Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient lattiginoso e spettrale, a tratti estatico, accostabile a certe uscite di Final o ai remix che lo stesso Broadrick elaborò due anni fa, proprio in questo periodo, per l’EP natalizio del suo progetto Jesu.
È musica che, per sua natura, si presta ad interpretazioni umorali: anche apprezzando il genere potreste trovarlo talvolta trasportante, talvolta incommensurabilmente noioso, senza che una delle due opzioni escluda definitivamente l’altra. Tuttavia, al di là di ogni soggettività, Plan Z mi sembra presentare alcuni punti oggettivamente interessanti, in particolar modo il carattere narrativo del lavoro: a un inizio pacifico, dove suoni cristallini si sovrappongono al drone pulsante disegnando atmosfere spettrali e malinconiche, fa da contrappunto l’innalzamento delle frequenze basse, che fungono da richiamo e anticipazione di quello che sarà il finale. Nel prosieguo, ritmiche e improvvisi aumenti di volume innalzano la tensione, ma la leggerezza del tocco dei musicisti evita che il suono risulti eccessivamente oppressivo: si ha l’impressione di vagare immersi in una foschia luminosa, che nasconde un paesaggio ibernato ma pulsante. La traccia conclusiva è invece ricca di chiaroscuri e suoni contrastanti, come se ci fossimo addentrati nelle profondità di un bosco, ma con sorpresa e un pizzico di delusione, il finale rimane sospeso, con un suono che si esaurisce senza dirci nulla di definitivo. Ma forse, come recita quel detto, più importante della meta, è il viaggio che si fa per raggiungerla. Che poi vogliate leggere Plan Z come un percorso iniziatico, una passeggiata nella natura invernale o altro, sta di nuovo alla vostra indole.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Leather Parisi - Clockwise Mayhem (Industrial Coast, 2021)

Ormai l'entità che si cela dietro il sinistro logo sadomado da prima serata Rai è diventata artisticamnete inagguantabile. Ha sublimato…

02 May 2021 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Spazio Sacro (Time Released Sound, 2015)

Giulio Aldinucci già da qualche anno produce musica tra il field recordings e l'elettronica ambientale e ultimamente è molto attivo:…

16 Mar 2016 Reviews

Read more

Kinetix/Pylone - Sonology (Sound On Probation, 2010)

L'etichetta francese Sound On Probation è il mezzo che il musicista elettronico Laurent Perrier usa per pubblicare in completa autonomia…

04 Nov 2010 Reviews

Read more

Arrington De Dyoniso + Sabot – 20/03/10 C.S. Bruno (Trento)

Bella scoperta il Bruno, centro sociale anormalmente pulito e dagli orari di inizio e fine concerti insolitamente umani, sito in…

20 Mar 2010 Live

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more

Palumbo/Tommasini - The Hunting Dog Of Bootes The Hersman (Chew-Z,…

Questo disco è quello che si suol dire una gran bella sorpresa, immagino che qualcuno di voi dirà che era…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

White - III (Aagoo, 2013)

Cory Thomas Hanson arriva al terzo disco col monicker White e continua a fare tutto da solo: musica, testi, produzione,…

04 Jul 2013 Reviews

Read more

Hype Williams - Rainbow Edition (Big Dada, 2017)

Nonostante pare che Dean Blunt e Inga Copeland non siano più coinvolti in Hype Williams, mi giocherei qualcosa che lo…

11 Sep 2017 Reviews

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

Adriano Zanni – Songs To The Sirens (Silentes/13, 2020)

Il nuovo lavoro di Adriano Zanni - pubblicato dalla 13, sottoetichetta della Silentes, nella serie Private Sounds - si presenta come un curatissimo…

03 Mar 2021 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days – The Birds Sings As Bells (Final…

La stabilità giova decisamente alla prolificità dei Twelve Thousand Days : siamo al terzo album in quattro anni per la…

27 Apr 2022 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

The Vaselines - 28/01/12 Bronson (Ravenna)

Reunion. Best of suonati pedissequamente. Ignobili crowdpleaser degni dei peggio leccapiedi del pubblico da letteratura di serie Z. Di solito,…

10 Feb 2012 Live

Read more

Julia Kent - Asperities (Leaf, 2015)

Julia Kent arriva al quarto disco solista e riesce a sorprendermi con Asperities, che per me è la sua uscita…

05 Jan 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top