MSMiroslaw – Organes De La Voix, Chants Funėbres Pour AHYHW (Trasponsonic, 2018)

Il legame di Mirko Santoru/MSMiroslaw  con la Sardegna, la sua terra, va ben oltre la semplice esistenza fisica del musicista: proprio la musica è il mezzo utilizzato per penetrare gli strati più profondi dell’isola – siano essi spaziali o temporali – indagando e annodando i legami fra passato e presente. Con questo EP il campo si allarga paradossalmente inserendo dei paletti: la voce è l’unica fonte sonora, alterata solo dagli effetti e dall’acustica dei luoghi che hanno ospitato la registrazione (i nuraghi di Borore) e la post-produzione (la grotta di Nasprias): ne esce un disco di musica post-industriale (più di un punto di contatto si può trovare con The Secret Barbarous Names di Nordvargr, che parte da premesse simili) dove alle rumorose strutture di fondo si sovrappongono voci, se non intellegibili, almeno sempre riconoscibili come tali. Quello di Organes De La Voix è un viaggio che parte dal profondo di noi stessi e conduce all’esterno, portando con s’è le nostre più profonde fobie per dar loro forma e, forse, esorcizzarle. Come in uno studio di fonetica sperimentale ogni brano è intitolato col nome di un organo dell’apparato fonatorio, fatta eccezione per le prime due tracce: Amygdale, l’amigdala, area del cervello che gestisce le emozioni e in particolare la paura, inevitabilmente inquietante e spettrale, e Oesophage, l’esofago, luogo dove le angosce si manifestano. Da qui inizia la risalita, fra senso di catarsi e ricadute, che assume molteplici forme man mano che percorre il cavo orale: invocazione (Laryngo-Pharynx e Cordes Vocales), mantra polifonico (Cavité Nasale), oscura litania (Glotte, Epiglotte E Langue). Il suono/voce, per quanto ostico, non appare poi così alieno, ancorandosi ad un subconscio memore di epoche passate, così l’effetto sull’ascoltatore è di straniante trasporto, come se ci muovessimo in stato di semi-incoscienza; non si giunge a una redenzione, d’altronde dubito fosse quello l’obiettivo, quanto piuttosto alla conoscenza di una spiritualità indissolubilmente legata al concreto, al tangibile. Molti altri sono i ragionamenti che si potrebbero fare su un lavoro del genere, ad esempio approfondendo il rapporto di continuità fra spirito, corpo e luoghi, o analizzando il passaggio senza soluzione di continuità fra natura e cultura, ma sono suggestioni che è giusto lasciare alla sensibilità di ogni ascoltatore: Organes De La Voix apre molte porte, ad ognuno la scelta di quali attraversare.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Primal Scream - Beautiful Future (B-Unique , 2008)

Arrivarci, a vedere il futuro rosa! E forse qualcuno la personale quadratura del presente l'ha trovata, tanto da cantarla a…

25 Sep 2008 Reviews

Read more

Miss Kenichi - The Trial (Sinnbus, 2014)

Katrin Hahner arriva al terzo disco come Miss Kenichi e fin dalle prime note di questo The Trial non lascia…

07 Oct 2014 Reviews

Read more

Slowcream - Wax On Wool (Nonine, 2009)

La Nonine è stata una delle migliori sorprese dello scorso anno in ambito elettronico e per di più si tratta…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Indigents - Bottomless Sinking (Sincope, 2012)

Indigents è un duo formato dal catalano Héctor O. aka Mindload e dal francese Stephane Kerandel aka Terrortank, attivo con…

30 Jul 2012 Reviews

Read more

Connect_icut - Crows & Kittywakes & Come Again (Rev Laboratories/Aagoo,…

Seconda uscita per la sussidiaria più elettronica della Aagoo e secondo centro: Connect_icut in quaranta minuti riesce a mostrare tutte…

14 Mar 2014 Reviews

Read more

Natural Assembly - Army Of Departure (Avant!, 2012)

Duo londinese completamente immerso nella tradizione della dark wave ottanta questi Natural Assembly, in pieno stile Avant! direi. L'etichetta bolognese…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Sebastiano Meloni/Adriano Orrù/Tony Oxley - Improvised Pieces For Trio (Big…

Nella mole di cd che riceviamo e che escono, purtroppo ho accumulato un po' di ritardo nel recensire questo lavoro…

30 Sep 2010 Reviews

Read more

Two Dollar Guitar + Chris Brokaw - 01/12/06 Milk Club…

Invecchiare non è il male. Galline, vischi maschio col fischio e senza raschio*, vino, amicizie e tutto quello in cui…

06 Jan 2007 Live

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Gopota – Knots Of Fear (Torga Amun, 2016)

Gopota (delinquente di basso livello in russo) è uno di quei progetti che non fa sconti e apparentemente con poca…

26 Aug 2016 Reviews

Read more

M.B. - I.B.M. (Final Muzik, 2012)

Continuano le ristampe della serie Final Muzik Eighties e per la terza uscita arriva in catalogo addirittura Maurizio Bianchi con…

03 Apr 2013 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

Plakkaggio - Ziggurath (Hellnation, 2015)

Dalla provincia dell'impero ritorna il terribile trio sempre carico di nostalgico NWOBHM in chiave romper stomper. Ma, ricapitoliamo il percorso…

07 Oct 2015 Reviews

Read more

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top