Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che immagino siano un rendering digitale, ma potrebbero benissimo essere un’opera di Edoardo Tresoldi): esili ma solide e con un che di spettrale. Structure 1 ne è fin da subito un buon esempio: pochi strumenti, quasi tutti anticonvenzionali (metalli incurvati e baloon sax accompagnati da una loop station), e un incedere lento, quasi doom, che si dipana in forma libera come un corteo in una fosca New Orleans. Assunto il post-industrial come filosofia, Structures sa guardarsi intorno per prendere dalla realtà quanto gli serve da riutilizzare nei propri schemi, sia esso il trombettismo mesmerizzto di certo jazz di frontiera (Structure 2) o il concretismo rivisto in chiave ritualistica che sembra chiamare in causa i Phurpa  di Structure 3, o ancora le atmosfere liturgiche, a cui contribuisce Simon Balestrazzi, di Structure 5. Sono tutte influenze che, insieme ad altre, diversificano e colorano (a tinte invero sempre fosche) il lavoro, ma che non gli fanno perdere personalità o coerenza: le strutture sono salde e il disegno che sottintende a tutta l’operazione rimane chiaramente leggibile nel corso dell’intero disco. Un disco che, è giusto precisarlo, non è dei più immediati ma richiede tempo e voglia di immergervisi per sfuggire all’impressione superficiale che si tratti del solito lavoro di rumore strascicato e informe. Le possibili interpretazioni e suggestioni, sotto l’apparente freddezza delle tracce contraddistinte da numeri ordinali, sono molteplici e non secondario è il fatto che in Structures quasi nulla è ciò che appare ( o meglio, si ode): ascoltate un suono che battezzate come una tromba o un sax o un timpano, poi leggete nel libretto ed è altro, il più delle volte uno strumento autocostruito, perché il disco è anche un banco di prova per molte creazioni dello stesso Olla, in veste dunque non solo di musicista, ma anche di novello Efesto, forgiatore di insoliti strumenti metallici. È questo un disco che riserva parecchie sorprese, sta a voi dargli la possibilità di farvele scoprire.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Haarp Machine - Disclosure (Sumerian, 2012)

Una doverosa premessa: non sono assolutamente un esperto di technical death metal, o di progressive metal, quindi non ho masticato…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

Om + Lichens – 30/01/10 Interzona (Verona)

E venne il giorno degli Om. La notte anzi, umida e fredda, ma almeno non nevosa, cosa rara di questi…

02 Feb 2010 Live

Read more

The Lovely Savalas - Pornocracy (Above Ground, 2011)

Ho sempre pensato che già dalla cover si possa intuire molto del contenuto di un disco. Cristiano Carotti, l'artista umbro…

16 May 2011 Reviews

Read more

Lydia Lunch’s Big Sexy Noise – 18/12/10 Latteria Artigianale Molloy…

Mi ero messo nell'ordine di idee di sottopormi a una lunga fila a cinque gradi sotto zero per assistere al…

04 Jan 2011 Live

Read more

Illachime Quartet - Sales (Zeit/Lizard, 2012)

Tornano gli Illachime Quartet con Sales, disco di remix e rielaborazioni varie da brani estratti dai loro due dischi e…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Il Buio - Via Dalla Realtà, 7" (Corpoc, 2012)

Dopo il bel vinile d'esordio sulla media distanza, torna Il Buio da Thiene con un sette pollici, notevole sia dal…

02 May 2012 Reviews

Read more

Sodastream - Reservations (Trifekta/ Homesleep, 2006)

Oramai mi sa che abbiamo speso tutti gli elogi possibili per questo gruppo australiano, così amato dalle nostre parti. Tanto…

27 Oct 2006 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Tarlo Terzo (Wallace, 2008)

Nuovo Bachi Da Pietra, di cui immagino sentirete abbondantemente parlare visto che oltre a godere di una buona attenzione da…

16 Oct 2008 Reviews

Read more

qqqØqqq – A Lustrum Before Revelations (Casetta/È Un Brutto posto…

Stravolge la successione temporale l’ultimo lavoro del duo trevigiano qqqØqqq: registrato nel 2015, ben prima della pubblicazione di Burning Stones…

01 Aug 2021 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Anabasi (Sincope, 2013)

Fra le etichette in circolazione la Sincope è certamente da annoverare come una delle più coerentemente devote al rumore, non…

28 Jan 2014 Reviews

Read more

Murmur Mori - La Morte Dell'Unicorno (Casetta, 2018)

La prima cosa che si nota del nuovo disco dei Murmur Mori è il suo essere un lavoro ormai maturo:…

05 Jul 2018 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more

Destroy All Gondolas – Laguna Di Satana (MacinaDischi/Shyrec/Sonatine/Deathcrush/Crampi, 2017)

Dev’essere qualcosa disciolto nell’aria o nell’acqua (o nel vino?) che fa sì che certe cose possano venire fuori solo dal…

05 Jul 2017 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top