Sebastiano Carghini – Tpeso (Kohlhaas, 2017)

Ci informa il comunicato stampa che la ricerca di Sebastiano Carghini – musicista italiano di stanza in Olanda – è concentrata in particolare sull’uso di synth modulari e sulla registrazione di oggetti. Proprio su quest’ultimo aspetto si concentra Tpeso (vinile 12” inciso da un solo lato) che in un quarto d’ora concentra una decina scarsa di frammenti sonori piuttosto eterogenei, un campionario utile per capire le linee di ricerca dell’artista semmai faceste qui la sua conoscenza per la prima volta (è il mio caso). Composto da registrazioni raccolte fra il 2014 e il 2015 microfonando oggetti di varia natura, motorini elettrici, cavi metallici ed altro – tutti suoni non facili da identificare fra i solchi – il disco vive di momenti diseguali ma capaci di far emergere idee che, adeguatamente sviluppate, potrebbero portare a risultati interessanti. Particolarmente azzeccata mi sembra la ricerca sui ritmi che sfocia spesso in poliritmie fra cadenze meccaniche ad altre più free, dove i battiti scandiscono il tempo e saggiano contemporaneamente i materiali e gli strumenti più disparati (legno, metallo, …ventilatori?). Sembra poi emergere una vena narrativa nel lungo field recording che campiona misteriose operazioni manuali e passi, anche se alla lunga non suscita lo stesso interesse di altri momenti del disco. Se da un lato il poco tempo a nostra disposizione non è sufficienti per dare un giudizio definitivo, dall’altro – vista la materia sonora non propriamente facile – permette di godere con una certa levità un saggio di musica concreta insolitamente dinamica e capace di andare oltre la pura e semplice documentazione sonora. Attendiamo fiduciosi futuri sviluppi.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Mainliners - Dead Man's Hall/Daughter Of Dimes 7" (Crusher,…

Una seratina che è lì-lì per iniziare, buio fuori, gli anfibi che per qualche motivo restano addosso, la cintura borchiata…

18 Jan 2007 Reviews

Read more

Tapso II - S/T (Tapso, 2009)

Clamoroso al Cibali: anche la scena indipendente italiana si fonda su hype e mode che poco hanno a…

21 May 2009 Reviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Horror Vacui - In Darkness You Will Feel Alright (Avant!/Legion…

Dai toni cupi degli americani Night Sins, all'abisso degli Horror Vacui, schiaffato in faccia con un titolo e una copertina…

04 Jan 2013 Reviews

Read more

K-Branding - Alliance (Humpty Dumpty, 2011)

Giovani promesse crescono e vengono mantenute, proprio come nel caso di questi ragazzi belgi: ricordo di aver recensito il loro…

15 Apr 2011 Reviews

Read more

Onq - Canzoni Tutte Uguali (Autistico, 2004)

Non so se Onq arriverà fin qui a leggere queste righe. Ha smesso di suonare. Persegue i suoi obiettivi, piace…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Grand Drifter - Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger. Una risposta. Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo…

22 Dec 2021 Reviews

Read more

Pain Of Salvation - BE (Inside Out/Audioglobe, 2004)

E' risaputo che se i musicisti hanno quasi sempre un ego grosso e turgido, i musicisti metal ce l’ hanno addirittura abnorme e sproporzionato.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

the Dining Rooms - Turn to see me (LP Schema,…

Qualche stolto avrà sicuramente provato a dirvi che, considerando che l’abito non fa il monaco, la copertina non fa il…

02 Jun 2022 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi / Fabio Orsi - Soundpostcards (Cold Current, 2008)

L'altro giorno ho fatto un discorso con il buon Ferraris sulla qualità di certa musica elettronica italiana rispetto a quella…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.4

Ultima puntata dell’anno. Anche dalle parti di Kitchen Door, laggiù nella pianura, tira aria di buonismo natalizio, che si traduce…

30 Nov 2009 Podcasts

Read more

Damo Suzuki’s Network - Tutti I Colori Del Silenzio (Wallace/Palustre,…

Trattasi di un live molto ben registrato e per di più corredato di grafica piuttosto carina, se ciò non bastasse…

26 Feb 2009 Reviews

Read more

Cortez - Phoebus (Get a Life, 2013)

Una cascata lavica di feedback dalla pacifica svizzera. Pubblicano questo Phoebus, secondo disco sulla lunga distanza gli elvetici Cortez, già…

28 Mar 2013 Reviews

Read more

Ich Niente - Incerchio (Bosco/Into My Bed, 2010)

"Nuovo capitolo di improvvisazioni chitarra/effetti a pedale ad opera Mirco Rizzi e Daniele Brusaschetto", una presentazione decisamente conforme ad entrambi…

13 Jan 2011 Reviews

Read more

Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock…

01 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top