Golem Mecanique – Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo album Nona, Decima et Morta. Se il precedente IV metteva in mostra alcuni degli ingredienti migliori della Jebane in un’ottica di per se interessante, ora vengono strutturati ancora meglio e depurati da elementi più marcatamente elettroacustici; cosa che al contrario di ciò che si possa pensare ne intensifica in realtà la prospettiva di ricerca.
Con un set minimale di voce drone box e organo, e avvalendosi della collaborazione della musicista neofolk Marion Cousin alla voce e all’harmonium, la Jebane costruisce un suono denso e intensissimo, dark ma distante da qualsiasi pomposità di genere. Partendo proprio dalle straordinarie intuizioni drone di Eliane Radigue, la musicista francese sviluppa un personale discorso di musica meditativa, interpretando le architetture perfette di opere come Transamorem Transmortem con un taglio ancestrale che fa emergere una personalità oscuramente cristallina: un minimalismo fatto di coordinate precise e semplici, ma sorrette da una visione tanto forte da fare di queste due tracce un luogo molto affascinante.
Un lavoro che in una prospettiva contemporanea e con sottile acume ci racconta di sensazioni perdute; si concentra sulla risonanza profonda dell’esistenza, fa vibrare l’interiorità dell’ascoltatore per portare alla luce sentimenti occultati in qualche luogo della mente e poi dimenticati. Le parole hanno un potere maieutico, ma la voce, da strumento, via via si fonde con i bordoni che vivono di lente stratificazioni, di attacchi precisi e trasparenti che creano sommatorie impressionati, arricchendo lentamente il suono di pulsazioni subliminali che arrivano ad avvolgere il battito cardiaco. Con un particolare gioco di specchi, l’incedere ripiega su se stesso, acquista una spiritualità primitiva, e man mano che gli elementi trovano la loro perfetta collocazione trascendono la linearità trasformandola in un enorme loop psichico immerso in un tempo ciclico. Un risultato ottenuto con una naturalezza sorprendente.
Nona, Decima et Morta di Golem Mecanique si rivela più di ogni altra cosa un’esperienza riflessiva e profonda, capace di pacificare ma senza alcuna condiscendenza. Tra le cose più belle da ascoltare.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mona De Bo - Nekavejies, Sis Ir Speles Ar Tevi…

Questo duo lettone è autore di un bizzarro drone-doom mutante iper-melodico ispirato tanto alle colonne sonore immaginarie di Zombi…

25 Mar 2010 Reviews

Read more

Toilet Door n.4 - One Shot 90

Chi ha detto che non si esce vivi dagli anni '80 non aveva ancora vissuto appieno la decade successiva. Cosí…

23 Oct 2010 Podcasts

Read more

Father Murphy – Calvary (Blue Tapes, 2015)

“Questo è un Calvario, non è mica una scampagnata!” diceva il Necchi al Melandri, impegnato ad interpretare Cristo in una…

28 Jan 2015 Reviews

Read more

Electric Electric - Discipline (Africantape/Herzfeld/Kythibong/Murailles Music, 2012)

Combo francese dedito ad un math rock sfrenato e contagioso questi Electric Electric, che con Discipline registrano un disco davvero…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Words And Actions – Life Of Farewell (Autoprodotto, 2011)

Se si escludono le produzioni di Larva o di Corpo Parassita era da tempo immemore che non recensivo un gruppo…

03 Nov 2011 Reviews

Read more

Eugene S. Robinson & Philippe Petit – Last Of …

È piuttosto sorprendente la forma di questa collaborazione fra il prolifico Philippe Petit ed Eugene Robinson: non un album di…

12 Mar 2013 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more

Stefano De Ponti & Eleonora Pellegrini – Physis (Manyfeetunder/Grotta, 2017)

Parte da lontano questo progetto di Stefano De Ponti ed Eleonora Pellegrini e chissà che questo disco non sia solo…

29 Dec 2017 Reviews

Read more

Downfall Of Gaia/In The Hearts Of Emperors - Split LP…

Dopo il convincente esordio Epos di recente ristampato sempre da Shove, tornano i tedeschi Downfall Of Gaia, germanici fino al…

17 May 2011 Reviews

Read more

Serio Rock Festival - 11/07/09 (Cologno al Serio - BG)

Arrivare sul luogo del festival, un campo pietroso dove dubito sia mai stato coltivato alcunché, è un po' come la…

17 Jul 2009 Live

Read more

Ibisco - Nowhere Emilia (V4V Records, 2022)

Recensione ucronica. Lucio Dalla debutta nel 1966 con 1999, esplode in un successo clamoroso. Adotta un bimbo, lo chiamerà Filippo. Dopo…

24 Feb 2022 Reviews

Read more

Talibam!/Jealousy Party - Phonometak Series #5 (Phonometak/Wallace, 2008)

Continua inesorabile la serie di vinili marcati Soundmetak/Wallace; la collana solitamente mette insieme nomi conosciuti esteri e nostrani, vecchie glorie…

18 Nov 2008 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Torche + Pelican - 04/10/08 Latte Più (Brescia)

Sperimentiamo oggi un nuovo genere di recensione: la recensione-Memento (se avete visto il film, capirete). Trattando di uno di quei…

02 Oct 2008 Live

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top