Mario Pigozzo Favero – Mi commuovo, Se vuoi (Dischi Soviet Studio, 2022)

Era il 2002 quando conobbi l’artista Mario Pigozzo Favero. Guidava con piglio deciso i Valentina Dorme con il loro primo album ufficiale, Capelli Rame. Univano in maniera inusuale erotismo, cultura, verbosità e piglio rock. Immagini stupende quelle che si sono susseguite nei loro dischi fino al 2015, con l’ovvio titolo La Estinzione Naturale Di Tutte Le Cose.
Seguono anni suppongo di ritiro artistico, di vita professionale e privata (l’unico indizio è dato dal cumincato stampa, che ci avvisa della paternità del nostro, di due bimbi belli ed intelligenti), che ci portano al 2022 con un disco nuovo a proprio nome, Mi commuovo se vuoi, avvalendosi di ottimi e misurati collaboratori. Innanzitutto i Non Voglio Che Clara, semplicemente una delle bands più eleganti e sinuose della musica italiana tutta (roba che se fossimo nella perfida Albione sarebbero i Divine Comedy tanto per dare un tono all’ambiente, Martino Cuman come produttore e tutto il roster a colorare qua e la). Poi Giulio Ragno Favero al mastering, i classici  Arrigo Pietrobon e Sebastiano Crocetta ad oboe e pianoforte. Chiudiamo con Marta Cannuscio, Diego Dal Bon, Francesco Ivone e Guido Berton. Lo so, strano citare tutti i nomi dei musicisti coinvolti ma quando il risultato è cosi coeso il merito è dell’ideatore, anche e soprattutto per la scelta dei collaboratori.
Bando alle ciance, spazio al narratore che ci mostra subito di che pasta è fatto. Una doppietta spettacolare, prima una lucida visione, onesta e disillusa, di una fine annunciata. Uomo di una certa età, post-separazione, due figli a carico, Pornostar, ex moglie in tribunale “…mi piaceva la disillusione, quegli occhioni blu, non nego che ogni tanto si giaceva insieme.” su un tappeto sintetico e puntuale sopra il quale lascia intravedere la strada sulla quale si è formato. Poi Ai Defilati, salmodica dedica al mondo ed ai suoi abitanti che tutti dovrebbero ascoltare e biascicare soli per strada, con il rischio di venir presi per pazzi (menzione per la tromba di Francesco Ivone che svicola per tutto  l’incipit, da crepacuore). Poi si sale di tuono, con una Le Preghiere Della Sera che sembra trasportare Rino Gaetano in Veneto con un’asperità da sagrato. Con Latakia invece si torna quasi ad una versione puntuta della bossa nova dove ritorna il tema dell’uomo di una certa età “fra i 50 e i 51 non è facile incontrare uno specchio, regalarsi un chissà. Chi può fa, chi non può desidera, una piuma di colibrì dentro alla tempesta.. Ecco, questo tema mi lascia vagamente perplesso, trovando la penna del nostro affilata e sagace, la personalità innegabile, me lo immagino carismatico e di successo, con milioni di copie vendute e schiere di ammiratori. Ok, ESAME DI REALTÀ, scusatemi.
“L’odio ha i suoi diritti, la sua sacralità, le sue abitudini la sua vanità, arriva in genere nel tardo pomeriggio, esce la sera e torna, se gli va.”
Il livello del disco rimane alto per tutta la sua durata, senza trovare una caduta di tono in 13 tracce. Il nostro istrione rimane saldo al timone mentre sotto ed attorno a lui i musicisti giocano con musichine d’antan come in Uno dei tanto Orfei, o con i toni gravi e pianistici impreziositi dal dialetto di El Sbrego. L’Inferno Siamo Noi è onesta, lancinante e tocca ascoltarla. E La Nave Va, per riprendere il titolo di un brano, fino al penultimo brano, Il Metro Del Sarto, dove il nostro si mette il cuore in mano e ci racconta il suo amore e la loro pace quassi fosse di fronte a lei e noi a spiarlo, disturbandone l’intimità. Troppa grazia, chiudiamola con L’Orco Di Sigurtà, dove ci si rivolge direttamente ai nostri sogni, scacciandone il babau a suon di voce.
Che dire? Un disco pregno di parole e di storie, sostenuto da un tessuto sonoro curioso ed intrigante, con un’enfasi sorprendente ed un tessuto elegante e rigoroso.
Una volta dischi del genere venivano candidati a premi prestigiosi ed i loro autori defiti maesti di una scuola regionale. Qui, a naso, non succederà nulla di tutto ciò, mondo gramo, ma da una ventina d’anni si tira dritto su livelli di eccelllenza, che si sappia…

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Waines - A Controversial Earl Playing (Autoprodotto, 2007)

E’ uno skin and bones rock n’roll che si ostina a parlare a voce alta. Così va giustamene definito il…

04 Sep 2007 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 13 (15/01/15)

Per la puntata numero tredici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano è in diretta con Andrea Napoli di…

19 Jan 2015 Podcasts

Read more

Converge - Live At The BBC (Deathwish, 2014)

Nuovo 7 pollici per i paladini dell'hardcore più furioso e metallizzato: i Converge tornano a distanza di un anno e…

14 May 2014 Reviews

Read more

Teletextile - Glass (Lili Is Pi, 2011)

Uh. Indie pop un pò elettronico con una gran bella voce femminile oltre a Psapp? Benvenga, porca la miseria! Come…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Body Bag Redemption/Anti-Bodies - Split (O'style, 2011)

Ritorna il malefico reverendo Andrea Valentini, vecchia conoscenza di noi sodapoppari come di chiunque si fregi di conoscere i…

17 Nov 2011 Reviews

Read more

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more

Arrington De Dionyso – Malaikat Dan Singa Tak Terbatas (Autoprodotto,…

A cosa serve una recensione? Dal punto di vista del lettore, intendo. Può essere un consiglio (o uno... sconsiglio) per…

14 Mar 2010 Reviews

Read more

Ranter’s Bay & Pablo Orza - ειμαρμενη (Kaczynski, 2020)

Fra le infinite collaborazioni che costellano il catalogo della Kaczynski quella fra Ranter’s Bay e Pablo Orza non l’avevamo ancora…

07 Aug 2020 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - ...And So We Destroyed Everything (Monotreme, 2013)

Questo è un album di debutto. Incredibile pensarlo tale, vista la maturità sonora che il quartetto di Sydney in questione…

09 Dec 2013 Reviews

Read more

Psychofagist: grind freak con eleganza

Ho scoperto gli Psychofagist ai tempi del loro disco su Subordinate: li avevo trovati interessanti fin da subito, tanto che…

16 Jun 2012 Interviews

Read more

Trapcoustic - Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio…

06 Mar 2022 Reviews

Read more

Den LXV - Ur:Volk (Vintage Pharmakon, 2011)

Altra uscita per la neonata Vintage Pharmakon, creatura di Federico Esposito, che dopo l'esordio col suo monicker Kapalika ora pubblica…

29 Mar 2012 Reviews

Read more

Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai - Sweetness & Light EP…

"Tu sei completamente stanco", questo il significato del nome che gli Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai hanno scelto: trio che…

17 Mar 2010 Reviews

Read more

Toilet Door n.1 - Avanti Savoia!

In questo clima di libertaria apertura mentale anche Andrea Ferraris, Marco Giorcelli e Emiliano Grigis indagano per capire se…

29 Mar 2010 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top