qqqØqqq – A Lustrum Before Revelations (Casetta/È Un Brutto posto Dove Vivere /Toten Schwan/Contemplatio, 2021)

Stravolge la successione temporale l’ultimo lavoro del duo trevigiano qqqØqqq: registrato nel 2015, ben prima della pubblicazione di Burning Stones Of Consciousness, vede la luce a cinque anni dal concepimento (da qui il titolo), in un tempo quanto mai oscuro. Saltato l’ordine cronologico perde di senso il confronto col predecessore, ma poco male, A Lustrum Before Revelations è un disco che parla da sé, senza necessità di qualificarsi all’interno di n percorso evolutivo. L’alchimia che sta alla base del tutto è complessa: abbiamo l’elettronica a monopolizzare i ritmi, che richiamano certo minimalismo anni ’90 evitando la voluta inorganicità delle produzioni di allora, la chitarra che adotta occasionalmente cadenze circolari di matrice post-rock ma senza che il contesto possa dirsi tale, la voce dell’ospite La Piuma che dona trasporto e talvolta conforto, i synth, suonati da Mirko Volpe dei Murmur Mori, che mutano forma a seconda dell’atmosfera, ora sognanti, ora evocativi, ora inquietanti. L’altra metà del duo folk, Silvia Kuro, cura la copertina con una foto che dà forma visiva ai contenuti mutevoli e mutanti del disco. Dei tre brani, tutti sopra i 10 minuti e il secondo che sfiora i 20, l’iniziale R.I.H.T.M.A. disegna un moderno ambient folk che nelle melodie richiama, a tratti, Forndom, ma al quale la voce femminile e l’elettronica donano un tocco ancora più nordico e contemporaneo; A Lustrum Before Revelations – chitarra e ritmica sintetica – non alza eccessivamente i toni, ma trasmette una concreta sensazione di dramma, fra crescendo chitarristici che alternano pulito e distorto, attimi di stasi percorsi da scosse elettriche e derive post-core. Infine Hypotesis vede il ritorno della voce, studiatamente distante, che aleggia su passaggi dungeon synth e fredde cadenze elettroniche ravvivate dalle sei corde. A Lustrum Before Revelations, con le sue concrete meditazioni, le sue ritmiche incessanti che tuttavia non inducono trance e le vestigia rock ormai abbandonate, è un lavoro che ha senso nell’oggi, fra salutare estraneazione e profonda coscienza del dramma. Cinque anni fa non sarebbe stata la sessa cosa.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Electric Mop - Pop (Chief Inspector, 2007)

Titolo più che mai azzeccato, anche perché a tratti più pop di così si muore, sia per il tipo di taglio…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

The Tapes - Teletyp (Luce Sia, 2021)

Sul versante più trasversale e certamente meno facile rispetto a Derma è questo nuovo sette pollici sempre a firma Giancarlo…

14 Nov 2021 Reviews

Read more

Night Of The Speed Demons – 21/10/11 C.S.A. Dordoni (Cremona)

Il ritorno dei vecchi miti (se di ritorno si può palare, non avendo mai messo piede da queste parti) muove…

04 Nov 2011 Live

Read more

Leg Leg - Manta (Wallace, 2009)

"Ma l'amor mio non muore" e così la Wallace pur sfornando dischi diversi a ripetizione mantiene un suo profilo o…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Lol Coxhill - Fine Tuning (Amirani, 2010)

Dopo Braxton e Russell la Amirani si spara un altro monumento vivente dell'avant-impro-jazz anglofono, Lol Coxhill. Per chi non lo…

12 Jul 2010 Reviews

Read more

Black Pus – 05/10/13 Interzona (Verona)

La stagione dell'Interzona, che si annuncia ricca di bei nomi, si apre con quel Brian Chippendale che, a cinque anni…

11 Oct 2013 Live

Read more

Nodolby - Deranged/Unlaced (Sincope, 2012)

Uscita interessante per Nodolby, moniker usato da Michele Scariot dell'etichetta Dokuro, già in passato presente su Sincope con uno split…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

My Speaking Shoes - Holy Stuff (Autoprodotto, 2012)

Ohhhhh. Bene. Con un paio di mesi di ritardo rispetto all'uscita, mi accingo a parlare del primo disco di una…

22 May 2012 Reviews

Read more

T.A.C. - Chaosphere (Old Europa Café, 2013)

Rispolverato fuori dal cassetto di Simon Balestrazzi, esce a quindici anni di distanza questo Chaosphere, registrato infatti nel 1997/1998 ma…

01 Jul 2013 Reviews

Read more

Pinback - Autumn Of The Seraphs (Touch & Go, 2007)

I Pinback potremmo tranquillamente definirli un "superduo" risultato dell'unione creativia di Rob Crow (ex Heavy Vegetable, Thingy, Optiganally Yours, collaboratore…

25 Aug 2008 Reviews

Read more

Billy Torello – Ultime Notize Dalla Tartaruga, Chitarra Vol. 2…

Il fingerpicking non è una cosa nuova, tutt'altro, ma dalle nostre parti, contrariamente a quanto accade altrove, è un genere…

11 Dec 2012 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Russell And The Wolf Choir - The Ivy Leaf Agreement…

Cinque brani per Russell And The Wolf Choir, direttamente da Romford, ormai periferia nordest di Londra: la musica sembra però…

18 Dec 2014 Reviews

Read more

Nembrot - S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top