FULkANELLI – S/T (Lemming/Offset/Blinde Proteus, 2012)

Esordisce sulla lunga distanza, dopo lo split-tape con Belorukov vs Marziano di cui già vi avevamo parlato, il duo composto da Paolo Mongardi alla batteria e  Cristian Naldi alla chitarra. Il disco in solitario permette loro di elaborare meglio il concept sottinteso al nome FULkANELLI, rubato al misterioso alchimista del XX secolo, pur con una K al posto della C: copertina con simboli arcani e tre brani di ispirazione esoterica, ALAMBIkkO, INkIOSTRO e kOMPASSO, tutte scritte con in maiuscolo con la sola kappa sempre in minuscolo. Prendere sul serio tutto questo armamentario mi riesce onestamente difficile, decisamente più facile e farlo con la loro musica.
Se in occasione della recensione della cassetta avevo parlato di sperimentalismo noise e influenze kraute, la maggior durata del CD consente al gruppo di ampliare il repertorio e a noi di farci un’idea maggiormente precisa di quella che è la loro musica. I tre brani del disco sono in realtà jam strumentali piuttosto lunghe, in cui la chitarra segue il proprio flusso di coscienza (alterata?) all’insegna di una melodia che a volte prevale, altre cede al rumore, mentre la batteria accelera e rallenta dettando tempi e variazioni. Come è facile immaginare, circoscrivere un genere è impossibile, e in larga misura inutile: nel calderone ribollono jazz, avant-rock, blues, ritmiche dalle cadenze industrial, noise dilatato, ma nel flusso in mutazione continua (che sia questa l’alchimia?) è impossibile isolare l’uno dall’altro. Non si cade mai comunque nel caos o nella confusione: pur nella totale libertà espressiva i due musicisti danno sempre l’impressione di mantenere il controlla della materia musicale che, non fosse ancora  chiaro, batte territori decisamente hard. Un paragone possibile potrebbe essere quello con gli Iceburn di certe registrazioni live, genuina ignoranza in forma libera che non trascura di trasmettere un buon feeling. Inevitabilmente, la maggior complessità rispetto al lavoro d’esordio va a scapito dell’immediatezza: dal vivo immagino il discorso funzioni alla grande, mente su disco ha bisogno di qualche ascolto per essere decifrato e probabilmente ci saranno momenti di maggior e minore interesse, a seconda dei gusti dell’ascoltatore. Ma lo sforzo, non temete, verrà ripagato.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Stefano De Ponti – Apparizione #7 (Apparizione, 2015)

Capita che, al Blau Studio di Milano, vi siano delle apparizioni, apparizioni di artisti, che si prestano a session di…

26 Oct 2015 Reviews

Read more

Hilde Marie Holsen - Lazuli (Hubro, 2018)

L’ispirazione del nuovo disco di Hilde Marie Holsen proviene dai minerali chimici utilizzati per creare i pigmenti usati nella pittura,…

20 Jun 2018 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Bron Y Aur - Millenovecentosettantatre (Wallace, 2007)

Gruppo di dichiarata ispirazione seventies, i Bron Y Aur seguono ormai da anni il proprio discorso artistico infischiandosene altamente di…

04 Jun 2007 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Per Boysen - Sub City 2064 (Bimm,…

Con mostruoso ritardo mi appresto a recensire questa collaborazione che mette assieme il compositore turco, che i più attenti di…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

Faccioli/Gastaldello – Dissangue (Autoprodotto/Tulip, 2013)

Non è raro, fra i musicisti del giro avant e non solo, ritrovarsi in studio, suonare e “vedere quello che…

20 Nov 2013 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.4

Ultima puntata dell’anno. Anche dalle parti di Kitchen Door, laggiù nella pianura, tira aria di buonismo natalizio, che si traduce…

30 Nov 2009 Podcasts

Read more

BiG A little a - gAame (Gigantic Music, 2007)

I meglio informati mi dicono dalla regia che questi BiG A little a sono gente da tener d'occhio, perché sono "nuovaiorchesi",…

24 Jun 2007 Reviews

Read more

Daniele Ciullini - Poisoning At Home (Luce Sia, 2020)

Nella migliore tradizione della urticante label svizzera ci avviciniamo al nuovo lavoro di Daniele Ciullini e immediatamente veniamo proiettati in…

01 Dec 2020 Reviews

Read more

Gregor Samsa - Rest (Own, 2008)

I Gregor Samsa tornano con un nuovo disco, dopo il bellissimo 55:12. Per fortuna non ripetono esattamente la formula con…

25 Apr 2008 Reviews

Read more

Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno…

30 Nov 2009 Live

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Philippe Lamy & MonoLogue - Blu Deux (Phinery, 2016)

Quello fra il veterano francese Philippe Lamy e l’italiana Marie Rose Sarri, in arte MonoLogue (ma anche Moon RA), è…

22 Feb 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top