Sebi Tramontana – Unfolding To be You (LP/CD We Insist! 2022)

Il trombone è uno strumento dannatamente materico. Sbuffi, grugniti, strilli, roba selvatica e di pancia, di sudore e di forza. La musica di Sebi Tramontana, siculo emigrato in Germania, è uno spettacolo affiatato. Respiri, scat, urla strozzate e scatti, colpi di tosse, tanto che i primi nomi che mi vengono in mente ascoltandolo sono una coppia di begli sbandati come Paul Lovens ed Eugene Chadbourne. Dopo anni di onorata carriera, escluso Il Giorno Del Santo, mini-album classe 1992, Unfolding to be you sembra essere il primo passo in solitaria, registrato, mixato e masterizzato da Gianmaria Aprile e decorato con una splendida copertina, uno schizzo dello stesso Sebi.
Si sente, c’è spazio intorno a Sebi, l’aria è fesa dai suoi suoni e ne viene riempita, con il corpo di note che resitono barcollando in piedi. Nella title track le sfumature raggiungono vette malinconiche, dandoci registri inaspettati rispetto ad un percorso che vede Sebi razzolare in grasse circonvallazioni free solitarie. Essendo il mio primo approccio ad un musicista già esperto e navigato ho cercato di affidarmi alle mie sensazioni di pelle seguendo le note di We Insist Records.
Trovo insieme qualcosa di atavico, un urlo primordiale che Sebi è in grado di sputare dall’ottone, così come una coolness avvicianabile ad un Duke Ellington, fuse in un blocco che, seppur inizialmente ostico, presto si apre come un fiore colmo di polline.
Sebi prima di arrivare al trombone è passato attraverso lo studio di chitarra e sax: immagino siano state anche queste esperienze ad allargare il suo bagaglio, il suo lato muto, inteso come la capacità di donarci interi ambienti sonori suggerendocene soltanto una parte grazie ad uno strumento solo. C’è molto altro qui dentro, io lo sento, io lo vedo.
Sketches di vecchi cartoons, il circo, gli insetti, pietre di mille colori impolverate, elefanti e scudisciate, Unfolding To Be You è un’esperienza circolare ed unta che potrebbe soffocare ma che, gestita col giusto spirito e del pane buono, sazia e concede la scarpetta finale.
This Is My Morning Song (El Final Del Dia) parte solo voce e chiude il sipario coi brividi, field recordings che entrano come correnti d’aria, trombone a chiosare.
Ci lascia col silenzio Sebi, un silenzio gestito da maestro, su cui ci si immaginano gli applausi delle grandi occasioni.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Barons 80 - S/T (Hellbones, 2020)

Fedele ai reconditi quanto primigeni amori della Hellbones ecco un prodotto tanto inaspettato quanto fresco come una sgasata di hot-rod.…

12 Feb 2021 Reviews

Read more

Father Murphy - Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo,…

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell'autore, sarebbe talvolta (se…

23 Apr 2012 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

Khem – The Cross (Old Europa Cafè, 2013)

Ancor più che un collettivo, come essi stessi si definiscono, Khem mi pare essere un’entità dotata di un proprio carattere…

18 Apr 2014 Reviews

Read more

Takka Takka - Migration (Lili Is Pi, 2010)

E' curioso come per certi gruppi si leggano in giro un sacco di cose e poi alla fine ascoltandoli non…

27 Aug 2010 Reviews

Read more

McKenzie - Ep (Black Candy/La Lumaca, 2016)

Per certi versi potremmo definire questi giovani calabresi i Mclusky di casa nostra anche se, musicalmente, non siamo esattamente sulle stesse coordinate…

07 Dec 2016 Reviews

Read more

Kajkyt – II (God, 2013)

Se non sbaglio è la prima volta che, su queste pagine, incontriamo Slobodan Kajkut in carne e ossa, dopo aver…

16 Jan 2014 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.5

Arriva la primavera, ma non è tutta rose e fiori. Abilmente occultata tra innocenti melodie e apparentemente inoffensive canzoni pop,…

28 Feb 2010 Podcasts

Read more

Volcano! - Paperwork (Leaf, 2008)

Per un gruppo come i Volcano! è difficile aspettarsi certezze. Dopo aver mescolato tutte le carte dei generi, senza mai…

23 Sep 2008 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Illachime Quartet - Sales (Zeit/Lizard, 2012)

Tornano gli Illachime Quartet con Sales, disco di remix e rielaborazioni varie da brani estratti dai loro due dischi e…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

The Vaselines - 28/01/12 Bronson (Ravenna)

Reunion. Best of suonati pedissequamente. Ignobili crowdpleaser degni dei peggio leccapiedi del pubblico da letteratura di serie Z. Di solito,…

10 Feb 2012 Live

Read more

Death In June + Fire+Ice + Vurgart – 28/10/11 Carlito’s…

Tour del trentennale, dopo lunga assenza dai palchi, per i Death In June: come non esserci? Sì, anche solo per…

11 Nov 2011 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top