Papiro – Rise (Solar Ipse, 2019)

Marco Papiro lo ricordo bene alla chitarra degli svizzeri Mir, autori di uno splendido album omonimo – uscito per Wallace – che rileggeva l’eredità dei Godflesh secondo le linee del post-rock più intraprendente e sperimentale. Conclusa quell’esperienza ritrovo il nostro dietro una distesa di synth modulari alle prese col settimo disco a suo nome (in realtà la carriera solista era iniziata con i Mir ancora in vita): Rise mette in fila cinque brani dalla generosa durata, anche se con tempi disugualmente ripartiti, che rivisitano in chiave personale e non scontata la cosmic music. Inevitabilmente la presenza dei synth analogici e le partiture dilatate riportano al tempo che ben conoscete, ma in realtà quello a cui punta Papiro non è semplice revival. Potrebbe apparire così da Anestax, che occupa i primi 20 minuti del disco, il brano più vicino al classico suono kraut (Tangerine Dream, tanto per fare un nome): accordi che mutano lentamente, vibrazioni che ne increspano la superficie, vocalizzi femminili che provengono da costellazioni lontane, ma più che senso di nostalgia si avverte una ricerca di classicità. Il discorso è comunque ardito, perché se non amate particolarmente questi suoni, o se ne negli anni addietro ne avete avuto abbastanza, rischiate di perdervi la parte più interessante del lavoro, che si sviluppa da qui in poi. Habidi Lom, col suo mood da fiera di paese e gli stranianti ritmi da contatore geiger, sembra quasi uno scherzo, ma è in realtà lo snodo essenziale di tutto il lavoro: ci conduce nel tunnel scuro di Leossa, un tunnel che alla fine non ha una luce, ma i landscape desolati di Ov Fiatina. L’atmosfera si è fatta più rarefatta ma non meno evocativa, i battiti sono spariti, il suono è diventato translucido pur senza perdere matericità e nel loop infinito di Phazo assume i toni di una malinconica contemplazione delle rovine: per qualche oscura ragione, pur in assenza di evidenti analogie stilistiche, mi ha ricordato i Popol Vuh dell’esordio. Per le ragioni a cui accennavo in precedenza potrebbe non essere facile superare lo scoglio del primo brano (e quello di una copertina non proprio invitante), ma se lo fate scoprirete un  disco immaginifico ed evocativo, che ha la sua piena ragione d’essere nel presente.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Reveille - Broken Machines (Clapping Music, 2014)

Broken Machines è il secondo album di questo duo francese, composto da François Virot, voce e chitarra, conosciuto…

05 Mar 2014 Reviews

Read more

Vinzenz Schwab - Dings #1 (Canto Crudo, 2014)

Dall'Austria arriva Vinzenz Schwab, un altro musicista contemporaneo da aggiungere alla schiera di quelli che hanno già trovato posto sulle…

19 Jun 2015 Reviews

Read more

Nigloswing - Senza Filtro (Autoprodotto, 2005)

Un tuffo negli anni ’30, quando il “mer” era più blu, e non solo quello di Charles Trenet, più di…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Lēvo – S/T (Zen Hex, 2019)

La nuova uscita su 7” dell’aretina Zen Hex è il battesimo musicale del concittadino Lorenzo Cardeti, unico titolare del progetto…

26 Mar 2019 Reviews

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi – Trax To Trax (Silentes, 2012)

Per uno stakanovista della musica come Gianluca Becuzzi operazioni come Trax To Trax sono quantomai benvenute, permettendo all'appassionato di trovare…

08 Jan 2013 Reviews

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

L'Ultimo Disco Dei Mohicani, intervista a Maurizio Blatto

Una varia umanità che spazza via qualsiasi noiosa "pippa" da appassionati di musica. La negazione assoluta di qualsiasi nozionismo musicale fatto apposta…

22 Feb 2011 Interviews

Read more

Almeno Sei Metri Da Terra - S/T (Lanterna Pirata, Taxi…

Furioso screamo senza fiato nella migliore tradizione italica (Storm(o), La Quiete) per questa band genovese di esordienti. Nove pezzi da…

06 Apr 2020 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Matawan - We Lingered In The Chambers Of The Sea…

La primavera alle porte, il sole del tramonto che filtra dalle tende e... l'immancabile (almeno per me) disco ambient agrodolce…

06 Apr 2018 Reviews

Read more

Le Ton Mité - Version D'Un Ouvrage Traduit (Music A'…

Originario di Olympia, Washington e folgorato dalla Francia, McCloud Zicmuse ha deciso un bel giorno di maggio del 2006…

07 Jan 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top