Qui With Trevor Dunn – S/T (Macinadischi, 2018)

Bel colpo quello della Macina Dischi che fa uscire in CD l’album dei Qui in compagnia di Trevor Dunn (Mr. Bungle, Fantomas, Tomahawk) già stampato in vinile da Joyful Noise. Le notizie sono due: la prima è che i losangelini diventa temporaneamente normali, almeno dal punto di vista dell’assetto, schierandosi col tridente chitarra, basso e batteria; la seconda è che tornano ai loro livelli consueti dopo la prova non proprio maiuscola dello split con gli Ultrakelvin. Ricercare un filo conduttore a un disco dei Qui è impresa improba e probabilmente inutile – a meno che non si voglia identificare la follia come elemento unificante del tutto, cosa che a ben vedere ci potrebbe anche stare – ma il disco fila vi comunque bene fra momenti sincopati e convulsi e altri più quieti. La presenza di Dunn, spesso impegnato al contrabbasso, spinge le composizioni verso una forma di jazz abbastanza classica, ma resa secondo lo spirito del gruppo, quindi sghemba ed irridente, che ai più attempati e metallari di voi potrebbe ricordare le incursioni nella musica degli anni ruggenti dei grinder Exit 13 con l’album Smoking Songs. In effetti, su otto pezzi, Buon Giorno, Nicolo (sic!) coi suoi saliscendi pestoni, l’Ashtray Heart presa dal repertorio di Captain Beefheart e buttata ancora più sul grottesco con l’aiuto di King Buzzo (Melvins) alla voce e Kevin Rutmanis (Cows) alla slide e l’ottima, convulsa Sexual Friend si ascrivono senza troppi problemi al classico stile della band, Splinter Hole fa da ponte fra i due stili disturbando il duo batteria/contrabbasso con un’insinuante chitarra noise e il resto è in quota a questa anomala forma di jazz. Poco più che in divertissement probabilmente, ma più che sufficiente a rendere il disco appetibile non solo agli appassionati dei Qui o agli orfani dei Mr. Bungle: la filastrocca scioglilingua di Cut Yourself Thin toglie il fiato solo ad ascoltarla, la ninnananna pastorale di Business Neutral è un capolavoro di ironia, Weirder Gender, col suo ritmo sornione e indolente, è una degna chiusura. Giusto My Great Idea non saprei ben come collocarla, perché, pur basandosi su un’insistente base jazzata, finisce per inglobare di tutto, anche del metal epico trasfigurato (possibile? Che la follia del gruppo sia contagiosa?). Vabbè, l’avrete capito, un album- senza capo né coda: bentornati Qui!

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Gazebo Penguins - Legna (To Lose La Track, 2011)

Due anni fa al Tago Mago Fest ho avuto la fortuna di imbattermi in un live di un power trio…

21 May 2011 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more

Artifact Shore - Fun Is Near (Interference Shift, 2007)

In questo mini cd della durata di venti minuti circa, gli Artifact Shore dimostrano che alla facciazza di quelli che…

04 Apr 2008 Reviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Dmonstrations - Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l'ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con…

06 Dec 2006 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Nembrot/Andrea "Ics" Ferraris - Il Suono Dell'Olifante (Zero Sonico/HYSM?, 2011)

La recensione del disco a otto mani tra il trio partenopeo dei Nembrot e il nostro Andrea Ferraris tratta di…

22 Nov 2011 Reviews

Read more

Blood Axis + Rosa Rubea + Roma Amor – 23/06/2013…

Era evento assai atteso la calata degli americani Blood Axis, illustri portabandiera del folk pagano e capitanati da quel Michael…

12 Jul 2013 Live

Read more

Blistrap - Remotion (Setola Di Maiale, 2009)

Nuove uscite su Setola Di Maiale ed alcune vedono coinvolto il patron stesso dell’etichetta che come immagino sappiate è il…

20 Sep 2009 Reviews

Read more

Doppler - Songs To Defy (SK, 2008)

Fa piacere notare che sotto il profilo musicale Lione non si sia mai addormentata. Se negli anni novanta ne…

21 Nov 2008 Reviews

Read more

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top