Enomisossab – O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati i tecnicismi. Però, concedetemelo, credo che l’onesta paghi sempre e si percepisca chi riesce ad andare oltre ed a creare veri e propri mondi.
Diciamo che si paga lo scotto d’ingresso, ma è questione di un attimo. Simone Basso è uomo di groove, trascinante e trasportante, con influssi poliziotteschi e funkettoni a tratti (Fotosintesi è un vero e proprio capolavoro in questo senso, stacco african funk, voce che levati e groove a pacchi, una crasi fra Il Gioiello Del Nilo e Shaft.
Simone ha il dono di portare dentro di sé i lustrini, lustrini che non appesantiscono le sue maschere ma lo liberano e lo rendono aereo. I brani sono abbastanza brevi, quindi le nostre orecchie rimbalzano in contesti differenti, che però seguono uno schema palindromo ben preciso.
Si parte infatti da un prologo, per passare a brani ritmici progressivi, fino ad arrivare a momenti colmi di groove, poi alla musica concreta e di lì a scendere, di nuovo, fino all’epilogo.
3 scalini per lato ed una vetta. Essendo questo “…il primo disco immaginato per chi arriverà dopo – magari con un’astronave..” secondo la presentazione di Simone stesso, quel che posso immaginare è proprio la comunicazione con chi abbia alfabeti, usanze e visioni distanti dalla nostra.
Fascino, sorpresa, seguito, immediatezza. La visione è quella di un mondo cannibalizzato e sfibrato, compromesso dalla presenza dei corpi.
E allora forse il farsi soltanto voce può essere la via, voce che prende a schiaffi, che rimbalza sulla testa come gomma pesante, che ci fa muovere a scatti portandoci ad un’ubriachezza.
Penso che Simone Basso si diverta un sacco nel suo mondo: ci sono diversi abitanti, certo, qualche altare, ovvio, dei disegni rupestri, ma soprattutto ci sono un sacco di suoni, costumi e voci colorate. Possiamo non capirne il senso ma ci beiamo seguendo l’oracolo. Lasciamo che il corpo segua il ritmo e segua il flusso, lasciamo diventare tutti noi punti in movimento di un cerchio, O, che si chiude.
Disco pazzo, di contenuto, di forma, di visione.
Disco pazzo, non cantatelo mentre lo ascoltate in cuffia, il mondo non capirebbe.
Staccate le cuffie e ballatelo insieme al mondo.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Orko Trio – S/T (Dobialabel, 2011)

Disco dalle complesse architetture progressive rock questo esordio dell'Orko Trio, composto da Michele Cuzziol, Enrico Giletti e Giorgio Pacorig, gode…

22 Feb 2012 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l'esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima.…

27 Nov 2013 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Violence (White Birch, 2012)

Terzo lavoro per i Pistoiesi Ka Mate Ka Ora, già trattati su questo sito con le due prove precedenti. Con…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Cronaca Nera - Non Consensual Violence (Luce Sia/Old Europa Cafe',…

Oscuro lavoro di power elettronica senza mezzi termini che in questa incarnazione vede tre illustrissimi dell'area grigia italica: il prolifico…

16 Apr 2019 Reviews

Read more

Satori Junk - S/T (Taxi Driver, 2015)

Stavo leggendo poc'anzi su una webzine concorrente (ebbene si, lo faccio) un'aspra critica al cantato definito "cantilenante" dei Satori Junk.…

09 Apr 2015 Reviews

Read more

Helios - Eingya (Type, 2006)

Paesaggi dipinti da un piano, pizzicati dolcemente da una chitarra e che descrivono i cicli delle stagioni e degli stati…

21 Nov 2006 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Lophophora (deNOIZE, 2012)

Stefano Ferrian (conosciuto ai più come chitarrista degli Psychofagist) ritorna con il seguito di quel primo capitolo in solo che…

28 Mar 2012 Reviews

Read more

Gesuco Razzati – S/T (Autoprodotto, 2013)

Manufatto di pregevole fattura, il CDr dei Gesuco Razzati, misterioso combo eporediese cultore del rumore prodotto con aggeggi elettronici e…

09 May 2013 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

Vialka - Plus Vite Que La Musique (Vialka, 2007)

Credo fermamente che ci siano, da qualche parte, alcuni punti fermi a cui tutti i musicisti più o meno off…

19 Feb 2008 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - (B)Haunted (Silentes, 2014)

Ogni tanto è utile un ripasso della fitta discografia di Gianluca Becuzzi, specie per quei titoli pubblicati in edizioni strettamente…

29 Sep 2014 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

Ulan Bator - 09/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Nei sotterranei del centro storico di Brescia stasera toccai ai francesi (ma da tempo italiani d'adozione) Ulan Bator, ancora una volta in…

03 Apr 2010 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top