since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: devo

Le Singe Blanc – Babylon (Bar La Muerte, 2010)

Nuova prova discografica per il trio francese di Metz. La ricetta cambia poco rispetto al precedente BaïHo (la recensione è qui). Siamo sempre di fronte ad un enorme groviglio jazz core e punk funk, condito da voci urticanti e spesso volutamente fastidiose (esatta via di mezzo tra i manga e il growl). E se le influenze rimangono le solite, io continuo a sentirci i Ruins e massicce dosi di follia Skin Graft, ad aumentare è la padronanza della materia che porta il gruppo a permettersi qualsiasi cosa gli passi per la testa (accenni surf, movimenti meccanici alla Devo).

Read more

St.Ride – Cercando Niente (Niente, 2010)

Che qui a Genova nascesse una etichetta così interessante non ce lo sognavamo nemmeno: invece Edoardo e Maurizio degli St.Ride hanno spiazzato tutti e nel giro di un anno e mezzo hanno pubblicato ben sei dischi davvero di qualità. A casa loro la fanno da padroni con tre uscite a loro nome, ma non per questo si sono ripetuti nei contenuti, anzi i loro registri si sono allargati e di parecchio: una prima uscita elettronica (Volume 2) poi una, bellissima, fatta di registrazioni di onde medie (Onde) e ora addirittura un disco cantato in italiano con tanto di chitarra e batteria!

Read more

Strength – Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che massimizza il guadagno dalla vendita diretta rispetto all'arrivare ai negozi, gli Strength, da Oakland via Portland, arrivano fino alle sponde europee dell'atlantico per farci sapere che si può ancora tamarreggiare senza vergogna. Cassa dritta, synth tamarri, voce da nerd sopra tutto il resto e un amore non nascosto per Fame – Saranno Famosi.

Read more

Wallace Fest Pt.1 – 05/03/10 Bloom (Mezzago – MI)

Giunta all’undicesimo anno di attività la Wallace Records festeggia il decennale (le donne sanno essere davvero diaboliche…) e non può che farlo al Bloom, locale dove Mirko Spino, mente e braccio dell’etichetta, è nato e cresciuto e dove, da quando portava ancora i calzoncini alla Angus Young, è stato educato da alcuni dei nomi migliori del panorama nazionale e non. Due serate, il venerdì e la domenica, dove si esibiscono gli autori delle uscite più recenti e prossime, da Jelaousy Party a Squarcicatrici, dagli X-Mary ai Camillas, fino a Ultravixen e Hutchinson. …

Read more
Back to top