Paolo Angeli – Sale Quanto Basta (ReR/Off Set/Arti Malandrine, 2013)

Anche se dal giorno dell’uscita è passato qualche tempo non è troppo tardi per parlare del nuovo lavoro di Paolo Angeli: l’estate porta aromi di Mediterraneo anche nei luoghi più lontani dal mare e un disco del genere è la colonna sonora ideale per viaggiare, anche solo con la fantasia. A guidarci il suono della chitarra sarda preparata, oggetto interessante da vedere, nella sua commistione fra antico e moderno, ma ancora più incredibile da ascoltare, per il suo concentrare nello spazio di un solo strumento le potenzialità di un’intera ensemble.
È certamente questo il lavoro più compiuto di Angeli, dove la pura ispirazione si incarna senza attriti in un suono in cui modernità e tradizione sono inscindibili, alfabeto di un nuovo linguaggio quanto mai necessario, non solo per raccontare il mondo, anche per ricrearlo. E sebbene si tratti di musica prevalentemente strumentale (con la sola Primavera Araba a fare da significativa eccezione) il messaggio arriva forte e chiaro. L’idea che sta dietro a questo disco è quella di una tradizione vista non come canone e costrizione, ma come ricco repertorio a cui attingere elementi da combinare in nuove forme. Nulla in Sale Quanto Basta ci appare estraneo, i suoni acustici e le melodie, così come certe asprezze ottenute con l’ausilio dei pedali e i ritmi, eppure le composizioni sorprendono e strutturando questi elementi in forme nuove ci aiutano a mettere in discussione quello che già credevamo di sapere; lo fanno con tocco gentile, senza traccia di spocchia o pedanteria. Il disco si ascolta tutto d’un fiato, nel suo fluire, attraversando le atmosfere ora meditative ora drammatiche (la bellissima Brida), i sapori di Spagna e del Vicino Oriente, i toni quasi rock (storto…) di Senza Parole, il jazz anomalo di Frasi Fatte, il lirismo di Primavera Araba. Siamo a mille chilometri dalla retorica del folk virato jazz e rock che faceva la gioia delle commissioni culturali delle università del ’68 e che ancora oggi getta la sua ombra sinistra su tanta musica “impegnata”; Paolo Angeli dimostra come, consapevoli delle proprie radici, sia possibile evolversi naturalmente e senza troppi intellettualismi. Un discorso valido anche al di là del semplice ambito musicale: capirlo sarebbe già di per sé una rivoluzione.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

VV. AA. - Cinque pezzi facili 5 (Under My Bed,…

Capolinea per la serie Cinque Pezzi Facili: quinto capitolo, ultimi due gruppi. E finalmente, accostando le copertine, potrete riconoscere il…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita…

22 Feb 2019 Reviews

Read more

Runes Order - Re: Murders (Luce Sia, 2018)

Per la serie "recuperi e ricorsi storici" la Luce Sia si tuffa nelle tenebre del passato per riesumare un altro…

07 Feb 2019 Reviews

Read more

Kinetix - Absolute Grey (Koyuki, 2009)

Dopo aver recensito negli ultimi tempi una serie di dischi in cui Gianluca Becuzzi compare in collaborazioni con altri musicisti,…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Squadra Omega – 06/05/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

In quella che voleva essere una stagione riassuntiva con il meglio delle precedenti puntate, gli Squadra Omega (gente di Mojomatics,…

12 May 2010 Live

Read more

Burzum - Fallen (Byelobog, 2011)

 Quanto ci sarebbe da dire su ogni nuovo lavoro di Burzum. Nel 2011, dopo sedici anni di prigione ed un…

19 Feb 2011 Reviews

Read more

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

Mauve - Sweet Noise On The Sofa EP (Canebagnato, 2007)

Copertina che rimanda a quelle spartane di album indie o emo usciti negli anni novanta (primi Modest Mouse, Mineral, Karate,…

23 Sep 2007 Reviews

Read more

Nicker Hill Orchestra – All The Different Deaths… And Rebirths…

Il post rock come il progressive italiano alla fine degli anni ’70? Quanto manca prima che, numericamente parlando, gli attuali…

22 Oct 2009 Reviews

Read more

Adamennon - Nero (Autoprodotto, 2011)

Torna con un nuovo album, dalla sua dimora persa nell’Appennino tosco-emiliano, il musicista che si cela dietro al nome di…

16 Sep 2011 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Mon Electric Bijou - Terror At The Gates (Delta Poison…

Un'insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou…

20 Aug 2012 Reviews

Read more

Sator - S/T (Taxi Driver, 2015)

Cinque brani per l'esordio della band genovese più interessante nell'ambito della musica pesante: già dai primi concerti dal vivo il…

29 Jun 2015 Reviews

Read more

Adam Ant - Is The Blueblack Hussar In Marrying The…

Ma dai non sarà Adam Ant, quell'Adam Ant... e invece sì. Del tipo che l'ultimo suo lavoro ha la stessa…

25 Mar 2013 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top