziano Milani - Im Innersten (Afe, 2009)

Ormai non ha più senso parlare di rivelazione per Tiziano Milani visto che sarà al quarto o quinto album e…

31 Jan 2009 Reviews

Read more

Me Raabenstein - R (Nonine, 2012)

L'eterno ritorno di Me Raabenstein, ma non in senso ebraico e neppure in termini di tematiche, è semplicemente che questo…

04 May 2012 Reviews

Read more

Fabrizio Modonese Palumbo – Doropea (Old Bycicle, 2015)

Torino difficilmente lascia indifferenti, ma come tutti i luoghi, per essere conosciuto, va vissuto e anche questo può non bastare.…

24 Jul 2015 Reviews

Read more

G. C. Neri - Logos (Black Widow, 2008)

Forse un po' in anticipo sui tempi di uscita, segnalo comunque questo nuovo progetto del polistrumentista genovese Giorgio C.…

11 May 2008 Reviews

Read more

Harembee – Different Strokes EP (Autoprodotto, 2010)

Il progetto, attivo da diversi anni, è giunto al suo secondo EP. Una ben stringata presentazione danno di loro i…

24 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top