since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: sin ropas

Transmontane – Staring Back At You (Sick Room, 2012)

Ryan Duncan aka Transmontane, cofondatore dell’etichetta Sick Room, imbraccia da solo una chitarra dal suono sporco e subito si sprecano i paragoni con Neil Young o Sin Ropas. Se la partenza con la traccia Molecules è abbastanza promettente e ricorda i rarefatti Songs: Ohia, mano a mano che l’ascolto procede non c’è nessuna variazione di timbro e suoni e si entra subito in un limbo da songs: nohia.

Read more

Kitchen Door – Sodapop Edition n.5

Arriva la primavera, ma non è tutta rose e fiori. Abilmente occultata tra innocenti melodie e apparentemente inoffensive canzoni pop, una nera minaccia si annida pronta a spiccare il balzo che la porterà a dominare la scena nazionale. Ai nostri pavidi paladini il compito di smascherare l’inganno.

Read more

Sin Ropas – 12/02/10 Casbah (Pegognaga – MN)

Non mi capita mai quasi mai di andare in macchina con lo stereo spento, ma dopo una serata così non c'è musica che tenga, nemmeno quella del pur ottimo Holy Broken, ultimo lavoro dei Sin Ropas di cui avrete letto la recensione su queste stesse pagine. Meglio il silenzio, a preservare le sensazioni di una serata intensissima, mentre percorro la strada che dalla bassa mantovana mi riporta verso casa. Ci sono volte in cui tutto sembra perfetto: non c'è un filo di nebbia lungo tutti i trenta chilometri d'autostrada, l'arci Casbah, in cui non ero mai stato, è un locale accogliente in una bella palazzina di inizio ‘900, con una sala concerti ampia e un buon impianto, la gente che lo gestisce è simpatica e la birra buona. Tutte premesse non scontate perché si possa godere al meglio un concerto.

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai seminali Red Red Meat. Senza nulla togliere ai lati maggiormente sperimentali del fondatore Tim Rutili e dei grandi Califone (Deceleration One, a parte), in tour con Wilco da quanto si sa. Forse i Sin Ropas mettono maggiormente l'accento sul lato folk e sulla melodia senza rinunciare alle distosioni tipiche e riconoscibilissime della band di Chicago. Quindi, sì un folk in stato terminale e dal mood sofferente che va oltre e più in profondità della facciata triste da band “pandistelle” (termine rubato a E. Zanotti che lo ha sentito da Federico della Madcap).

Read more
Back to top