Nicola Mazzocca – Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi con i suoi Klippa Kloppa (autori di almeno 17 dischi, sto aspettando notizie più precise da Nicola stesso), ma il proprio nome è il proprio nome quindi l’aspettativa è altissima. Chiedo venia, non sono un fine conoscitore dell’arte del nostro, ho un disco solo dei KK casertani ( Liberty, uscito nel 2019 su Snowdonia) e quindi mi concentrerò esclusivamente sulla mia conoscenza di Nicola e su questo disco, opera che segue la vita di un’ape durante una giornata nel Sud Italia.
Nicola dicevamo, nome reale di Prete Criminale, identità che spingerebbe a pensare ad un rapper Old School piuttosto che ad un fine strumentista.
Ci prende per mano attraverso sette brani suadenti e melliflui, senza mai essere stagnanti ne dolciastri. L’ape viaggia tra paesaggi più o meno mediterranei, per quanto ne so non si sposta più di una manciata di km ma la vista che si può avere beh, di sicuro la Sicilia, il Nord Africa, l’entroterra. Ingrediente che Nicola manteca con sapienza, ricordandomi per affinità elettive quella splendida congrega di anarchici olandesi che sono i The Ex. C’è molto in queste tracce, c’è un mondo che è sia pastorale che cibernetico, che di bug è pieno il cosmo, i nostri computer ed i nostri impianti stereo. Nicola ha mano leggera e dona un tocco tutto suo a questi paesaggi, baldanzoso in Naturally a girl, naturally a woman, fra odori Henry Cow e David Thomas and the two Pale Boys. Odori forti, acri, che Marisa (la nostra ape, una Apis Mellifera Linnaeus) attraversa spedita fino ad uno slargo, in cui chiacchiere e legni che battono la rendono insicura, conscia della propria fragilità. Ma non c’ê tempo, questa eterea contemplazione non può fermarla. Si carica allora di lustrini, balzando da un bit all’altro in Jerry learns his manners / lost world in uno scenario di favi lucenti che fanno capire chi sia la regina. Sinuosa, stilosa, tirata a lucido, una nuvola in discoteca. In Cities Stefano Costanzo suona insieme a Nicola con le sue percussioni, guidando Marisa in spettali vicoli buoi e disabitati, fino ad incontrare la bestia, il Child Molester che si vende benissimo, tiene il ritmo e viene raccontato nell’atmosfera al tempo stesso eterea e velocizzata, come un flashback in flash forward. Alla partenza di Una vita al secondo capisco, ricollegandomi al tocco di Nicola. C’è della Francia scintillante in questo senso, quasi che la nostra Marisa si fosse vista qualche video di Sebastien Tellier o dei Daft Punk transitando davanti a qualche negozio di elettronica. O forse è solamente l’unione cyborg della sua parte animale e cibernetica. Non lo sapremo mai, talmente fugace e variegata la sua esistenza, che termina spandendosi in un post-rock oleoso che a me ha ricordato addirittura i Salaryman. Minnie riunisce Nicola a Mariano Calazzo aka Draghen, altra anima Klippa Kloppa ed è l’ultimo brioso volo della nstra ape, che ebbra della vita si lascia ad una saltabeccante anarchia. Poi? Poi ci si concentra, con la title track, elaborazione e sunto del percorso di quella che è la vita di un ape e di quella che è la vita dell’opera. Clangori e battiti fra sintetico e primordiale, come un sound system in un favo, col Dio Pan ai flauti e le fatine a svolazzare portando l’idromele. Riportano in basso i bpm e l’atmosfera, con un rientro ad un ebbra sobrietà. Miele per le orecchie.

 

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianni Gebbia / Miss Massive Snowflake - Phonometak Series #6…

Spero che molti di quelli che stanno leggendo conoscano Gianni Gebbia, si tratta di uno dei jazzisti (off?) di più…

29 Jun 2009 Reviews

Read more

Beck - Modern Guilt (XL, 2008)

Inutile negare la grande colpa del Bob Dylan degli anni '90, il grande genietto che ha saputo, se non per…

20 Sep 2008 Reviews

Read more

White Hex - Heat (Avant!, 2012)

I White Hex sono un duo australiano composto da Tara Green e Jimi Kritzler, per un po' di tempo di…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Deafheaven - Sunbather (Deathwish, 2013)

Incensati da stampa e webzine un po' ovunque, i californiani Deafheaven pur non inventando nulla sembrano e vogliono mettere d'accordo…

22 Nov 2013 Reviews

Read more

John Russell/Andrea ICS Ferraris - After​-​Dinner (Fratto9 Under The Sky,…

Questa registrazione del 2008 vede finalmente la luce ad opera della Fratto9 di Gianmaria Aprile e mostra come il lato…

04 Jan 2016 Reviews

Read more

Le origini documentate di una specie rumorosa

Tre brani clamorosi che anticipano nettamente la nascita del noise (così come lo percepiamo con le orecchie di oggi) ai…

27 Feb 2011 Articles

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

Gravitsapa – Vulgata (HYSM?, 2013)

Chissà come reagirebbe il buon Vladimir Il'ič Ul'janov nell’ascoltare un gruppo ucraino suonare come dei consumati musicisti provenienti dalla capitale…

04 Dec 2013 Reviews

Read more

Jabber Garland - Primitive Future (Sincope, 2014)

Jabber Garland è il nome che i norvegesi Andreas Brandal e Sindre Bjerga hanno dato alla loro collaborazione, e questa…

14 Nov 2014 Reviews

Read more

Minnie's - Il Pane E Le Rose (No Reason/Antstreet, 2006)

Un altro ritardo cronico nelle recensioni? Sì e no stavolta: è da parecchio che aspetto il nuovo disco dei Minnie's…

11 Nov 2007 Reviews

Read more

Fuh - Extinct (Autoprodotto, 2007)

Due anni fa i Fuh uscivano con un EP dal titolo Int/Ext. Questo Exinct mi è parso per giorni il…

08 Sep 2008 Reviews

Read more

Black Elk - Always A Six Never A Nine…

Esterefatto. Credo che lo stupore totale sia quanto di più vero riesca a manifestare di fronte ad un disco…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more

Walter Schreifels - an open letter to the scene (Arctic…

Spero che il nome non vi sia nuovo, perchè per gente che ha bazzicato nel circuito hardcore o che ha…

06 Jul 2010 Reviews

Read more

Candy - Good To Feel (Triple B, 2018)

Abrasivo, veloce e soffocante come un ferita da taglio cauterizzata, in tutta fretta, con della benzina. Non sorprende che i…

09 Nov 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top