Nicola Mazzocca – Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi con i suoi Klippa Kloppa (autori di almeno 17 dischi, sto aspettando notizie più precise da Nicola stesso), ma il proprio nome è il proprio nome quindi l’aspettativa è altissima. Chiedo venia, non sono un fine conoscitore dell’arte del nostro, ho un disco solo dei KK casertani ( Liberty, uscito nel 2019 su Snowdonia) e quindi mi concentrerò esclusivamente sulla mia conoscenza di Nicola e su questo disco, opera che segue la vita di un’ape durante una giornata nel Sud Italia.
Nicola dicevamo, nome reale di Prete Criminale, identità che spingerebbe a pensare ad un rapper Old School piuttosto che ad un fine strumentista.
Ci prende per mano attraverso sette brani suadenti e melliflui, senza mai essere stagnanti ne dolciastri. L’ape viaggia tra paesaggi più o meno mediterranei, per quanto ne so non si sposta più di una manciata di km ma la vista che si può avere beh, di sicuro la Sicilia, il Nord Africa, l’entroterra. Ingrediente che Nicola manteca con sapienza, ricordandomi per affinità elettive quella splendida congrega di anarchici olandesi che sono i The Ex. C’è molto in queste tracce, c’è un mondo che è sia pastorale che cibernetico, che di bug è pieno il cosmo, i nostri computer ed i nostri impianti stereo. Nicola ha mano leggera e dona un tocco tutto suo a questi paesaggi, baldanzoso in Naturally a girl, naturally a woman, fra odori Henry Cow e David Thomas and the two Pale Boys. Odori forti, acri, che Marisa (la nostra ape, una Apis Mellifera Linnaeus) attraversa spedita fino ad uno slargo, in cui chiacchiere e legni che battono la rendono insicura, conscia della propria fragilità. Ma non c’ê tempo, questa eterea contemplazione non può fermarla. Si carica allora di lustrini, balzando da un bit all’altro in Jerry learns his manners / lost world in uno scenario di favi lucenti che fanno capire chi sia la regina. Sinuosa, stilosa, tirata a lucido, una nuvola in discoteca. In Cities Stefano Costanzo suona insieme a Nicola con le sue percussioni, guidando Marisa in spettali vicoli buoi e disabitati, fino ad incontrare la bestia, il Child Molester che si vende benissimo, tiene il ritmo e viene raccontato nell’atmosfera al tempo stesso eterea e velocizzata, come un flashback in flash forward. Alla partenza di Una vita al secondo capisco, ricollegandomi al tocco di Nicola. C’è della Francia scintillante in questo senso, quasi che la nostra Marisa si fosse vista qualche video di Sebastien Tellier o dei Daft Punk transitando davanti a qualche negozio di elettronica. O forse è solamente l’unione cyborg della sua parte animale e cibernetica. Non lo sapremo mai, talmente fugace e variegata la sua esistenza, che termina spandendosi in un post-rock oleoso che a me ha ricordato addirittura i Salaryman. Minnie riunisce Nicola a Mariano Calazzo aka Draghen, altra anima Klippa Kloppa ed è l’ultimo brioso volo della nstra ape, che ebbra della vita si lascia ad una saltabeccante anarchia. Poi? Poi ci si concentra, con la title track, elaborazione e sunto del percorso di quella che è la vita di un ape e di quella che è la vita dell’opera. Clangori e battiti fra sintetico e primordiale, come un sound system in un favo, col Dio Pan ai flauti e le fatine a svolazzare portando l’idromele. Riportano in basso i bpm e l’atmosfera, con un rientro ad un ebbra sobrietà. Miele per le orecchie.

 

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Gazebo Penguins - Legna (To Lose La Track, 2011)

Due anni fa al Tago Mago Fest ho avuto la fortuna di imbattermi in un live di un power trio…

21 May 2011 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more

Artifact Shore - Fun Is Near (Interference Shift, 2007)

In questo mini cd della durata di venti minuti circa, gli Artifact Shore dimostrano che alla facciazza di quelli che…

04 Apr 2008 Reviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Dmonstrations - Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l'ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con…

06 Dec 2006 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Nembrot/Andrea "Ics" Ferraris - Il Suono Dell'Olifante (Zero Sonico/HYSM?, 2011)

La recensione del disco a otto mani tra il trio partenopeo dei Nembrot e il nostro Andrea Ferraris tratta di…

22 Nov 2011 Reviews

Read more

Blood Axis + Rosa Rubea + Roma Amor – 23/06/2013…

Era evento assai atteso la calata degli americani Blood Axis, illustri portabandiera del folk pagano e capitanati da quel Michael…

12 Jul 2013 Live

Read more

Blistrap - Remotion (Setola Di Maiale, 2009)

Nuove uscite su Setola Di Maiale ed alcune vedono coinvolto il patron stesso dell’etichetta che come immagino sappiate è il…

20 Sep 2009 Reviews

Read more

Doppler - Songs To Defy (SK, 2008)

Fa piacere notare che sotto il profilo musicale Lione non si sia mai addormentata. Se negli anni novanta ne…

21 Nov 2008 Reviews

Read more

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top