Toshimaru Nakamura – Re-Verbed (No-Input Mixing Board 9) (Room40, 2018)

Toshimaru Nakamura è uno dei pionieri del no imput mixing, accanito nel sondare ed esplorare questa pratica facendola avanzare di molto e cercando continuamente nuovi sbocchi applicativi. Passando dall’impro all’elettronica e cimentandosi in molteplici collaborazioni, è diventato un nome assolutamente imprescindibile della manipolazione partendo dagli ingressi a vuoto. Alcuni sviluppi del suo stile lo hanno visto impegnato nella costruzione di brani dai confini meno slabbrati e improvvisativi in favore di una forma, facendo le dovute proporzioni, più musicale e definita, in qualche modo meno astratta. I risultati di questa ricerca sono molto affascinanti e li si possono apprezzare ad esempio nel nuovo Re-Verbed, appena uscito su Room40.
L’insieme di base di suoni sfrigolanti, rumorismi, feedback compressi e distorti, stridori e distorsioni di ritorno vengono gradatamente piegati in un’elettronica sperimentale più narrativa, che riesce a contenere la materia incontrollabile all’interno di una forma che ne mantiene la sostanza ribollente e fragorosa, sintetizzando il contrasto tra scansione ritmica e una timbrica fredda e rumorista. Una visione che ha il buon gusto di sapere utilizzare in modo appropriato la tensione reiterativa arricchendola con dettagli che spingono verso una temporalità discorsiva, facendosi apprezzare per varietà e ottima capacità di sintesi. Così tra dub laceranti dai bassi eccessivi e frangenti di elettronica nervosa e schizofrenica, possiamo trovare distensione quando il suono trasfigura in pattern ambientali, facendo emergere una poetica meno scontrosa e più intimista; senza farsi comunque mancare, come giusto che sia, passaggi stridenti più indeterminati. Il punto di forza di Re-verbed, però, sta nell’intendere il ritmo estremizzandone i toni e straziandone i contorni, come succede nell’ottimo finale, dove la stratificazione profondamente dub entra costantemente in distorsione, imprimendo all’ascolto un effetto di notevole potenza. Un lavoro che mostra un’indiscussa classe compositiva ed esecutiva.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Montauk - S/T (Autoprodotto, 2013)

Con un nome che richiama l'oltreoceano (vi basterà cercarlo su google per scoprire come ho fatto io le tante cose…

14 Jun 2013 Reviews

Read more

Benjamin Finger / Mia Zabelka / John Hegre - Live…

Ancora un’occasione per apprezzare il gioco di contrasti e la ricerca linguistica di Benjamin Finger di cui già avevamo potuto…

13 Sep 2019 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

The Strange Flowers - The Grace Of Losers (Autoprodotto, 2011)

Dai che non sono fuori tempo massimo per parlare dell'ultimo disco affidatomi nell'ormai anno scorso. Non lo sono neanche gli…

20 Mar 2012 Reviews

Read more

2000 - 2010: non è successo niente?

Ultimamente imperversa l'irritante campagna mediatica che accompagna l'uscita dell'ultimo libercolo del signor Simon Reynolds. Un critico, che nella musica di…

08 Oct 2011 Articles

Read more

JeanVasBrûler - Firmament Pentagramme (XcRoCs, 2009)

Firmament Pentagramme si presenta sotto forma di cd 3" e da quello che mi pare di capire dovrebbe essere un…

29 Jul 2009 Reviews

Read more

High On Fire - De Vermis Mysteriis (E1 Music, 2012)

Inarrestabili Matt Pike e soci tornano con il sesto album: ancora una volta un lavoro avvolto dentro una fitta nebbia…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

La Furnasetta /Sara Ohm – Bat Kvinnor (Industrial Coast, 2020)

Il rapporto fra La Furnasetta e la Industrial Coast continua arricchendosi di un nuovo capitolo, condiviso stavolta con la svedese…

05 Aug 2020 Reviews

Read more

Riga - Escapism (Chew-Z, 2011)

Ero curioso di sentire questo disco dei Riga e non mi ha lasciato con l'amaro in bocca. C'erano varie ragioni…

07 May 2011 Reviews

Read more

Aquarian - S/T (Dufresne, 2006)

A distanza di breve tempo dalla recensione dello split Dot(.) - Mathians la Dufresne ha fatto uscire una versione limitata…

25 Oct 2006 Reviews

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

Equus - Eutheria (Get A Life, 2008)

Entusiasmante debutto per l'elvetico terzetto che, believe it or not, raggiunge a pieno titolo la palma di band Cinematica…

30 Apr 2008 Reviews

Read more

AA.VV. - Treatment Effects (Chew-Z, 2007)

Treatment Effects, che arriva ad un anno esatto dalla nascita della net label torinese Chew-Z, è la seconda compilation nel…

10 Jun 2008 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Ocean Music

O del perdersi e ritrovarsi quando passano le glaciazioni e le ere si consumano come noccioline al circo. Era il…

13 Jun 2010 Articles

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top