Ryoji Ikeda – 21/03/2015 Interzona (Verona)

Pochi eventi ma buoni, aveva annunciato l’Interzona per questa nuova stagione. Sul pochi avrei da ridire – semplicemente per il fatto che gli impegni della vita impongono di selezionare e inevitabilmente perdere qualcosa – sul buoni, nulla da dissentire: dopo Pere Ubu e Miles Cooper degli Akron/Family sono annunciati Dead Meadow, Daedelus, Kode9 e Thee Oh Sees. Questa sera, intanto, è di scena Ryoji Ikeda. Direi che non c’è male.
La fila che occupa il marciapiede davanti al locale dice molto sull’attesa che l’evento ha suscitato (d’altra parte questa è l’unica data al nord delle due italiane previste, l’altra è stata a Roma il girono prima): la presentazione di Supercodex, uscito lo scorso anno, attira un pubblico assai vario, che va dai reduci della stagione dei rave (li riconoscete perché stanno seduti per terra) agli adepti della disco-culture a tutto tondo (li riconoscete perché parlano de La Febbre Del Sabato Sera), da musicisti avanguardisti (li riconoscete dal taglio dei capelli) a rockettari di varia estrazione (li riconoscete dalle ikeda__interzona_1_copymagliette dei gruppi). La logica conseguenza della fila all’esterno è l’affollamento della sala concerti, tra l’altro ridotta nella superficie dal podio su cui si esibirà il giapponese, che si protende dal palco, e dalla postazione del DJ che si condurrà l’aftershow. Dopo un paio di falsi allarmi, con la musica di sottofondo che si interrompe e le luci che si spengono senza che nulla accada, compare finalmente Ikeda: al buio, giubbino nero, cuffia nera, occhiali neri (potrebbe benissimo essere Yoko Ono), aria vagamente imbronciata che manterrà per tutto il concerto (nemmeno Merzbow era così inespressivo…), regola alcuni parametri sul mixer facendosi luce con una piccola torcia, si concentra sul laptop e dà il via al concerto, un avvio curiosamente zoppicante, fatto di suoni incerti e che solo a fatica salgono di tono, come se anche le macchine che generano suoni ipertecnologici avessero bisogno di accendersi come un vecchio motore diesel. Ma forse è solo un modo per farci sentire meno a disagio, per darci qualcosa di familiare, perché quando si partirà davvero non ci sarà più modo di uscire dal flusso: il supercodice scorre sull’enorme schermo posto ai margini del palco sotto forma di segni grafici che pulsano e si attorcigliano come sequenze di DNA in un bianco/nero violento come mille strobo e ci colpisce con ritmi e frequenze che trasformano il nostro corpo un centro di ricezione (le sensazioni immagazzinate durante il concerto rimarranno ancora a lungo dopo la sua conclusione). Per uno spettacolo del genere vale la pena riesumare la vecchia ed abusata metafora del viaggio, adattandola però alla logica contemporanea: non è più tempo di fluttuare placidi in universi colorati, qui si corre nello spazio a velocità della luce, attraverso linee di comunicazione telematiche, fra codici binari e numeri che scorrono a cascata, come in un crollo infinito. Se conoscete il disco potete farvi un’idea, purché riusciate ad immaginare il tutto amplificato ikeda__interzona_2_copyall’ennesima potenza; Supercodex dal vivo è un’esperienza totalizzante e per certi versi totalitaria: con lo sguardo fisso all’enorme schermo e i movimenti indotti dal ritmo, potremmo tranquillamente sembrare un esercito di automi. Il fatto che a cavalcare la tigre di questo flusso che in apparenza ha poco di umano sia un uomo, può essere visto in positivo o negativo, ognuno tragga le conclusioni che crede. Resta e questo è indiscutibile, un’esperienza davvero unica che ci porta ad un livello che va oltre le categorie di intelletto e istinto, tre quarti d’ora d’immersione nell’anima del mondo contemporaneo. In modo meno prosaico e forse più azzeccato, tutto si riassume in un commento captato fra il pubblico a fine concerto: “le canne sono roba vecchia”. Sottoscrivo.

Foto di Emanuela Vigna

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos – Live At Meg Mell…

Ancora lui. Sempre lui. Maledettamente gigione, maledettamente educato, simpatico e dotato. Bobby Soul in una perpetua trasformazione di umori, non…

31 May 2013 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Donato Epiro: free(ak)-folk, neo-psichedelia, ma non solo...

Cari ragazzuoli (pronunciato possibilmente con un marcato accento emiliano), appena dopo aver ascoltato Orange Canyon di Skullflower (a cui va…

09 Apr 2010 Interviews

Read more

Io Monade Stanca - In The Thermi Table (Canalese Noise,…

La provincia di Cuneo riserva sempre qualche bella sorpresa alle mie orecchie. Gli Io Monade Stanca propongono un rock storto…

13 Apr 2009 Reviews

Read more

Words And Actions / Red Sector A – Final Muzik…

Al quarto appuntamento il singles club della Final Muzik conferma la formula vincente di accostare nomi noti ad altri (relativamente)…

12 Sep 2014 Reviews

Read more

Aetnea – S/T (Autoprodotto, 2012)

Gli Aetnea arrivano dal comune di Trecastagni, provincia di Catania, ma non immaginate le "solite" cose in stile Uzeda o…

06 Jul 2012 Reviews

Read more

Matta-Clast - De Morbo (Autoprodotto, 2013)

Garbato ed eccentrico rock elettrico per questo prolifico trio perugino qui ormai giunto, tra lp e mini, alla quinta uscita.…

09 Jan 2014 Reviews

Read more

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

AA.VV. - Blood On The Scratchplate '65 (Motorsoundsrecords, 2006)

Piove, là fuori la cazzo di città fognosa è ancor più fognosa. E' pomeriggio e sembra sera. I coglioni girano,…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

Fuh - Extinct (Autoprodotto, 2007)

Due anni fa i Fuh uscivano con un EP dal titolo Int/Ext. Questo Exinct mi è parso per giorni il…

08 Sep 2008 Reviews

Read more

Don't Mess With Texas - Los Dias De Junio (Moonlee,…

Don’t Mess With Texas, letteralmente "non fare il furbo con il Texas" (pare fosse scritto sui cartelli stradali del simpatico…

10 Dec 2007 Reviews

Read more

Ascanio Borga - Xenomorphic (Afe, 2009)

È proprio quando do le cose per scontate che mi capita di venire smentito, ma ho finalmente capito che sono…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

Yuppie Flu - Toast Masters (Homesleep, 2005)

Ecco, di una cosa posso(iamo) prendere atto: gli Yuppie Flu hanno cessato di rischiare già da un pò di…

16 Jul 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top