Paolo Angeli – Sale Quanto Basta (ReR/Off Set/Arti Malandrine, 2013)

Anche se dal giorno dell’uscita è passato qualche tempo non è troppo tardi per parlare del nuovo lavoro di Paolo Angeli: l’estate porta aromi di Mediterraneo anche nei luoghi più lontani dal mare e un disco del genere è la colonna sonora ideale per viaggiare, anche solo con la fantasia. A guidarci il suono della chitarra sarda preparata, oggetto interessante da vedere, nella sua commistione fra antico e moderno, ma ancora più incredibile da ascoltare, per il suo concentrare nello spazio di un solo strumento le potenzialità di un’intera ensemble.
È certamente questo il lavoro più compiuto di Angeli, dove la pura ispirazione si incarna senza attriti in un suono in cui modernità e tradizione sono inscindibili, alfabeto di un nuovo linguaggio quanto mai necessario, non solo per raccontare il mondo, anche per ricrearlo. E sebbene si tratti di musica prevalentemente strumentale (con la sola Primavera Araba a fare da significativa eccezione) il messaggio arriva forte e chiaro. L’idea che sta dietro a questo disco è quella di una tradizione vista non come canone e costrizione, ma come ricco repertorio a cui attingere elementi da combinare in nuove forme. Nulla in Sale Quanto Basta ci appare estraneo, i suoni acustici e le melodie, così come certe asprezze ottenute con l’ausilio dei pedali e i ritmi, eppure le composizioni sorprendono e strutturando questi elementi in forme nuove ci aiutano a mettere in discussione quello che già credevamo di sapere; lo fanno con tocco gentile, senza traccia di spocchia o pedanteria. Il disco si ascolta tutto d’un fiato, nel suo fluire, attraversando le atmosfere ora meditative ora drammatiche (la bellissima Brida), i sapori di Spagna e del Vicino Oriente, i toni quasi rock (storto…) di Senza Parole, il jazz anomalo di Frasi Fatte, il lirismo di Primavera Araba. Siamo a mille chilometri dalla retorica del folk virato jazz e rock che faceva la gioia delle commissioni culturali delle università del ’68 e che ancora oggi getta la sua ombra sinistra su tanta musica “impegnata”; Paolo Angeli dimostra come, consapevoli delle proprie radici, sia possibile evolversi naturalmente e senza troppi intellettualismi. Un discorso valido anche al di là del semplice ambito musicale: capirlo sarebbe già di per sé una rivoluzione.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Giovanni Rossi – Industrial [R]Evolution (Tsunami, 2011)

Va sempre più arricchendosi la bibliografia riguardo alla musica industriale in lingua italiana. Quest'opera di Giovanni Rossi, giornalista di Ritual…

28 Sep 2011 Reviews

Read more

Extra Large Unit - More Fun, Please! (PNL, 2018)

La Large Unit di Paal Nilssen-Love è il suo personale ensamble dedito all’improvvisazione spesso molto radicale, visto i componenti che…

17 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top