Putiferio – Ateateate (Robotradio, 2008)

Altro gruppo per il quale partivo prevenuto in base al nome e cri**o i**io non è un buon segno! Spero di non arrivare a commentare mai un gruppo in base alle scarpe o alla maglietta (dubito che succeda visto come sono mal vestito), altrimenti vorrebbe dire che pure io sono stato risucchiato dal gorgo dell'indie rocker medio a tutti gli effetti, piuttosto mi faccio tatuare la faccia di Frate Cionfoli sulla panza.
Ad ogni modo i Putiferio fra gli altri annoverano Giulio Favero che, oltre ad essere uno dei migliori fonici rock italiani, ha fatto parte dei One Dimensional Man ed ora dei Teatro Degli Orrori, ma non finisce qui visto che riconosco anche Woolter dei Kelvin e soprattutto degli Antisgammo (di cui non ero un fan, ma che posso vantare di aver visto almeno due volte) e Mirco che aveva servito nei Bluid, un gruppo grind con due o tre With Love che aveva fatto almeno un 7” memorabile. La base musicale (e perché no, anche quella grafica) in un certo senso risente di emanazioni post-punk inteso non come clonazione di quart'ordine di P.I.L. o Gang Of Four, ma nel senso che la radice si trova in quell'hardcore evoluto che si accasava su Troubleman, Gravity, GSL, Vermiform e compagnia bella (o brutta?!). I Putiferio quello stile lo maneggiano bene e la voce di Panda (anche se sul disco penso che ci siano più voci) ci si inserisce "'na crema" anche perché, pur lavorando all'interno di un contesto ben definito, i quattro lo maneggiano in modo incredibilmente buono per un primo lavoro, ma appunto, ognuno è frutto del suo passato e c'è chi lo riesce a sviluppare senza crogiolarsi nel rimpianto. I Putiferio si portano dietro/dentro i primi Us Maple, delle reminiscenze wave/Joydivisioniane degne di Get Hustle, Pleasure Forever ed Antioch Arrow dati in pasto ai meno psicolabili della Skin Graft e della Touch And Go quando non era ancora "leccata". Niente hardcore quindi?… Invece è proprio lì il bello: nonostante le dissonanze, il blues-noise, i tappeti di synth (o il lavoro di post-produzione?), le deformità da storpi, ci troverete delle belle frattaglie disseminate lungo un asse delirante che lega Neurosis, Universal Order Of Armageddon e Worst Case Scenario, ragion per cui suono deforme e new/now wave ma non senza calci nei denti. Se vi manca qualcosa (in tutti i sensi) oppure se avete sentito i With Love e vi siete chiesti da dove venivano fuori e dove andavano, ascoltando i Putiferio vi troverete di fronte alle stesse domande. Se il vostro "no future" si era ammosciato a forza di eccitanti mal fatti e scaduti, se "ok, strano, ma a mì me piase el rock che rompe il culo"… beh, se così è, allora è di nuovo tempo di alza bandiera.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Giovanni Rossi – Industrial [R]Evolution (Tsunami, 2011)

Va sempre più arricchendosi la bibliografia riguardo alla musica industriale in lingua italiana. Quest'opera di Giovanni Rossi, giornalista di Ritual…

28 Sep 2011 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more

?Alos/Xabier Iriondo – S/T 7" (Tarzan/Bar La Muerte, 2011)

Avevamo colpevolmente lasciato indietro questo dischetto che associa la voce di Stefania Pedretti/?Alos alla musica di Xabier Iriondo, due personaggi…

05 Sep 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - No Abiding Place (Afe, 2006)

Sebbene non si possa parlare di un who’s who della dark ambient, No Abiding Place comprende alcuni dei nomi più…

26 Sep 2006 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi & Nicola Quiriconi – Licheni (Azoth, 2019)

Simon Balestrazzi e Nicola Quiriconi hanno già avuto modo di lavorare assieme in diverse occasioni, sia dal vivo che nel…

03 Sep 2019 Reviews

Read more

Betzy – Romancing The Bone (Lady Lovely, 2010)

Essere concepiti a New York, anche se poi si cresce in una valle alpina, è cosa che segna nel profondo.…

04 Jan 2010 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Father Murphy - Orsanti They Call Them (Yerevan Tapes, 2013)

Per la gioia di tutti gli aficionados del loro personalissimo culto tornano i Father Murphy: dopo Anyway Your Children Will…

04 Jun 2013 Reviews

Read more

Belp - Hippopotamus (SVS/Schamoni Music, 2018)

Il tedesco Sebastian Schnitzenbaumer è attivo dal 2013 con il monicker Belp e produce musica elettronica principalmente per la sua…

19 Jun 2018 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Enrico Conglio & Matteo Uggeri - Open To The Sea…

Prima collaborazione fra Enrico Coniglio e Matteo Uggeri in questo disco che si avvale dei suoni di molti musicisti, del…

26 Sep 2017 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato -…

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la…

07 May 2010 Live

Read more

Your Intestines - Untitled (Pink) (Black Petal, 2008)

Quando nel mio negozio preferito di dischi, il mitico Sunshine and Grease a Melbourne, mi sono affidato a Pat (non…

02 Nov 2010 Reviews

Read more

Paolo Monti - Di suoni, moti e persone

Già prima dell'ascolto e della recensione (recente) di We Were Never One macchinavo con i vertici di Dissipatio label una chiacchierata…

12 Sep 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top