Simon Balestrazzi / Gianluca Becuzzi – Final Muzik CD-Singles Club 03 (Final Muzik, 2014)

Continuando l’opera di scandaglio negli abissi della musica italica più oscura, il singles club della Final Muzik ci propone stavolta due nomi storici dell’industrial nostrano, artisti capaci poi di sviluppare un percorso personale una volta esauritasi la spinta creativa di quell’ambito. Penso che nel caso di Simon Balestrazzi e Gianluca Becuzzi sia inutile nominare i loro illustri trascorsi, mentre decisamente arduo è tirare le fila dei progetti attuali, non di rado in compagnia di nuove leve, a testimoniare il vivo interesse che i due continuano a nutrire per certe sonorità. Qui si presentano comunque ognuno per proprio conto, con un brano a testa.
Balestrazzi, nella sua Broken God, fa ampio uso di field recordings, che associati a suoni digitali e analogici e ad un salterio giocattolo (!), danno vita a un brano narrativo dalle atmosfere notturne. A un onnipresente canto di grilli si sovrappongono drone cadenzati, rumore di passi, porte che scricchiolano, voci, folate di vento, tracce sonore che vanno man mano accumulandosi rendendo l’atmosfera claustrofobica, benchè la tensione si stemperi prima di raggiungere lo zenit. Il finale è più meditativo anche se non del tutto rassicurante. Più minimale la traccia di Becuzzi, incentrato su pulsazioni sintetiche quasi cardiache e su un disperato pianto di donna che ritorna più volte nel corso del brano. Inizialmente l’effetto è un po’ melodrammatico, ma il reiterarsi del singhiozzi, associato a drone e sonorità dark ambient che vanno man mano aggiungendosi, carica la composizione di significati drammatici e profondi.  Due brani che confermano la classe dei personaggi coinvolti e che, nell’ottica della serie, testimoniano una continuità indispensabile per una corretta comprensione dell’attuale avanguardia italiana.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Johnson Righeira - Ex Punk, Ora Venduto (Astroman, 2006)

Sì, questa recensione avrebbe dovuto farla Giulio Olivieri, perlomeno come seguito al suo splendido articolo sugli oscuri ottanta, ma io…

27 Sep 2006 Reviews

Read more

Live Footage - Doyers (Autoprodotto, 2013)

Topu Lyo e Mike Thies da più di cinque anni servono la scena di New York City con la loro…

18 Jul 2013 Reviews

Read more

Three In One Gentleman Suit - Some New Strategies (Black…

Dopo il superbo Ep Battlefields In An Autumn Scenario le attese per questo nuovo album del trio modenese erano spasmodiche.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - I’m Fine With The…

La collaborazione tra il chitarrista avant svedese Finn Loxbo, attivo in formazioni di spessore come la Fire Orchestra e l’ottimo…

26 Sep 2018 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Controlled Bleeding & Sparkle In Grey - Perversions Of The…

Metti una band storica che ha esplorato con risultati eccellenti davvero tanti generi musicali e una band che sta diventando…

03 Jul 2015 Reviews

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

Boslide – Questa È Una Moda Di Pazzi (Death First!,…

Ecco, io vi avevo avvertiti ma voi non mi avete dato ascolto; li avete sottovalutati e ora i Boslide sono…

05 Mar 2018 Reviews

Read more

Hheva – Drench In The Mist Of Sleep (Diazepam, 2013)

A memoria, non ricordo mi sia mai capitato di recensire una band proveniente dall’isola di Malta e nemmeno mi ero…

04 Mar 2014 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

H!U – S/T (Corpoc/Esercizi Di Assenza, 2014)

Quanto il crescere fra boschi e sassi in provincia di Lecco possa aver influenzato la genesi di H!U, creatura del…

13 Feb 2015 Reviews

Read more

Quitzow - Art College (Young Love, 2008)

C'è stato un periodo in cui l'indierock stava prendendo una piega strana, insperata all'epoca: nel sottobosco americano, con il miglioramento…

24 Jan 2009 Reviews

Read more

Callers - Fortune (Westernvinyl, 2008)

Qualche tempo fa avevo parlato positivamente dei Balmorea e rimanendo sullo strumentale-melodico credo che avessero fatto un buon lavoro, a…

07 Sep 2008 Reviews

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

7 Training Days – Finale/Forward EP (Autoprodotto, 2012)

Merita almeno una segnalazione questo breve EP dei frusinati 7 Training Days, di cui già avevamo avuto modo di parlare…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top