Gioventù Bruciata – S/T (Brigadisco, 2014)

I Gioventù Bruciata di Formia sono un calcio in culo (“col fischio o senza?”) che torna a percuoterci le nostre parti basse dopo qualche anno di silenzio. Sono la band di Simone Lucciola, il boss della fanza (cartacea e web) Lamette (forse oggi defunta), ma soprattutto uno dei migliori disegnatori italiani su piazza. Un talento con le matite e i pennarelli che si può ammirare anche sulla copertina di questo vinile omonimo di grezzissimo punk-hardcore italiano, che raccoglie – risuonati – quasi tutti i brani che hanno scritto la piccola grande leggenda di questa band, più qualche inedito e un paio di cover.
Punk alla romana, verrebbe da dire, anche se Formia è a qualche chilometro dalla Capitale e qui si respira tutta l’aria della provincia più fetida e claustrofobica. Ma è pur vero che sentendo i 16 brani racchiusi in questo pezzo di vinile-da-avere-a-tutti-i-costi non può non venire alla mente gentaglia come i Bloody Riot (Gioventù Bruciata è un loro pezzo storico e i nostri la risuonano proprio in chiusura dell’album insieme al mitico Roberto Perciballi) e i Colonna Infame Skinhead. Stessa attitudine nichilista (niente anarcho-punk o hardcore “positivo”, grazie), urla furenti, un cantato monotono e carico di rabbia, linee melodiche pressoché inesistenti, tentazioni oi! vomitate con furia hardcore: insomma 16 pezzi uno via l’altro che sanno di suoni metallici e voci cartavetrate. Canzoni come Formia, dove i nostri ci raccontano cosa vuol dire nascere e vivere alla periferia dell’impero (romano), Odio tutti, che in parte recupera un po’ di melodia e Depressiva, senza compromessi come i grandissimi Fear, sono manifesti di ignoranza purissima da mandare a memoria. Uno dei fulcri del disco a mio parare resta però il brano Sessantotto merda, che sembra scritto sul solco dei due numi tutelari citati poc’anzi: i Bloody Riot di Io Odio I Frikkettoni e i Colonna Infame di Eroe Del 68. Una linea di demarcazione fra il 77 e i favolosi Anni Sessanta che ci ricorda per quale motivo, a un certo punto della nostra vita abbiamo deciso di diventare punk.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Arrington De Dyoniso + Sabot – 20/03/10 C.S. Bruno (Trento)

Bella scoperta il Bruno, centro sociale anormalmente pulito e dagli orari di inizio e fine concerti insolitamente umani, sito in…

20 Mar 2010 Live

Read more

Pablo Montagne – Solo Immobile (Guitar Works) (Setola Di Maiale,…

Guitar Works di nome e di fatto e visto che Pablo Montagne utilizza sia chitarre acustiche che elettriche le variazioni…

28 Sep 2010 Reviews

Read more

Jane & The Magik Bananas - Inscrutable Intentions (Unrock, 2020)

Dopo un lungo periodo di silenzio ritornano i Jane & The Magik Bananas, impro trio dal nome rock’n’roll formato da Sam…

28 Apr 2020 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Ryan Powers Boyle - S/T (Far And Away, 2010)

Indeciso se suonare in una band o fare tutto da solo, questo cantautore, originario di St. Petersburg Florida, alla fine…

05 Sep 2010 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Plakkaggio HC - Ritorno Alla Pangea

Giunto al terzo lavoro (Approdo), dopo Il Nemico (2007) e Fronte Del Sacco (2009), questo terzetto di Colleferro sembra essere…

03 Aug 2013 Interviews

Read more

Moodring – Scared Of Ferret (Silber, 2009)

Gruppo nato da una delle costole degli americani Rollerball (l'ennesimo; D'Annunzio, fosse vivo, creperebbe d'invidia) i Moodring schierano i veterani…

25 Nov 2009 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Non Io (Wallace, 2007)

Se Bruno Dorella fosse nato a Chicago, ora sarebbe sulla copertina di The Wire, abbracciato a Nick Horby, in posa…

03 Jun 2007 Reviews

Read more

Dino Betti Van Der Noot - God Save The Earth…

Nel caso di God Save The Earth ci troviamo di fronte ad un disco che bene o male bazzica l'ambito…

13 Nov 2009 Reviews

Read more

Father Murphy - No Room For The Weak (Boring…

Un cd nero come la pece. Avvicinarsi ai Father Murphy mette un po' a disagio, sensazione che va oltre quell'inquietudine…

22 Oct 2010 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 2 -…

Bene. Dopo la sbrodolata sul footwork, posso a passare a qualcosa di completamente differente. Dj Final Trip (un nome -…

29 Sep 2012 Articles

Read more

...And You Will Know Us By The Trail Of Dead…

A volte ritornano. A volte era meglio che non ritornassero, ma dico subito che non è questo il caso. Era…

28 Sep 2012 Live

Read more

Julia Kent - Character (Leaf, 2013)

Terzo disco solista per Julia Kent, che si accasa questa volta su Leaf, in un continuo crescendo di notorietà: Character…

21 Mar 2013 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana/Stefano Giust/Lorenzo Commisso – Cos'Altro (Setola Di Maiale,…

È certamente un paradosso accostare il termine "classico" a un'etichetta di ricerca come Setola Di Maiale, eppure se dovessimo spiegarne…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Alberto Boccardi – Fingers (Important/Cat|Sun, 2015)

Alberto Boccardi si dà al rock? A chi ricorda le sue prime esibizioni, dove armeggiava con le macchine imbracciando l’inseparabile…

10 Sep 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top