Ibisco – Nowhere Emilia (V4V Records, 2022)

Recensione ucronica.
Lucio Dalla debutta nel 1966 con 1999, esplode in un successo clamoroso. Adotta un bimbo, lo chiamerà Filippo. Dopo Banana Republic scazza pesantemente con Francesco De Gregori ed emigra a Manchester. Filippo ha 13 anni e segue il padre nelle scorribande all’Hacienda, giocando insieme ai ragazzi del bar, ridendo di Vini Reilly e finendo in acido un paio di volte per sbaglio grazie alle vincite ai dadi con Bez. Inizia a scribacchiare canzoni ma mentre rientra in aereo in Italia per le ferie (tappa classica, ogni anno due mesi a Bologna, maglietta di Kennet Andersson lisa su pantalone a sigaretta nero, sotto pioggia o sole) purtoppo il carrello ha un problema ed è il crash. Criogenizzato viene risvegliato nel 2020, la prima cosa che sente è Bomba di Vergo, alle audizioni di X Factor.
Stretching, flessioni e rientra subito in studio, per far uscire Nowhere Emilia nel 2022. È un oggetto strano, liscio e nero, non ha avuto tempo di elaborare nulla ed ha buttato su nastro quello che pensa sia la sua vita.
L’indolenza di Meduse ha un soffio urlato che pare Calcutta rigato di Rimmel, per fortuna l’italiano si è conservato perfettamente, senza inflessioni mancuniane. Filippo tiene i BPM bassi lasciando scivolare intensità nei brani, uno dopo l’altro. I segni sul collo di Bologna Nord, reticoli di strade che compongono un corpo in continuo viaggio, troppo proiettato verso l’universo per rimanere con i piedi per terra, “…su batterie elettroniche dentro le canoniche, nelle case su chi c’è, nelle fughe via da me.”
Il mischione ha un senso, eccome se ce l’ha. L’Emilia Romagna è virata in grigio, il beat è dritto e discreto ma il ragazzo ha il colore nella voce ed urlando come al Dall’Ara i brani sono subito inni. Ragazzi è la cricca, stretta in un balletto ed il mondo fuori, coi diti medi come pugnali. In B c’ê tutto il ripiegarsi su se stessi, illangudito dalla voce di Enula, con rimpianti. Quando poi si esce dalla città la voce ed i paesaggi si aprono notturni ed infiniti. Pianure ha tutto quello che serve per essere cantata e ballata dopo una cena liquida, soli ed abbandonati, una canzone da malessere e da abbracci senza smettere di muovere quel piedino, unica parte del corpo che riesce a non piangere.
Houtunno, oltre ad avere il titolo più bello del mondo, ha un’atmosfera austera e dritta, grazie a sparute note di piane ed ad una voce dispersa come non mai ma che riesce a farsi grave. Chimiche è un anthem tra flash di discoteche in disuso e lirismo malefico, non fidatevi di chi non la canticchia e dica che non sia buona, è ovviamente malafade. Si avanza nei Quartieri, dove Filippo vuole fare a meno di mediocrità ed ipocrisia, escludendosi da una massa nella quale ovviamente non si riconosce chiedendo aiuto al gruppo. Il gruppo…c’è veramente il sospetto che queste canzoni possano essere la rappresentazione di qualcosa che non conosco esattamente ma che sembra sorretto da un bel sentimento e da pacchi di stile. Tintoria non abbassa la tensione ma lancia anzi segnali importanti, tra il campione vocale di Pier Paolo Pasolini e citazioni del passato senza però mai sembrare passatista, fra un anima blues ed un cocktail bum bum. Ma è già tempo di chiusura, con Luci finali, tra albe, nebbia ed altri paesaggi notturni…anzi no, prendiamoci un altro momento, per un remix di ragazzi, a cura di Populous, che fa ben sperare per sessioni in discoteche buie, minimi movimenti di danza e rigore mancuniano colorato di brio e di sprazzi batucada.
Gran bell’esordio.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Roberto Fega – Daily Visions (Creative Sources, 2012)

Ottimo manipolatore di suoni, Roberto Fega intaglia il suono con sapienza artigianale attingendo dalle fonti più disparate, da una parte…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Battles - Mirrored (Warp, 2007)

Il concept del gioco di specchi che campeggiano dalla copertina alle foto promozionali, dal video di Atlas al poster interno,…

21 May 2007 Reviews

Read more

Franz Rosati – Ruins (Nephogram, 2014)

Nuovo lavoro per il romano Franz Rosati, musicista, videoartista, discografico (sua l’etichetta che fa uscire il disco) e membro dell’attivissimo…

18 Jul 2014 Reviews

Read more

Agamotto - S/T (Cosmic Swamp, 2012)

Esordio per il duo italico Agamotto (dal nome di un personaggio Marvel) sulla nostrana Cosmic Swamp, etichetta dedita a stoner,…

13 Feb 2013 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Massa Sonora Concentrata – Boe (Setola Di Maiale, 2015)

È terra estrema la Sardegna, in senso geografico e culturale, terra di confine e di confini. Se dall’isola ci sono…

18 Dec 2015 Reviews

Read more

Arab On Radar – Sunshine For Shady People DVD (Three…

E’ con notevole ritardo, giusto quel paio di annetti, non me ne voglia il buon Grigis sempre fiducioso nei confronti…

03 Jun 2010 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Gretel E Hansel - Follow The Porcupine (Madcap, 2008)

Niente strega cattiva, niente casetta di marzapane, niente di tutto ciò: l'unica favola che troviamo nell'album di Gretel E Hansel…

06 Jun 2008 Reviews

Read more

Torba/Luca Sigurtà & Prayin For Oblivion - Tape Crash No.4…

Quarto episodio della serie tape crash per la svizzera Old Bicycle, musica che aggiunge elementi di confusione al vostro stereotipo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

Ranter's Groove - Musica Per Camaleonti (Kaczynski, 2018)

Nel recensire la compilation-manifesto della Kaczynski Records avevamo segnalato Ranter's Groove come l'episodio migliore della raccolta, è quindi un piacere…

24 Jun 2018 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Father Murphy - Brigadisco's Cave #6 (Brigadisco, 2011)

Date le derive che sta prendendo, non da oggi, la società, è plausibile pensare che certi ambiti verranno ad assumere…

29 Nov 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top