Qui With Trevor Dunn – S/T (Macinadischi, 2018)

Bel colpo quello della Macina Dischi che fa uscire in CD l’album dei Qui in compagnia di Trevor Dunn (Mr. Bungle, Fantomas, Tomahawk) già stampato in vinile da Joyful Noise. Le notizie sono due: la prima è che i losangelini diventa temporaneamente normali, almeno dal punto di vista dell’assetto, schierandosi col tridente chitarra, basso e batteria; la seconda è che tornano ai loro livelli consueti dopo la prova non proprio maiuscola dello split con gli Ultrakelvin. Ricercare un filo conduttore a un disco dei Qui è impresa improba e probabilmente inutile – a meno che non si voglia identificare la follia come elemento unificante del tutto, cosa che a ben vedere ci potrebbe anche stare – ma il disco fila vi comunque bene fra momenti sincopati e convulsi e altri più quieti. La presenza di Dunn, spesso impegnato al contrabbasso, spinge le composizioni verso una forma di jazz abbastanza classica, ma resa secondo lo spirito del gruppo, quindi sghemba ed irridente, che ai più attempati e metallari di voi potrebbe ricordare le incursioni nella musica degli anni ruggenti dei grinder Exit 13 con l’album Smoking Songs. In effetti, su otto pezzi, Buon Giorno, Nicolo (sic!) coi suoi saliscendi pestoni, l’Ashtray Heart presa dal repertorio di Captain Beefheart e buttata ancora più sul grottesco con l’aiuto di King Buzzo (Melvins) alla voce e Kevin Rutmanis (Cows) alla slide e l’ottima, convulsa Sexual Friend si ascrivono senza troppi problemi al classico stile della band, Splinter Hole fa da ponte fra i due stili disturbando il duo batteria/contrabbasso con un’insinuante chitarra noise e il resto è in quota a questa anomala forma di jazz. Poco più che in divertissement probabilmente, ma più che sufficiente a rendere il disco appetibile non solo agli appassionati dei Qui o agli orfani dei Mr. Bungle: la filastrocca scioglilingua di Cut Yourself Thin toglie il fiato solo ad ascoltarla, la ninnananna pastorale di Business Neutral è un capolavoro di ironia, Weirder Gender, col suo ritmo sornione e indolente, è una degna chiusura. Giusto My Great Idea non saprei ben come collocarla, perché, pur basandosi su un’insistente base jazzata, finisce per inglobare di tutto, anche del metal epico trasfigurato (possibile? Che la follia del gruppo sia contagiosa?). Vabbè, l’avrete capito, un album- senza capo né coda: bentornati Qui!

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Novellino / Rosi / Mazurek / Barnes - Object In…

Seconda uscita per la Discreetrecords di Attilio Novellino e Saverio Rosi: dopo il bell'EP Radicalisme Mècanique dove lo stesso Novellino…

25 Feb 2015 Reviews

Read more

Ojra & Kiritchenko - A Tangle Of Makosha (Nexsound, 2010)

Ho visto che di recente qualcuno ha finalmente dato spazio ad un ottimo musicista come Kyriakides, ne sono felice, sia…

12 Apr 2010 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more

Slumberwood - Yawling Night Song (A Silent Place, 2009)

I gruppi che ti mandano un cd senza scritto un cazzo, anche un semplice: "oh, minchia... tipo, io ti mando…

03 May 2009 Reviews

Read more

Jonathan Inc. - Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il…

25 Nov 2011 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Loss Of Self - Twelve Minutes (The Flenser, 2013)

Gli australiani Loss Of Self arrivano al primo disco e trovano casa sulla americana The Flenser, etichetta che nel "black…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Skrima - Tapes (Disasters By Chioce, 2018)

Debutto che viene da lontano per Skrima, progetto di Salvo Pinzone in cui come dichiarato dal titolo sono proprio i…

25 Jun 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Squashing Charms (Kosmik Elk Mind, 2007)

E' interessante, ascoltando questa raccolta assemblata per la sesta uscita marchiata Kosmik Elk Mind, come alcune delle caratteristiche che…

17 Jan 2008 Reviews

Read more

AfarOne - Lucen (Karlrecords, 2012)

Un disco da dopo calura estiva? Forse sì, AfarOne è un ragazzo italiano trasferitosi in Spagna, l'etichetta è quella Karlrecords…

27 Sep 2012 Reviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Matt And Kim - Grand (Fader Label, 2009)

Uno due uno due... con Matt e Kim, duo punk/dance- synth pop da Brooklyn, a molti verrebbe voglia di uscire…

14 Feb 2009 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

Hall Of Mirrors - Reflections On Black (Silentes, 2007)

Credo che sia la prima volta che su Sodapop venga recensito un lavoro di Andrea Marutti e/o di Giuseppe Verticchio,…

30 Aug 2007 Reviews

Read more

Boris Hegenbart And 19 Artists - Instrumentarium (God/Staubgold/Monotype, 2012)

Boris Hegenbart ha all'attivo un bel numero di dischi e collaborazioni, infatti è attivo sin dal 1996 e da sempre…

16 Jan 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top