Murmur Mori – La Morte Dell’Unicorno (Casetta, 2018)

La prima cosa che si nota del nuovo disco dei Murmur Mori è il suo essere un lavoro ormai maturo: lo stile è collaudato – folk che guarda a 360° alla tradizione italiana ma incorpora influssi europei di oggi e di ieri – gli arrangiamenti impeccabili, le liriche splendidamente sposate alle melodie. Eppure, per essere un album della maturità, La Morte Dell’Unicorno è sorprendentemente aperto, non definitivo; lo è perché il gruppo è in continuo movimento e la raggiunta perfezione stilistica è solo un punto d’appoggio da cui continuare una ricerca proiettata tanto al passato quanto al contemporaneo. È una semplificazione eccessiva, ma torna utile per il momento, analizzare i brani secondo queste due categorie. Guardano indietro, alla tradizione europea medievale, le improvvisazioni strumentali di Ballo Tradizionale, Antico Passo e Danza Vermiglia – tutti basati su ritmi e melodie d’epoca – così come l’antica canzone di protesta Ai Vist Lo Lop e A La Stagion Che’l Mondo Foglia E Flora, che musica una poesia della poetessa duecentesca Donzella Compiuta; lungi dall’essere una pura opera filologica – aspetto comunque presente – questo rinsaldare i legami col passato è un punto fondamentale della poetica dei Murmur Mori. Diventa evidente quando, da quello stesso passato, il gruppo ripesca storie dimenticate e le fa vivere nel presente, dimostrando come il loro valore non scemi col tempo, semmai si accresca grazie allo sguardo lucido e scevro di ideologizzazioni che sa gettare sulla realtà odierna: è il caso di Lo Schiavo Fuggiasco (da un racconto di Paolo Diacono), La Volpe D’Oro (antica leggenda senese), La Nave Dei Folli. La morte annunciata nel titolo non è la fine ma solo una tacca sull’eterna ruota del tempo, idea che poi tornerà ne Il Fiume Scorre: in copertina il corno dell’animale morente va a fecondare la corolla di un fiore vermiglio ed è il punto di (ri)partenza del tutto. Ci addentriamo nel disco accompagnati dal temibile ma benevolo lupo de Lo Schiavo Fuggiasco, vero animale-guida, primo di una lunga schiera che abita le tracce: ci sono i cani e i cavalli che scortano La Caccia Selvaggia, complesso mito europeo sul risveglio della natura e sulla sua forza violenta, c’è la grande volpe che pone un limite all’agire umano (La Volpe D’Oro), ci sono gli uccelli che accompagnano col cinguettio la chitarra de La Suite Del Bosco e gli animali proto-orwelliani di Ai Vist Lo Lop che invece rappresentano il potere oppressivo delle istituzioni politiche e religiose. Siamo lontani dalle odierne contrapposizioni fra chi romanticizza e chi demonizza l’animale selvatico: quelli di cui cantano i Murmur Mori sono agenti di una forza primordiale che non ci chiedono protezione né aiuto, ma con la loro sola presenza ci riportano a una dimensione più concreta e autentica dell’esistenza. Non meno potenti sono poi le storie delle persone alla ricerca di una libertà perduta: chi vorrebbe fuggire da un matrimonio imposto (A La Stagion Che’l Mondo Foglia E Flora), chi è soggetto a una forzata emarginazione (La Nave Dei Folli, che non sfigurerebbe nel repertorio dei Dead Can Dance), chi agogna il ritorno alla terra natia (Lo Schiavo Fuggiasco). La Morte Dell’Unicorno va ad integrare (ma probabilmente non ancora a completare) un ambizioso canzoniere che ci parla di un tempo eternamente presente, rendendolo nella sua complessità, lontano da semplificazioni e facili soluzioni e lo fa, sotto la patina gentile e raffinata delle composizioni, attraverso canzoni di lotta che, risuonando nel petto, nutrono il corpo non meno della mente.

 

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Maisie - Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino (Snowdonia,…

Maisie di Syd Barrett ha più di 50 anni ed è la figlia sghemba di suo padre. Maisie di Alberto…

06 Feb 2022 Reviews

Read more

Actionmen - Ramadama (Inconsapevole/Autunno Dischi/BellsOn, 2013)

Incidere un album doppio di musica hardcore è decisamente un azzardo. In pochi, nel corso della storia, sono riusciti nel…

27 Jan 2014 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

Belfi/Grubbs/Pilia – 13/11/10 Interzona (Verona)

Dopo aver apprezzato l'ottimo lavoro in studio del terzetto italo-americano ci si presenta la possibilità di verificarne le qualità in…

02 Oct 2010 Live

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

Maximum Awesome - S/T (Sabbatical, 2007)

Ho dato un’ascoltata veloce alla maggior parte dei lavori di quest’etichetta e bene o male, oltre che un’estetica base nel…

08 Mar 2009 Reviews

Read more

Morose/Campofame – Cinque Pezzi Facili, Volume 4 (Under My Bed,…

Il penultimo capitolo della serie Cinque Pezzi Facili ospita due graditi ritorni: quello dei Morose, che dopo La Vedova Dell'Uomo…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Kotha – XI (This Winter Will Last Forever, 2017)

Make Sodapop metal again, part. 2. Dopo Boslide è l’ora di Kotha, progetto esordiente che esce per un’etichetta che è…

12 Jun 2017 Reviews

Read more

Owen - Ghost Town (Polyvinyl, 2011)

L'anima sentimentale dei Kinsella, - non Sophie, quella del libro I Love Shopping e I Love Shopping…

14 Oct 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 36 (02/07/15)

Puntata numero trentasei della terza stagione di The Sodapop Fizz, Alberto Boccardi ospite di Emiliano e Massimo con un po'…

05 Jul 2015 Podcasts

Read more

Sparkle In Grey - Mexico (Lizard/Grey Sparkle/MCL/Old Bycicle/Afe, 2011)

Invecchiato tre anni. Questo riporta la cover del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey. E come un buon whisky che…

21 Feb 2012 Reviews

Read more

Naim Snaps: The Spaghetti Dual Rail

Last birthday I received many beautiful gifts: one of them was a tiny little Naim Snaps power…

04 May 2007 Articles

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top