Grizzly Imploded – Steel From Your Brow (Metzger Therapie, 2016)

Arriva a materializzarsi su vinile il suono dei Grizzly Imploded a due anni dalla cassetta su Sincope di cui vi parlammo a suo tempo e dal CD-R Autonomia che invece ci siamo persi ma che sarà il caso di recuperare. Per ora però c’è questo Steel From Your Brow che conferma quanto già sapevamo e innesta qualche elemento nuovo e inatteso. In un genere dove non sempre è facile distinguere fra le proposte valide e i semplici fomentatori di gazzarra un brano come Shells Speak Aloud sgombera subito il campo: è musica improvvisata di quella che non si improvvisa ma nasce dalla pratica e dalla volontà di mettersi in gioco di continuo; a un inizio incerto e disturbato segue un crescendo che si trasforma in un’equilibrata tenzone dove si perdono i comuni rapporti fra le forze in gioco (ricordiamolo, due chitarre e una batteria), tutti fanno ritmo e tutti fanno… melodia. Se dovessi identificare un elemento che rende riconoscibile il suono dei partenopei indicherei proprio questa salutare assenza di gerarchie fra gli strumenti. La sorpresa è che nei due pezzi successivi i fattori in gioco sono quattro: arriva la voce, che a memoria non credo sia mai stata della partita. Nella sorniona e sottilmente spigolosa Flowed Out Of The Cyclones Waking To Lightning Jolts fa i vocalizzi di Gaelle Cavalieri fanno appena capolino, ma in Full Of Flames sono l’elemento caratterizzante (opera stavolta del chitarrista Sergio Albano): il brano è forse il meno rock del disco, prossimo alla concrete music, con la voce da bluesman sbronzo che ogni tanto emerge dal rumore (per darvi una vaga idea, pensate ai Madrigali Magri che icontrano gli Starfuckers). Poi il pezzo si fa più teso, diventa quasi uno scontro al rallentatore e anche la voce sale di tono, trasformandosi in un lamento che svetta in un finale disastroso ed epico. Visto il risultato particolarissimo – il cantato viene ad essere un anomalo elemento d’ordine – è una strada che meriterebbe di essere battuta. Sì è così arrivata alla fine del lato; sull’altro troviamo una Surrounded By Dark Poplars che prima avanza a fatica e poi sferraglia che è un piacere e una Livid Shadows That Blind The Pawns rilassata e minimale dove grande spazio ha la batteria mentre le chitarre sono impegnate nel produrre microsuoni e sfregamenti, finchè i battiti che occupano sempre più lo spazio e le corde insistenti che stridono e dronano rendono più tesa l’atmosfera e conducono il disco alla fine. Nello strano universo parallelo dove i Grizzly Imploded sono un normale gruppo rock questa sarebbe la loro ballata sbancaclassifica, ma in questa dimensione, ho già avuto occasione di dirlo ma mi ripeto volentieri, il trio partenopeo suona probabilmente l’unico rock’n’roll possibile oggi, di sicuro l’unico che abbia senso.

Tagged under: , , ,

1 Comment

  1. Pingback: “Steel From Your Brow” reviewed on Sodapop | Grizzly Imploded

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Owun - 2.5 (Atypeek Music/Reafførests, 2017)

Tornano gli Owun e continuano questa loro seconda vita iniziata qualche anno fa con il precedente Le Fantôme De Gustav,…

14 Feb 2018 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

Panel Of Judges + The Aesthetics + Zond + Hissey…

Serata di band locali assieme ai "cugini" neozelandesi The Aesthetics in uno dei locali con la più lunga tradizione per…

20 Sep 2010 Live

Read more

Gianni Mimmo/Harri Sjostrom - Live At Bauchhund, Berlin 2010 (Amirani,…

Ennesimo ritorno di Gianni Mimmo, non che se ne fosse mai andato, anzi, se ci fosse anche solo una qualità…

13 Sep 2011 Reviews

Read more

Mattia Coletti & Own Road/Powerdove – Split Tape (Old Bicycle,…

Una particolarità degli incontri/scontri che la serie Tape Crash della Old Bicycle ci presenta - oltre alla grande varietà stilistica…

20 May 2014 Reviews

Read more

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Nothing Is What It Seems (Silentes, 2011)

Ultima fatica del 2011 per Gianluca Becuzzi questo Nothing Is What It Seems, che viene pubblicato a fine anno da…

19 Mar 2012 Reviews

Read more

AA. VV. - 391 Vol.5 Liguria (Spittle, 2017)

Dopo oltre trent'anni riprende il progetto 391 iniziato agli albori degli anni ottanta per mano di Pierpaolo De Iulis e…

13 Dec 2017 Reviews

Read more

Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions…

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete…

04 Aug 2015 Reviews

Read more

Lili Refrain - Mana (LP/CD/MC Subsound, 2022)

L’apertura è affidata ad un organo ed ad una voce, reiterata e gonfia. Non riusciamo a dire in che lingua…

26 May 2022 Reviews

Read more

Egreen - Nicolás (Autoprodotto, 2022)

Oh mio dio, un album Hip-Hop italiano su Sodapop? Niente paura, Egreen ha collaborato coi the Breakbeast, che sono uno dei…

13 Mar 2022 Reviews

Read more

Uochi Toki/Eterea Postbong Band - La Chiave Del 20 (Wallace,…

Sarebbe semplice dire che i Uochi Toki c'è chi li ama o chi li odia ma sarebbe un po' una…

31 May 2007 Reviews

Read more

Orbe – Albedo (Samsara/Meltin Pop, 2011)

Direttamente da quel braccio del Lago Maggiore che volge a mezzogiorno, più precisamente da Arona, provengono gli Orbe, quartetto strumentale…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Mothers Of The Third Reich – Butterfly (Ambient Noise Session,…

Si presenta con un nome decisamente accomodante questo duo di polistrumentisti inglesi: non è dato conoscerne l'origine e le motivazioni,…

23 Oct 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top